Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Novembre 2016

Banco Alimentare

Martedì 29 Novembre 2016

OCCIMIANO (gpc) – E’ stato un buon successo la raccolta che diversi volontari occimianesi hanno fatto, in occasione della Giornata della Colletta Alimentare di sabato 26 novembre. Sono stati raccolti 32 scatoloni chiusi per 197 kg. I ragazzi del CCR si sono impegnati molto e hanno svolto con entusiasmo il compito affidatogli. ritirati dall’associazione ONLUS “Banco alimentare” per essere stoccati per le famiglie in difficoltà. E’ questo il risultato e che ha visto una grande risposta degli occimianesi
Viva la soddisfazione del sindaco Valeria Olivieri e del consigliere delegato Gabriele Cia che esprimono gratitudine ai concittadini che hanno contribuito, ai negozianti sempre disponibili e ai volontari che hanno donato anche il loro tempo.
gpc

bancoal-1.JPG

bancoal-2.JPG

Avvisi Parrocchia San Valerio Occimiano

Martedì 29 Novembre 2016

******** DOMENICA 27 novembre 2016

* S. Messe in settimana
Lunedì 28 novembre: ore 18,00
Martedì 29 novembre: ore 18,00
Mercoledì 30 novembre: ore 18,00
Giovedì 1 dicembre: ore 18,00
Venerdì 2 dicembre: ore 17,30

* Sabato 26 ottobre:
Teatro (Salone parrocchiale, ore 21)

* Domenica 27 ottobre:
Inizia il tempo di Avvento (Veglia sabato 26 in S. Stefano, ore 21)
Presentazione del libro di don Gian Paolo (Un anno con papa Francesco, ed. d.Goccia) a Villanova (Auditorium S. Michele, ore 16)
Vendita benefica delle Corone di Avvento

* Lunedì 28 novembre:
Vespri (ore 17,45) - segue: S. Messa

* A partire da sabato 3 dicembre:
S. Messa ore 16,30 (inverno ed estate)

* Domenica 4 dicembre:
Giornata del Ringraziamento

* Lettura comunitaria dell’Evangelii Gaudium:
Nei 4 venerdì di avvento (S. Messa , ore 17,30, cui segue la Lettura dell’EG
Pomeriggio di spiritualità al Carmelo domenica 4 dicembre (partenza, ore 15,30)

* Lunedì 5 dicembre:
Festa del beato Filippo Rinaldi (S. Messa ore 18,00)

Telecomando

Martedì 29 Novembre 2016

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

“PAOLO VI – IL PAPA NELLA TEMPESTA” , in onda domenica 4 dicembre su Tv 2000 (alle 21.00) è la storia di Paolo VI: il Pontefice che ha traghettato la Chiesa nella modernità. Paolo VI fu il primo Papa a viaggiare in aereo toccando tutti i continenti. Il primo Papa a tornare nella terra di Gesù. Il primo a riabbracciare il Patriarca ortodosso. Il primo Papa a parlare alle Nazioni Unite. Un uomo del dialogo e del confronto, uomo di fede e di libertà. Portò a complimento il Concilio voluto dal suo predecessore, offrì al mondo il messaggio della Populorum Progressio per richiamare gli uomini alla giustizia sociale in un mondo che stava cambiando per sempre. E a quegli stessi uomini disse una parola esigente sull’amore con l’enciclica Humanae Vitae. Uomo di amicizia e di pace, accettò il dolore dell’incomprensione per amore della Verità, ma volle anche rivolgersi alle Brigate Rosse, pur di salvare la vita di un uomo….
LO ZECCHINO D’ORO giunge alla 59ª edizione e torna su Rai1 fino al 10 dicembre, al sabato, in diretta dall’Antoniano di Bologna dalle 16.45 alle 18.40, e fino alle 20 per la finale. Sono 12 le canzoni inedite in gara, con le quali il repertorio dello Zecchino d’Oro sale a 740 brani, 2 Paesi Esteri rappresentati, Inghilterra e Finlandia, 18 autori di testi e musiche, 5 arrangiatori, 18 artisti dell’animazione, 15 piccoli interpreti provenienti da 10 diverse regioni d’Italia e selezionati dopo un tour che ha attraversato 18 regioni e 33 città, 60 i bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni che canteranno insieme ai solisti, e 2 conduttori, Francesca Fialdini e Giovanni Caccamo, per uno Zecchino d’Oro ricco di novità a partire dal format.
Gian Paolo Cassano

La parola di Papa Francesco

Martedì 29 Novembre 2016

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

Mercoledì 23 novembre Francesco, all’udienza generale, continuando la catechesi sulle opere di misericordia si è soffermato sul consigliare i dubbiosi ed insegnare agli ignoranti. Due opere di misericordia strettamente legate fra loro, a portata di tutti. Il Papa ha citato Giovanni Bosco, Giustino, Giuseppe Calasanzio, santi che sono esempi di cristiani che nei secoli si sono impegnati nel campo dell’insegnamento. La Chiesa sempre ha “sentito l’esigenza di impegnarsi nell’ambito dell’istruzione, perché la sua missione di evangelizzazione comporta l’impegno di restituire la dignità ai più poveri” e “quanti cristiani (…) hanno dato la propria vita nell’istruzione, nell’educazione dei bambini e dei giovani.” Il primo esempio è quello di San Giustino che nel II secolo fondò “una scuola” perché i cristiani conoscessero meglio la Sacra Scrittura. Poi San Giuseppe Calasanzio che a cavallo fra il 1500 e il 1600 aprì le prime scuole popolari gratuite d’Europa e ancora San Giovanni Bosco che preparava i ragazzi al lavoro, in scuole “che abilitavano al lavoro mentre educavano ai valori umani e cristiani. L’istruzione, pertanto, è davvero una peculiare forma di evangelizzazione”.
Infatti la mancanza di istruzione “intacca la dignità” della persona e facilita il diventare “preda dello sfruttamento”. E la piaga dell’analfabetismo che colpisce ancor oggi tanti bambini. Una buona istruzione insegna invece “il metodo critico” che comprende anche “un certo tipo di dubbio utile” a verificare i risultati raggiunti. L’opera di misericordia di consigliare i dubbiosi non riguarda ciò, ma è relativa alla misericordia nel lenire quel dolore che nasce dalla paura e dall’angoscia, conseguenze del dubbio. Francesco si è soffermato sui dubbi che toccano la fede in senso positivo perché portano a voler conoscere più a fondo Dio: ora “i dubbi che toccano la fede, in senso positivo, sono un segno che vogliamo conoscere meglio e più a fondo Dio, Gesù, e il mistero del suo amore verso di noi”. Si tratta di “dubbi che fanno crescere”, perché “è un bene quindi che ci poniamo delle domande sulla nostra fede”; così “siamo spinti ad approfondirla”, anche se questi vanno superati. Il Papa ha poi indicato due aiuti centrali: la catechesi e il vivere concretamente la fede praticandola verso i più bisognosi. Allora tanti dubbi svaniscono perché “sentiamo la verità del Vangelo nell’amore” che condividiamo con gli altri. E la certezza più sicura per uscire dal dubbio  “è l’amore di Dio con il quale siamo stati amati”, un amore gratuito e per sempre, perché “Dio mai fa retromarcia con il suo amore, mai! “
All’Angelus di domenica 27 novembre (nella prima di Avvento), il Papa (con un pensiero alle popolazioni del Centro America, colpite dall’uragano e dal sisma e a quelle alluvionate del Nord Italia) ha richiamato tutti i fedeli a non dipendere dalle proprie sicurezze, perché l’arrivo del Signore è inaspettato. “La visita del Signore all’umanità” avviene in tre tempi. La prima è avvenuta con l’incarnazione, la seconda avviene nel presente di ogni giorno, la terza è quella che avverrà alla fine dei tempi. Così “il Vangelo non vuole farci paura, ma aprire il nostro orizzonte alla dimensione ulteriore, più grande, che da una parte relativizza le cose di ogni giorno ma al tempo stesso le rende preziose, decisive”. Tutto ciò “dà a ogni gesto, a ogni cosa una luce diversa, uno spessore, un valore simbolico”, in una prospettiva che invita alla sobrietà, “a non essere dominati dalle cose di questo mondo, dalle realtà materiali, ma piuttosto a governarle. Se, al contrario, ci lasciamo condizionare e sopraffare da esse, non possiamo percepire che c’è qualcosa di molto più importante: il nostro incontro finale con il Signore: e questo è l’importante”. L’Avvento porta con sé “un invito alla vigilanza, perché non sapendo quando Egli verrà, bisogna essere sempre pronti a partire”, ad “allargare l’orizzonte del nostro cuore (…) a farci sorprendere dalla vita che si presenta ogni giorno con le sue novità. Per fare ciò occorre imparare a non dipendere dalle nostre sicurezze, dai nostri schemi consolidati, perché il Signore viene nell’ora in cui non immaginiamo. Viene per introdurci in una dimensione più bella e più grande”.
Gian Paolo Cassano

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)

Martedì 29 Novembre 2016

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

“Caritas Venezuela, da luglio 2016, ha monitorato ed eseguito ogni procedura prevista dalla legge per il ritiro della donazione ricevuta”. Radio Vaticana, riporta così, il comunicato, con cui la Commissione di Giustizia e Pace della Conferenza episcopale venezuelana ha contestato, la disposizione del governo di confiscare un carico di medicinali e supplementi alimentari donati all’istituzione religiosa per presunte irregolarità burocratiche.
Il comunicato della Commissione episcopale spiega che il 5 agosto 2016 ha comunicato al Seniat (Servizio di amministrazione tributaria e doganale) e alle autorità del Ministero della Sanità l’imminente arrivo di un container con 525 scatole di medicinali e 92 scatole di supplementi alimentari. D’allora sono iniziati le procedure per la documentazione ed i permessi richiesti per l’ingresso della merce che  è arrivata il  23 agosto al Porto principale de La Guaira. “Abbiano agito nel rispetto della legge – si legge nel comunicato-, abbiamo seguito le normative e ascoltato ogni raccomandazione affinché il ritiro della donazione proveniente da Caritas Cile potesse arrivare a buon fine”. Tutto ciò sottolinea la grave difficoltà, economica e politica in cui si dibatte il Venezuela.
In Bangladesh si registra un ulteriore attacco alla comunità cristiana. Nella notta di sabato 26 novembre (come riferisce l’agenzia Asia News) almeno 20 ladri hanno saccheggiato la chiesa cattolica di Mathbari a Gazipur, vicino alla capitale Dhak. I malviventi si sono introdotti nel recinto della struttura, e con la minaccia di coltelli hanno neutralizzato le guardie notturne e il parroco, padre Vincent Bimal Rozario. Nonostante le rassicurazioni, il parroco è preoccupato per la sicurezza della comunità. Riferisce che negli ultimi tre anni sono avvenuti sei episodi simili in proprietà della Chiesa e altre due rapine nel convento locale. ​Mons. Gervas Rozario, vice presidente della Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb), afferma: “È molto triste che le rapine avvengono nelle chiese. Siamo preoccupati per questo incidente”.
Gian Paolo Cassano

Villanova M.

Martedì 29 Novembre 2016

VILLANOVA MONFERRATO – E’ stato il prof. Angelo Cassano (docente di Italiano e storia), nonché fratello dell’autore, a presentare domenica scorsa 27 novembre, all’Auditorium san Michele, ad un pubblico attento e partecipe (tra cui gli amici professori spagnoli di Elche) l’ultimo libro dedicato al papa di don Gian Paolo Cassano (“2015, Un anno con papa Francesco, edizioni della goccia).
L’incontro (promosso Da Villa viva e dalla Parrocchia S. Emiliano) è stato preceduto e concluso dall’ascolto musicale del Tu es Petrus nelle versioni di Palestrina e di Saint-Saens. All’inizio ha introdotto il prof. Giovanni Parissone presentando l’autore ed il relatore, mentre al temine il parroco can. Mario Fornaro ha ringraziato con l’auspicio di trovare nel testo un’occasione di bene.
Il prof. Cassano ha scelto di soffermarsi su tre parole, considerate di particolare significatività nel messaggio del Papa: misericordia, famiglia   ed amore. Infatti la misericordia dovrebbe sempre accompagnare il cristiano ma non è un principio così scontato. In un exursus letterario, citando Dante e Manzoni ha poi affermato come nell’idea della misericordia ci sia quella di un Dio Padre, la capacità del perdono, cìoè il senso di una guida non oppressiva.
E’ così la famiglia dove il buon padre sa guidare, sa indicare un percorso. E’ una famiglia sorretta dall’amore, l’amore dei coniugi come riflesso dell’amore di Dio. E dell’amore coniugale (che è poi riflesso stesso dell’amore di Dio) parla anche Montale ricordando della moglie morta, proprio lei soprannominata mosca per gli occhiali spessi, proprio lei dalla vista offuscata, di aver sceso almeno un milione di scale accompagnato dalla donna: “Con te le ho scese perché sapevo che di noi due/ Le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,/erano le tue”.
Infine c’è l’amore, il grande riferimento di ogni cristiano; San Paolo ricorda che l’amore è la più grande tra le virtù (cfr. 1 Cor. 13): “…. se non avessi l’amore, / non sarei nulla”. 
Anche l’autore è intervenuto brevemente spiegando il senso del lavoro, come quello di un giornalista che segue settimanalmente il magistero ordinario del Papa il cui esempio è stato colto anche attraverso ad alcuni spezzoni tratti dalla bella intervista concessa a Tv 2000.
I prossimi appuntamenti saranno poi a dicembre con due concerti d’organo in Chiesa Parrocchiale: il primo domenica 11 dicembre con Giorgio Guilla e l’altro domenica 18 dicembre con un concerto natalizio per due organi.
gpc

dscn3467.JPG

dscn3469.JPG

Teatro

Martedì 29 Novembre 2016

OCCIMIANO (gpc) - Con la commedia teatrale “La vita è… follia e gioco”, in tre atti unici (La Patente, La principessa carina, Il matrimonio che delizia!) il gruppo Palcomisto/LAPS ha inaugurato la stagione del Salone parrocchiale di Occimiano. In ogni episodio vengono raccontati in modo ironico e piacevole pregiudizi sociali, rapporti personali e di coppia,  per far sorridere e, al contempo, invitare a riflettere su pregiudizi sociali molto spesso assurdi, piuttosto che su aspetti del vivere quotidiano e dei rapporti di coppia pieni di paradossi. “In conclusione” - commenta Alfredo Rivoire che ne ha curato la regia - “la vita guardata attraverso i suoi aspetti paradossali, mette in ridicolo le manie e le peculiarità di un mondo che, forse, in ciò che si considera “follia” può ritrovare la vera saggezza”. Interpreti Claudio Cincotta, Sergio Sassone, Nadia Paro, Erika Re, Alfredo Rivoire. Addetto luci e musica Fulvio Bazzan.
Per lo spettacolo un buon seguito di pubblico e la soddisfazione della Pro Loco del paese, promotrice dell’evento.
gpc

teatro-27-nov-1.jpg

teatro-27-nov-2.jpg

Donne

Martedì 29 Novembre 2016

OCCIMIANO – (gpc) Il maltempo ha consigliato di rimandare la manifestazione che il Consiglio comunale dei ragazzi aveva preparato. Così anziché giovedì ci si è ritrovati lunedì 28 novembre, sempre alle 14,30, nella Palestra comunale, presenti gli studenti della scuola primarie e della scuola secondaria di secondo grado, con i loro insegnanti, nonché diversi genitori e consiglieri comunali per dire no alla violenza contro le donne,.
Il sindaco (che è anche uno degli insegnanti della scuola) m.a Valeria Olivieri ha ricordato il ruolo complementare di maschi e femmine nella vita sociale e la necessità di adulti responsabili. L’inaccettabilità delle violenza ed la tutela dei diritti delle donne sono poi risuonate nelle parole di Edoardo Gatto (presidente) e Silvia Caprioglio (vice presidente) del Consiglio comunale dei ragazzi.
E’ stato poi benedetta dal prevosto la panchina dipinta di rosso dai ragazzi del CCR per ricordare il sangue di tante donne vittime di violenza e che sarà collocato nello spazio di piazza Lamarmora, nei pressi della Casetta dell’acqua.
Alcuni bambini hanno poi lanciato alcuni palloncini con messaggi di pace ed il tutto si è concluso con un flashmob che ha coinvolto un po’ tutti……
gpc

dscn3494.JPG

dscn3501.JPG

dscn3507.JPG

GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO

Martedì 29 Novembre 2016

OCCIMIANO – (gpc) Si terrà domenica prossima 4 dicembre la consueta Festa del ringraziamento, promossa dagli agricoltori occimianesi. Il programma comprende l’appuntamento per la S. Messa in Chiesa parrocchiale cui farà seguito la benedizione della macchine agricole in piazza.
Seguirà il pranzo sociale. Sarà questa anche l’occasione per la distribuzione gratuita di prodotti agricoli.
gpc

Avvisi Parrocchia San Valerio Occimiano

Lunedì 28 Novembre 2016

******** DOMENICA 20 novembre 2016

* S. Messe in settimana
Lunedì 21 novembre: ore 18,00
Martedì 22 novembre: ore 10,00 (esequie def. Primo Ortolan)
Mercoledì 23 novembre: ore 18,00
Giovedì 24 novembre: ore 15,30
Venerdì 25 novembre: ore 18,00

* Domenica 20 novembre:
Festa della musica – S. Cecilia (ore 11,00)
Incontro ex allieve (Oratorio, ore 15)

* Lunedì 21 novembre:
Vespri (ore 17,45) - segue: S. Messa

* A partire da sabato 2 dicembre:
S. Messa ore 16,30 (inverno ed estate)

* Presentazione al Tempio (21 novembe): giornata Pro Orantibus
S. Messa presieduta dal vescovo brasiliano mons. Neri Tondello al Carmelo Mater Unitatis (ore 17,00)

* Domenica 27 ottobre:
Presentazione del libro di don Gian Paolo (Un anno con papa Francesco, edizioni della Goccia) a Villanova (Auditorium S. Michele, ore16)

* Campagna Abbonamenti La Vita Casalese
Abbonamento annuo: € 55,00
La vita casalese + Il nuovo fanfarino 2017 = € 57,50
Sosteniamo e leggiamo il giornale dalla nostra diocesi, il nostro giornale !