Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Maggio 2016

Avvisi Parrocchia San Valerio Occimiano

Martedì 31 Maggio 2016

******** DOMENICA 29 maggio 2016

* S. Messe nella settimana:
Lunedì 30 giugno: ore 9,00
Martedì 31 giugno: ore 18,00
Mercoledì 1 giugno: ore 9,00
Giovedì 2 giugno: ore 18,00
Venerdì 3 giugno: ore 18,00

* Sabato 28 maggio:
S. Messa presieduta da mons. Graziano Cavalli (ore 16,00)

* Domenica 29 maggio: Corpus Domini
S. Messa (ore 11,00)
Redditio veste bianca di Henri Andrea e Alexandra
segue: Processione (via Roma - via Brofferio – via Cavour – via Sommeiller – via Garibaldi)
Festa anziani (pomeriggio)
Film Va’ pensiero (Salone parrocchiale, ore 18)

* Venerdì 3 giugno (solennità S. Cuore):
Convegno diocesano Apostolato della preghiera (Canonica):
ore 16,30: assemblea; ore 18,00: S. Messa

10° Giornata di amicizia e spiritualità

Martedì 31 Maggio 2016

SACRA SAN MICHELE - (gpc) E’ un’esperienza semplice di amicizia e di fraternità sacerdotale, quella che si rinnova anno dopo anno con la proposta dell’UAC (Unione Apostolica del Clero) regionale che martedì scorso 24 maggio ha realizzato con la 10° Giornata di amicizia e spiritualità - convegno regionale che si è tenuta presso la Sacra di san Michele.
Amabilmente accolti dalla Comunità dei Padri Rosminiani che custodiscono la Sacra (simbolo del Piemonte) e dal Vescovo di Susa mons. Alfonso Badini Confalonieri (diocesi in cui si trova la Sacra), ha visto una rappresentanza qualificata di ministri ordinati provenienti dalle diocesi di Aosta, Casale Monferrato, Fossano, Vercelli, Torino.
Il Vescovo ha centrato la sua riflessione sulla misericordia in relazione alla vita del sacerdote, nella specifica realtà di questo anno giubilare evidenziando nelle opere di misericordia l’azione dello Spirito Santo che ci fa simili a Gesù. Dopo aver invitato ad essere grati al Signore che ha fatti suoi ministri, ha ricordato (citando l’Evangelii Gaudium) due pericoli di allontanamento dalla fede, che pur risalendo ai primi secoli della Chiesa, sono rintracciabili anche oggi, quelli del pelagianesimo e dello gnosticismo, offrendo poi alcune concrete applicazioni per vivere la misericordia nella vita presbiterale.
E’ seguita anche una breve comunicazione del diacono Giorgio Carlino, responsabile regionale per il Sovvenire
I partecipanti hanno poi potuto visitare la basilica della Sacra, nella sua ricchezza storico – artistica e celebrare l’Eucaristia, dove, nell’Omelia ha ancora riflettuto sulla misericordia del Signore, senza dimenticare il ruolo del beato Antonio Rosmini che ricevette questo luogo per volontà del Re Carlo Alberto.
Amicizia, fraternità, apostolicità, nella dimensione del presbiterio diocesano. E’ questo il senso dell’Unione Apostolica del Clero; un gruppo di ministri ordinati (Vescovo, Sacerdoti e diaconi) che vivono la spiritualità del presbiterio diocesano ponendosi al servizio degli altri confratelli.
Per maggiori informazioni ci si può rivolgere al direttore diocesano e delegato regionale don Gian Paolo Cassano (tel. 348.4501986 - gianpaolo@doncassano.it).
gpc

dscn1864.JPG

Piccola Grande Italia

Martedì 31 Maggio 2016

OCCIMIANO - (gpc) - Si è rinnovata, con una formeula nuova, che ha coinvolto soprattutto gli studenti delle scuole. Infatti Mercoledì 1 giugno alle 10.00 si sono ritrovati in Piazza Carlo Alberto i bambini e i ragazzi delle scuole; quindi, attraverso un sentiero del paese, hanno raggiunto la “Torre” (che in realtà sono i resti delle fondamenta del Castello Cavalla, uno dei sette castelli dell’Occimiano medioevale) in occasione della XIII edizione di “Voler Bene all’ Italia”.
Si è rinnovata così la festa dei piccoli comuni italiani che celebra la forza di questi territori, per riscoprirne tesori, paesaggi, saperi e sapori. E’ la Piccola Grande Italia che vede tutti gli anni anche Occimiano aderire alla grande iniziativa nazionale (sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica) promossa da Lega ambiente, grazie a un vasto Comitato (di cui fanno parte realtà istituzionali, Organizzazioni cattoliche, Associazioni sindacali o di categoria e molte altre …..).
In Italia sono 5853 quelli inferiori a 5000 abitanti, cioè il 72% degli oltre 8.000 comuni italiani dove vivono 10 milioni e mezzo di cittadini rappresentando oltre il 55% del territorio nazionale. In questa domenica Occimiano, insieme a tanti altri piccoli comuni si unisce alle diverse iniziative programmate nei diversi comuni.
gpc

Palermo

Martedì 31 Maggio 2016

OCCIMIANO - (gpc) Hanno ancora nel cuore la bella esperienza fatta in occasione dell’anniversario della strage di Capaci a Palermo dal 22 al 24 maggio scorsi. Sono i quattro ragazzi del Consiglio Comunale dei Ragazzi (Giulia Varzi, vicepresidente, Fiorenzo Aceto, Clelia Babando, Alessio Arenare), accompagnati dal Sindaco Valeria Olivieri e del consigliere comunale Gabriele Cia consigliere comunale, che insieme alla delegazione monferrina hanno partecipato ad un momento intenso di valore civile e di impegno per la legalità. Come non rimanere colpiti da ciò che qui è avvenuto oltre ad ammirare le bellezze di Palermo e di Monreale ?
Toccante è stato l’incontro con la prof.sa Maria Falcoien (sorella del giudice assassinato dalla Mafia) che è cittadina onoraria di Occimiano nella Chiesa di San Domenico per un’installazione artistica. “Si trattava – racconta il consigliere Cia - di far accendere dai ragazzi circa mille lumini, in determinate posizioni e in determinati momenti, per creare due lunghissimi corridoi luminosi, nelle navate laterali, che portavano a due striscioni verticali con tutti i nomi delle vittime della mafia.”
Indimenticabile la giornata del 23 maggio, nel 24° anniversario della strage, sia nell’aula bunker con molti interventi da parte di Grasso, Orlando, Gelmini… sia nel corteo del poemriggio
“E’ stata un’emozione – confidano - aprire il corteo il prima fila, cantare e ripetere gli slogan proposti dall’ottima organizzazione. A fine corteo, all’albero simbolo della lotta alla mafia, abbiamo assistito ad alcuni brani di artisti usciti da Xfactor come Shorty, Josaba e Lorenzo Fragola e un intenso e profondo monologo del comico Lipari, che di comico aveva poco ma comunicava schiettamente la condizione siciliana.
“E’ stata un’esperienza forte – conclude Gabriele Cia, a nome anche dei ragazzi - un’ottima occasione di crescita, di condivisione e senso di giustizia. mi auguro tanto che abbia spronato nell’animo dei nostri ragazzi e tutti i presenti alla manifestazione, una consapevole e onesta base per la propria formazione.”
gpc

palermo4.JPG

Corpus Domini

Martedì 31 Maggio 2016

OCCIMIANO – (gpc) Anche quest’anno, in occasione della solennità del Corpus Domini, si è rinnovata la bella tradizione dell’infiorata (che continua da 39 anni), arricchito dagli addobbi alle finestre e floreali e dai petali che i bambini seminavano al passaggio del S.S. Sacramento.
Il percorso della Processione, causa il tempo particolarmente incerto, è stato semplificato, ma molto partecipato con i giovani diciottenni della leva del 1998 e dei bambini della prima Comunione.
Così è stato domenica scorsa 29 maggio, con la presenza ufficiale delle autorità comunali, in primis il sindaco (m.a Valeria Oliveri), il presidente del consiglio comunale dei ragazzi (Elena Montaldi), il comandante della stazione dei Carabinieri lgt.m.lo Antonio Caputo), numerosi consiglieri comunali.
La Processione Eucaristica è stata vissuta con fede, con l’accompagnamento musicale, sempre puntuale, della Banda musicale “La Filarmonica intervallato da invocazioni e preghiere (guidate dalla prof. sa Anna Maria Figazzolo) e che al termine in piazza ha proposto un breve concerto.
La S. Messa è stata celebrata dal Prevosto che nell’omelia ha messo in rilievo la centralità di Cristo e dell’Eucaristia nella vita cristiana, il suo significato e alla dimensione educativa dell’Eucaristia, con il Coro parrocchiale che ha animato la S. Messa.
gpc

dscn1912.JPG

Consiglio Comunale

Martedì 31 Maggio 2016

OCCIMIANO – (gpc) Per chi provvederà a lavori di manutenzione il canone per l’occupazione di spazi pubblici per i ponteggi sarà gratuito per i primi 30 giorni. E’ questa una delle decisioni approvate (con approvazione unanime) nel corso degli ultimi due consigli comunali del 29 aprile e del 17 maggio scorsi, presieduti dal sindaco m.a Valeria Olivieri.
E’ stato approvato (con il voto contrario del gruppo di minoranza) il bilancio di previsione 2016/2018 e del DUP, come pure del conto consuntivo. Tutte le aliquote sono rimaste invariate. sono previsti inoltre lavori di completamento della rotonda in ingresso, provenendo da Casale e dell’area “Baden Powel” in uscita, verso Alessandria. Si faranno pure lavori di manutenzione anche del tratto di marciapiede in via Vittorio Emanuele, nella zona di fronte ai portici. E’ previsto inoltre l’allargamento della strada Paniate, all’incrocio con strada Costa.
Sarà infine realizzato l’impianto di videosorveglianza, con l’installazione delle telecamere, per la sicurezza dei cittadini, specie dopo i numerosi furti subiti nelle abitazioni del paese.
Alla richiesta del consigliere di minoranza, Emanuela Aceto, se fossero previsti fondi per interventi di manutenzione delle strade, il responsabile del servizio finanziario risponde che sono stati previsti allo scopo € 30 000. L’Amministrazione ha fatto presente di avere operato diverse economie, sforzandosi di mantenere i servizi erogati, in termini di quantità, ma soprattutto di qualità.
gpc

Anziani

Martedì 31 Maggio 2016

OCCIMIANO - (gpc) Il tempo incerto ha consigliato di vivere all’interno degli spazi della casa di riposo la festa dell’anziano che, come ogni anno si è rinnovata nel pomeriggio di domenica 29 maggio. La festa è stata organizzata dal Comune e della Cooperativa Polima che gestisce la struttura, presente tra gli altri il sindaco m.a Valeria Olivieri, diversi consiglieri comunali, tra cui Lucia Perracino (consigliere con delega al socio assistenziale ed anziani) ed il prevosto.
Anche quest’anno è stata l’occasione per festeggiare i novantenni della leva 1926 ( Giuseppina Baldi e Maria Teresa Trisoglio) o “neo maggiorenni”, utilizzando il termine coniato alcuni anni fa per questa speciale occasione.
Sono stati poi premiati per il traguardo delle nozze d’oro alcune coppie: Franca Lupano e Paolo Gasparolo, Lucia Lupano e Luciano Ricaldone,  Pierina Copelli e Gian Bortolo Carlassara, Maria Unia e Carlo Rolla, Carmela D’Avanzo e Michelino Cavalli, Laurina Brescianini e Diego Aceto, Santina Soncin e Mario Bosca, Olga Talon e Primo Ortolan,  Maria Assunta Buonocore e Francesco Acampora.
E’ stata anche l’occasione per la premiazione dei volontari che si sono messi a disposizione degli anziani della casa di riposo e del paese collaborando nel trasporto (specie a Casale): Natalino Bolognesi, Mario Nano, Marino Giulioni, Palmiro Lucchin, con un simpatico dono di riconoscenza.
Con la cura dei Monica Deambrosis è stata poi allestita una mostra con le diverse foto dei matrimoni, dal 1898 (!) ai giorni nostri, una mostra particolarmente curata e che ha attirato l’attenzione di tutti i presenti. La Mostra sarà ancora visibile tutta la settimana presso l’aula consiliare in Municipio (orario d’ufficio). Al termine è stato offerto un simpatico rinfresco con il taglio dell’immancabile torta !
gpc

image6_r.jpeg

image-7.jpeg

dscn1914.JPG

dscn1919.JPG

Telecomando

Martedì 31 Maggio 2016

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

STANOTTE A FIRENZE: è questo il titolo dell’eccezionale appuntamento curato da Alberto Angela, in onda giovedì 9 giugno su Rai Uno alle ore 21,25. Un programma girato per la prima volta in 4K HDR, una tecnologia che consente di mostrare allo spettatore le opere d’arte con un’altissima qualità di immagine.
Come se, uscito l’ultimo visitatore, il direttore ci consegnasse le chiavi del museo che è “nostro” per tutta la notte fino all’alba. Solo noi e i capolavori della genialità dell’uomo nei secoli. Così passo dopo passo il museo svela i suoi segreti facendo riemergere un passato dimenticato da millenni…
Sarà preceduto venerdì 3 giugno da Dietro le quinte di ‘’Stanotte a Firenze'’ (sempre su Rai uno, alle 23,50).
Nei giorni in cui si ricorda la nascita di Eduardo De Filippo (24 maggio 1900) Tv2000 propone ogni domenica il ciclo “Le commedie di Eduardo”. Un appuntamento settimanale con le opere del  grande attore e regista teatrale napoletano. Si comincia domenica 5 giugno (alle 15.10) con “Uomo e galantuomo”, una commedia in tre atti scritta da Eduardo De Filippo nel 1922 e inserita dall’autore nel gruppo di opere da lui chiamato “Cantata dei giorni pari”.
Sempre domenica 5 giugno su Tv 2000, in prima serata (ore 21,00) va in onda SAN GABRIELE; è la storia di San Gabriele dell’Addolorata, al secolo Francesco Possenti, undicesimo di una famiglia di tredici figli di un prefetto dello Stato Pontificio. Giovane generoso ed estroverso sentì a 18 anni la vocazione religiosa, scelse la Congregazione della Passione di Gesù Cristo ma non riuscì mai ad essere ordinato sacerdote perché colpito da tubercolosi ossea. Morì a soli 24 anni.
Gian Paolo Cassano

La parola di Papa Francesco

Martedì 31 Maggio 2016

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

Un cristiano, neanche nei momenti difficili, non smetta mai di pregare; lo ha ricordato il Papa all’udienza generale di mercoledì 25 maggio, spiegando la parabola del giudice e della vedova.
In quell’uomo di legge non c’è impulso di “misericordia” né voce della “coscienza”: agisce solo per spezzare quel continuo fastidio. Ora “se la vedova è riuscita a piegare il giudice disonesto con le sue richieste insistenti, quanto più farà Dio “che è Padre buono e giusto”. Ecco perché bisogna pregare senza stancarsi, perché “a differenza del giudice disonesto, Dio esaudisce prontamente i suoi figli, anche se ciò non significa che lo faccia nei tempi e nei modi che noi vorremmo. La preghiera non è una bacchetta magica! (…) Essa aiuta a conservare la fede in Dio, e ad affidarci a Lui anche quando non ne comprendiamo la volontà”. Un esempio straordinario viene da Gesù e dalla sua preghiera carica d’angoscia nel Getsemani, dove il Padre esaudisce la sua richiesta di salvarlo dalla morte, anche se “la via percorsa per ottenerla è passata attraverso la morte stessa!”. Ciò che conta, quindi, “non sono i tempi e i modi con i quali Dio sceglie di ascoltare una supplica, bensì il rapporto che si instaura con Lui”, nell’affidarsi alla volontà del Padre, come Gesù.
“L’oggetto della preghiera passa in secondo piano; ciò che importa prima di tutto è la relazione con il Padre. Ecco cosa fa la preghiera: trasforma il desiderio e lo modella secondo la volontà di Dio, qualunque essa sia, perché chi prega aspira prima di tutto all’unione con Dio Lui, che è Amore misericordioso”. Allora è “la preghiera che conserva la fede, senza di essa la fede vacilla! Chiediamo al Signore una fede che si fa preghiera incessante, perseverante, come quella della vedova della parabola, una fede che si nutre del desiderio della sua venuta”.
Domenica 29 maggio, nel giorno del Giubileo dei diaconi, ha tracciato l’identikit di questo prezioso ministro che è insieme un apostolo e un servitore: mai “schiavo” dell’agenda dei suoi impegni e sempre capace di “trascurare gli orari” per aprire tempi e spazi ai fratelli, secondo lo stile di Dio improntato alla “mitezza”. Essere “apostolo” e “servitore”: così dev’essere il diacono, perché “sono due facce della stessa medaglia”, in quanto “chi annuncia Gesù è chiamato a servire e chi serve annuncia Gesù”. Infatti “il discepolo di Gesù non può andare su una strada diversa da quella del Maestro, ma se vuole annunciare deve imitarlo, come ha fatto Paolo: ambire a diventare servitore. In altre parole, se evangelizzare è la missione consegnata a ogni cristiano nel Battesimo, servire è lo stile con cui vivere la missione, l’unico modo di essere discepolo di Gesù. È suo testimone chi fa come Lui: chi serve i fratelli e le sorelle, senza stancarsi di Cristo umile, senza stancarsi della vita cristiana che è vita di servizio”. Per questo è necessario un allenamento quotidiano alla “disponibilità”, a donare la vita: “chi serve non è un custode geloso del proprio tempo, anzi rinuncia ad essere il padrone della propria giornata” e “non è schiavo dell’agenda che stabilisce, ma, docile di cuore, è disponibile al non programmato: pronto per il fratello e aperto all’imprevisto, che non manca mai e spesso è la sorpresa quotidiana di Dio. Il servitore è aperto alla sorpresa, alle sorprese quotidiane di Dio”, spendo avere il “coraggio di trascurare gli orari”, perché ci sia sempre una porta aperta a ricevere la gente. Poi ha indicato la mitezza come “una delle virtù dei diaconi… Quando il diacono è mite, è servitore e non gioca a scimmiottare i preti, no, no… è mite. (…) Si comporta, forse senza saperlo, secondo lo stile di Dio, che è ‘mite e umile di cuore’”. Questi “sono anche i tratti miti e umili del servizio cristiano, che è imitare Dio servendo gli altri: accogliendoli con amore paziente, comprendendoli senza stancarci, facendoli sentire accolti, a casa, nella comunità ecclesiale, dove non è grande chi comanda, ma chi serve. E mai sgridare: mai!”
All’Angelus poi ha ricordato la Giornata Nazionale del Sollievo “finalizzata ad aiutare le persone a vivere bene la fase finale dell’esistenza terrena” ed il tradizionale pellegrinaggio in Polonia al Santuario mariano di Piekary: “la Madre della Misericordia sostenga le famiglie e i giovani in cammino verso la Giornata Mondiale di Cracovia”. Ha anche ricordato la speciale giornata scandita dalla preghiera (il 1 giugno) in Siria, come occasione per una speciale preghiera che unirà le comunità cattoliche ed ortodosse: “vivranno insieme una speciale preghiera per la pace che avrà come protagonisti proprio i bambini. I bambini siriani invitano i bambini di tutto il mondo ad unirsi alla loro preghiera per la pace”.
Gian Paolo Cassano

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)

Martedì 31 Maggio 2016

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

Una Campagna per sensibilizzare le forze politiche israeliane intorno all’emergenza rappresentata dagli attacchi contro obiettivi religiosi cristiani e musulmani compiuti dalle bande estremiste. E’ quella che è stata promossa dall’associazione dei Rabbini per i diritti umani, in Israele.
La Campagna di sensibilizzazione dei rappresentanti che siedono alla Knesset, il Parlamento dello Stato ebraico - riporta l’agenzia Fides - sarà sostenuta da Tag Meir (“Distintivo Luminoso”), un cartello di organizzazioni impegnate nella lotta contro i crimini e le manifestazioni di odio religioso e razzista compiute in Israele. Fondata nel 2011, già nel nome l’organizzazione intende sottolineare il proprio porsi in totale contrasto con gli atti di violenza e intimidazione compiuti dai gruppi di coloni ultranazionalisti che negli ultimi anni hanno colpito in vari modi moschee o luoghi cristiani (Tabgha, Beit Jamal, Latrun, la Dormizione, ecc.), firmando i propri atti intimidatori con la formula “Price Tag” (il prezzo da pagare).
I crimini commessi da “Price tag” esprimono l’odio razziale della destra ebraica ultranazionalista, e rimangono sovente impuniti.
Il documento di Meir Tag ricorda anche l’ascesa dei gruppi oltranzisti ebraici che incitano all’odio etnico e religioso, come Lehava e La Familia, l’incendio doloso presso la scuola bilingue di Gerusalemme, e innumerevoli libri, articoli e iniziative pubbliche che alimentano il fanatismo attraverso i social network, comprese le esibizioni del rapper israeliano Yoav Eliasi, conosciuto con il nome d’arte “The Shadow”.
Gian Paolo Cassano