Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Dicembre 2012

Avvisi PARROCCHIA S. VALERIO OCCIMIANO

Martedì 18 Dicembre 2012

S. Messa DOMENICA 16 dicembre 2012

* S. Messe in settimana
Lunedì 17 dicembre: ore 18,00
Martedì 18 dicembre: ore 18,00
Mercoledì 19 dicembre: ore 18,00
Giovedì 20 dicembre: ore 11,30 (per le scuole)
Venerdì 21 dicembre: ore 18,00

* S. Messe Natalizie:
Lunedì 24 dicembre: ore 24,00
Martedì 25 dicembre: ore 10,00

* Novena di Natale:
da lunedì 17 a venerdì 21 (giorni feriali): ore 17,30 (seguirà la S.Messa) tranne mercoledì (dopo la S. Messa, ore 18,30)

* Domenica 16 dicembre:
Avvento di fraternità (per i più poveri)
Giornata di spiritualità al Carmelo Mater Unitatis: partenza ore 15,45 (piazza Oratorio) - al Carmelo: saluto alla Madre e offerta dei doni – S. Messa arrivo ad Occimiano (ore 18,30)
Lo raccomando a tutti, per prepararci spiritualmente bene al Natale

* Confessioni natalizie:
venerdì 21 dicembre: ore 14,30
domenica 23 dicembre: ore 15 – 18,30

* Concerto diocesano di Natale per i giovani :
Giovedì 20 dicembre, Palazzetto dello sport, ore 21,00

La Parola di Papa Benedetto

Martedì 18 Dicembre 2012

LA PAROLA DI PAPA BENEDETTO
a cura di Gian Paolo Cassano

Fede e memoria coniugate nell’esperienza di Israele; a questo si è riferito mercoledì 12 dicembre, nell’Udienza generale Benedetto XVI. Infatti “per l’intero popolo d’Israele ricordare ciò che Dio ha operato diventa una sorta di imperativo costante perché il trascorrere del tempo sia segnato dalla memoria vivente degli eventi passati, che così formano, giorno per giorno, di nuovo la storia e rimangono presenti (…) La fede è alimentata dalla scoperta e dalla memoria del Dio sempre fedele, che guida la storia e che costituisce il fondamento sicuro e stabile su cui poggiare la propria vita”.
Dio “rivela Se stesso non solo nell’atto primordiale della creazione”, ma entrando “nella storia di un piccolo popolo che non era né il più numeroso, né il più forte”, fino alla rivelazione nella notte di Betlemme, primo luogo della “memoria” cristiana.
“Ciò che illumina e dà senso pieno alla storia del mondo e dell’uomo inizia a brillare nella grotta di Betlemme; è il Mistero che contempleremo tra poco nel Natale: la salvezza che si realizza in Gesù Cristo (…) Il rivelarsi di Dio nella storia per entrare in rapporto di dialogo d’amore con l’uomo, dona un nuovo senso all’intero cammino umano. La storia non è un semplice succedersi di secoli, di anni, di giorni, ma è il tempo di una presenza che le dona pieno significato e la apre ad una solida speranza”.
Se anticamente l’“avvento” indicava “l’arrivo del re o dell’imperatore in una determinata provincia”, ora “Egli è il re che è sceso in questa povera provincia che è la terra e ha fatto dono a noi della sua visita assumendo la nostra carne, diventando uomo come noi”. L’Avvento ci ricorda che Dio “non è assente, non ci ha abbandonato a noi stessi, ma ci viene incontro in diversi modi, che dobbiamo imparare a discernere”.
Infine Benedetto XVI ha esortato ad immergersi nelle pagine dove questa storia è narrata, nella Sacra Scrittura che “è il luogo privilegiato per scoprire gli eventi di questo cammino, e vorrei - ancora una volta - invitare tutti, in questo Anno della fede, a prendere in mano più spesso la Bibbia per leggerla e meditarla e a prestare maggiore attenzione alle Letture della Messa domenicale; tutto ciò costituisce un alimento prezioso per la nostra fede”.
Domenica 16 dicembre, all’Angelus, ha pregato per le vittime della “violenza insensata” nella scuola americana di Newtown, soffermandosi sulla figura di Giovanni Battista che “a nome di Dio, non chiede gesti eccezionali, ma anzitutto il compimento onesto del proprio dovere. Il primo passo verso la vita eterna è sempre l’osservanza dei comandamenti; in questo caso il settimo: ‘Non rubare.’” Infatti la conversione comincia “dall’onestà e dal rispetto degli altri: un’indicazione che vale per tutti, specialmente per chi ha maggiori responsabilità”.
Non bisogna poi contrapporre giustizia e carità, “entrambe necessarie”. Così “la giustizia chiede di superare lo squilibrio tra chi ha il superfluo e chi manca del necessario; la carità spinge ad essere attento all’altro e ad andare incontro al suo bisogno, invece di trovare giustificazioni per difendere i propri interessi. Giustizia e carità non si oppongono, ma sono entrambe necessarie e si completano a vicenda”.
Gian Paolo Cassano

Telecomando

Martedì 18 Dicembre 2012

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

Grande cinema a Natale con La 7 in prima serata (alle 21,10); il 24 dicembre c’è “Angeli con la pistola” di Frank Capra, il 6 gennaio “Il Concerto” di Radu Mihăileanu. Inoltre il 31 dicembre La Valigia dei Sogni propone, a partire dalle 21.00, una maratona dedicata al grande Alberto Sordi con cinque dei suoi film più amati.
Seguirà, alle 23,30, LA VALIGIA DEI SOGNI il programma che racconta la storia delle grandi pellicole ripercorrendo i luoghi in cui sono state girate. Simone Annicchiarico accompagnerà il pubblico alla scoperta dei tanti set che hanno visto nascere film indimenticabili, per svelarne le curiosità, gli aneddoti e i dietro le quinte. Ci parlerà di grandi registi e attori  e delle loro storie. Si tornerà così nelle città, nei palazzi, tra le strade e le piazze che si sono guadagnate un ruolo da protagoniste nella storia della nostra cinematografia
Rai Educational presenta “Nautilus”, magazine culturale condotto da Federico Taddia e la regia di Piccio Raffanini, in onda al lunedì alle 19.30 e in replica ogni 4 ore, su Rai Scuola-Digitale Terrestre.
Tra i canali digitali ricordiamo Rai Storia (canale 54), ricco di spunti, si nel presentare filmati storici con sguardo critico, sia interessanti trasmissioni come DIXIT RELIGIO che, per esempio domenica 23 dicembre, alle 15,15 parla dei “giovani tra fede e nichilismo”.
Gian Paolo Cassano

Natale

Martedì 18 Dicembre 2012

OCCIMIANO – (gpc) Fervono i preparativi per le feste natalizie, anche se in un clima di maggiore austerità. In piazza Carlo Alberto (piazza del Comune) è stato collocato il pino natalizio ecologico ed i ragazzi della prossima leva stanno preparando la loro festa.
In preparazione al Natale gli studenti della scuola primarie e secondaria di primo grado concludono il ciclo scolastico prima delle vacanze con la S. Messa natalizia giovedì 20 dicembre (alle ore 11,30), mentre i ragazzi della scuola primaria hanno offerto un loro saggio natalizio presso la palestra comunale martedì 18 dicembre.
Mercoledì 19 dicembre protagonisti sono stati i più piccoli della scuola dell’infanzia ad offrire a genitori ed amici un saggio delle loro abilità con uno spettacolo di Natale.
Intanto continua la campagna associativa della Pro Loco; i soci (la tessera costa € 6,00) ricevono in omaggio il calendario 2013, che quest’anno raccoglie alcune istantanee dei luoghi più belli di Occimiano. E’ anche possibile contemporaneamente aderire al Circolo cinematografico don Giacomo Alberione; la quota è di 10,00 € per gli adulti e 8,00 € per i bambini.
La Pro Loco, uscendo dalla Chiesa, al termine della S. Messa di mezzanotte (sotto i portici di Palazzo Cattana nella piazza Carlo Alberto) offrirà ai fedeli vin brulè, cioccolata calda, panettone ed altri dolci per tutti.
In Chiesa parrocchiale alcuni giovani (Simone Cia e Simone Prendin) hanno preparato il tradizionale Presepio.
gpc

Energia

Martedì 18 Dicembre 2012

OCCIMIANO – (gpc) Una bella iniziativa in tema di risparmio energetico. Parlo della convenzione che il Comune di Occimiano ha stipulato con l’Enel Sole: L’accordo, che ha una durata di 9 anni, permetterà di mettere a punto un’offerta su misura delle esigenze dell’Amministrazione Comunale di Occimiano riguardante interventi iniziali a carico del fornitore, programmabilità dei flussi finanziari e risparmio energetico con riduzione di emissioni CO2.
E’ stata applicata la Convenzione Consip Servizio Luce 2, studiata a livello nazionale, per l’affidamento dei servizi di gestione integrata degli impianti comunali di illuminazione pubblica. Ciò permetterà, per la gestione di 115 punti luce, la sostituzione di apparecchi illuminazione NR. 39 con LED 4000K-6000K e ammodernamento di linee aeree vecchie o non a norma.
L’adeguamento tecnologico comprendente la sostituzione dell’alimentatore esistente con nuovo alimentatore biregime, per modulare in orari notturna illuminazioni diverse
Comporterà anche la sostituzione dell’interruttore crepuscolare / orario installato nei quadri elettrici di protezione e comando esistenti, con nuovo interruttore orario astronomico.
Il tutto ad un costo lordo degli interventi di Riqualificazione Energetica, di Manutenzione Straordinaria e di Adeguamento Tecnologico, inclusi nel canone per Servizio Luce (€ 22.682,26), con un contributo del fornitore del 18,88 %, ben superiore al 10 % richiesto da CONSIP.
Si calcala così un risparmio di 8 tonnellate di petrolio all’anno e la mancata emissione nell’aria di 33 tonnellate di CO2 all’anno, che si sommano a quelle risparmiate con il solare termico della casa di riposo, degli spogliatoi della palestra, della scuola elementare e del campo fotovoltaico sul tetto della scuola media.
gpc

La Parola di Papa Benedetto

Martedì 11 Dicembre 2012

LA PAROLA DI PAPA BENEDETTO
a cura di Gian Paolo Cassano

Nell’udienza di mercoledì 5 dicembre il Papa ha richiamato il progetto di amore che Dio ha per tutti gli uomini: “Egli vuole entrare nel mondo sempre di nuovo e vuol sempre di nuovo far risplendere la sua luce nella nostra notte”. E’ un “disegno di benevolenza, (..) di misericordia e di amore” verso l’umanità. Nell’Avvento questo disegno d’amore si “manifesta nella Persona e nell’opera di Cristo”: ce lo fa conoscere “entrando in relazione con l’uomo, al quale non ha rivelato solo qualcosa, ma Sé stesso”.
Infatti “piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelare se stesso [non solo qualcosa di sé, ma se stesso] e far conoscere il mistero della sua volontà, mediante il quale gli uomini, per mezzo di Cristo, Verbo fatto carne, nello Spirito Santo hanno accesso al Padre e sono così resi partecipi della divina natura” (Dei Verbum, n.. 2).
Dio “rivela il suo grande disegno di amore, entrando in relazione con l’uomo, avvicinandosi a lui fino al punto di farsi uomo”. Poiché l’uomo “con la sola intelligenza e le sue capacità … non avrebbe potuto raggiungere questa rivelazione così luminosa dell’amore di Dio” è Dio stesso “che ha aperto il suo Cielo e si è abbassato per guidare l’uomo nell’abisso del suo amore”. Di qui l’atto di fede che è la risposta dell’uomo a Dio. “Per questo san Paolo sottolinea come a Dio, che ha rivelato il suo mistero, si debba «l’obbedienza della fede» (Rm 16,26)” che “non è un atto di costrizione”, ma “un abbandonarsi all’oceano della bontà di Dio”.
Ora “tutto questo porta ad un cambiamento fondamentale del modo di rapportarsi con l’intera realtà; tutto appare in una nuova luce; si tratta quindi di una vera ‘conversione’, fede è un ‘cambiamento di mentalità’, perché il Dio che si è rivelato in Cristo e ha fatto conoscere il suo disegno di amore, ci afferra, ci attira a Sé, diventa il senso che sostiene la vita, la roccia su cui essa può trovare stabilità”.
Sabato 8 dicembre, solennità dell’Immacolata, all’Angelus, Benedetto XVI ha ricordato che Maria è un “dono gratuito della grazia di Dio” che ha trovato in Lei “perfetta disponibilità e collaborazione”. In Maria la “Parola di Dio trova ascolto, ricezione, risposta, trova quel ‘sì’ che le permette di prendere carne e venire ad abitare in mezzo a noi”; in Lei “l’umanità, la storia si aprono realmente a Dio, accolgono la sua grazia, sono disposte a fare la sua volontà. Maria è espressione genuina della Grazia”.
La festa dell’Immacolata ci aiuta anche “a comprendere il vero senso del peccato originale”, poiché in Maria “è pienamente viva e operante quella relazione con Dio che il peccato spezza”. Infatti “in lei, non c’è alcuna opposizione tra Dio e il suo essere: c’è piena comunione, piena intesa. C’è un ‘sì’ reciproco, di Dio a lei e di lei a Dio. Maria è libera dal peccato perché è tutta di Dio, totalmente espropriata per Lui. E’ piena della sua Grazia, del suo amore”. Possiamo così esprimere la “certezza di fede che le promesse di Dio si sono realizzate: che la sua alleanza non fallisce, ma ha prodotto una radice santa” da cui è germogliato Gesù, dimostrando che la Grazia “è capace di suscitare una risposta, che la fedeltà di Dio sa generare una fede vera e buona”.
Domenica 9 dicembre, all’Angelus, il Pontefice è andato con il pensiero a tutti i migranti lontani dalle proprie case, cosi spesso incompresi nelle loro sofferenze, richiamando il senso del Natale perché “sia vissuto non solo come una festa esteriore, ma come la festa del Figlio di Dio che è venuto a portare agli uomini la pace, la vita e la gioia vera”. E’ l’ insegnamento del Battista “a vivere in maniera essenziale”, voce che proclama la Parola di Dio che precede. “A noi il compito di dare oggi ascolto a quella voce per concedere spazio e accoglienza nel cuore a Gesù, Parola che ci salva,” ad affidare “il nostro cammino incontro al Signore che viene, per essere pronti ad accogliere, nel cuore e in tutta la vita, l’Emmanuele, il Dio-con-noi”.
Gian Paolo Cassano

Telecomando

Martedì 11 Dicembre 2012

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

LA PIU’ BELLA DEL MONDO. È questo il titolo dello spettacolo che lunedì 17 dicembre, in diretta su Rai Uno alle 21.10 dal Teatro 5 di Cinecittà, Roberto Benigni alla Costituzione italiana “L’ho riletta – spiega Roberto Benigni – ed è straordinaria: la più bella del mondo, la nostra Costituzione. Mi sono occupato di Dante e della sua opera che illustra il cielo di Dio, con la Costituzione torniamo nel cielo degli uomini”. Due ore di spettacolo che l’attore dedica ai dodici principi fondamentali della Costituzione. Ad una prima parte di satira e comicità su argomenti d’attualità, seguirà la seconda in cui Roberto Benigni racconterà la grandezza dell’Italia, analizzando le fasi che hanno caratterizzato la nascita del nostro ordinamento, l’opera più ispirata nata dalle menti dei padri fondatori della Patria.
CONCERTO DI NATALE, in diretta dal Senato, dedicato a Verdi (nel bicentenario della nascita) domenica 16 dicembre (Rai uno, ore 12,20), con l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma diretta da Riccardo Muti.
L’ ultimo rapporto sulla povertà della Caritas, con la lettura del profeta Sofonia sono gli argomenti della puntata di “LE FRONTIERE DELLO SPIRITO di domenica 16 dicembre (Canale 5, ore 8,50).
Dopo più di dieci anni e quasi 350 puntate lunedì 10 dicembre 2012 L’INFEDELE ha chiuso le trasmissioni; al suo posto (in prima serata al lunedì) torna Corrado Formigli con “Piazzapulita”. Gad Lerner tornerà a partire da venerdì 25 gennaio 2013 (alle 22,20 su La7) con un nuovo programma settimanale in cui si ripromette di superare la formula del talk show.
Gian Paolo Cassano

Proloco

Martedì 11 Dicembre 2012

OCCIMIANO – (gpc) Ritorna il classico appuntamento prenatalizio che la Pro loco propene con la cena tipicamente piemontese. Sabato 15 dicembre, presso il Salone parrocchiale i cuochi della prestigiosa Pro Loco occimianese infatti proporranno una cena a base di bagna cauda, a partire dalle ore 20. Per info: tel.339.6931508.
gpc

Natale

Martedì 11 Dicembre 2012

OCCIMIANO – (gpc) Avvicinandosi il Natale si rinnovano anche gli appuntamenti dei tradizionali saggi scolastici augurali.
Martedì 18 dicembre sarà la volta della scuola primaria e secondaria di 1° grado con lo spettacolo di auguri alle 18,00, nella palestra delle scuola media.
Mercoledì 19 dicembre, (alle 17,00,nel Salone dell’Oratorio) toccherà ai più piccoli delle Scuola dell’infanzia con uno spettacolo dal titolo “Un Natale da favola”.
gpc

Matrimoni

Martedì 11 Dicembre 2012

OCCIMIANO - (gpc) Franco Anarratone e Maria Pia Musso, Giovanni Barbano e Renata Borgatta, Olivo Carraro e Lucia Barbuio, Michele Cotoia e Maria De Luca, Francesco Rogato ed Egida Giugliani (50 anni di matrimonio), Mario Nano ed Anna Maria Collot, Luigi Zuccotti e Giuseppina Patrucco (40 anni), Piero Finotti ed Ornella Pane, Pierangelo Scagliotti e Silvia Varzi (25 anni), Denis Favretto e Veronica Scolaro (10 anni).
Sono queste le coppie di sposi che si sono ritrovate domenica scorsa 9 dicembre per la festa delle famiglie celebrando gli anniversari di matrimonio.
Si è ripresa così una tradizione che si era interrotte nel tempo, per ringraziare il Signore per il dono della preziosità del sacramento del matrimonio evidenziando il suo significato nella vita di oggi. Lo ha ricordato il prevosto collegando (nell’omelia) il tema alla dimensione liturgica dell’Avvento con l’invito alla conversione e alla fede.
Sono stati benedetti gli anelli nuziali che le coppie si sono nuovamente scambiati ed al termine ad ognuno è stata consegnata, nel ricordo del Santo Patrono, la medaglia di San Valerio.
gpc

dscn7808.JPG

dscn7809.JPG