Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Agosto 2012

La Parola di Papa Benedetto

Martedì 28 Agosto 2012

LA PAROLA DI PAPA BENEDETTO
a cura di Gian Paolo Cassano

Vicinanza agli operai dell’ILVA, appello per la fine delle violenze in Siria e Iraq preghiera perché la giustizia nel mondo sia attuata con l’amore e non con la violenza; sono alcuni dei temi che Benedetto XVI ha affrontato nell’Angelus di domenica 29 luglio. Nella sua catechesi, il Papa ha spiegato il miracolo della moltiplicazione dei pani come “annuncio dell’Eucaristia” che “è il permanente grande incontro dell’uomo con Dio, in cui il Signore si fa nostro cibo, dà Se stesso per trasformarci in Lui”.
E’ un miracolo che “non si produce a partire da niente, ma da una prima modesta condivisione di ciò che un semplice ragazzo aveva con sé. Gesù non ci chiede quello che non abbiamo, ma ci fa vedere che se ciascuno offre quel poco che ha, può compiersi sempre di nuovo il miracolo: Dio è capace di moltiplicare ogni nostro piccolo gesto di amore e renderci partecipi del suo dono”.
Di qui l’invito alla preghiera per capire l’importanza di nutrirsi “non solo di pane, ma di verità, di amore, di Cristo”, ma anche che tutti abbaino il pane necessario e “siano abbattute le disuguaglianze non con le armi della violenza, ma con la condivisione e l’amore”.
Nell’udienza di mercoledì 1 agosto a Castelgandolfo Benedetto XVI si è soffermato sulla preghiera in S. Alfonso Maria de’ Liguori che diceva: “Chi prega si salva, chi non prega si danna!” Egli “voleva far comprendere che in ogni situazione della vita non si può fare a meno di pregare, specie nel momento della prova e nella difficoltà. Sempre dobbiamo bussare con fiducia alla porta del Signore, sapendo che in tutto Egli si prende cura dei suoi figli”. Solo attraverso la preghiera possiamo accogliere il Signore, la sua Grazia che ci fa discernere il vero bene. “Anche noi consapevoli della nostra debolezza, dobbiamo chiedere l’aiuto di Dio con umiltà, confidando solo sulla ricchezza della sua misericordia”. Il santo partenopeo “raccomandava ai confessori di amministrare” il Sacramento della Penitenza “manifestando l’abbraccio gioioso di Dio Padre che nella sua misericordia infinita non si stanca di accogliere ogni figlio pentito”, invitando ogni cristiano a “non aver timore di procurarsi da Dio, con le preghiere, quella forza che non ha, e che gli è necessaria per fare il bene, nella certezza che il Signore non nega il suo aiuto a chi lo prega con umiltà”. S. Alfonso “ci ricorda che il rapporto con Dio è essenziale nella nostra vita: senza rapporto con Dio manca la relazione fondamentale e la relazione con Dio si realizza nel parlare con Dio nella preghiera personale quotidiana e con la partecipazione ai Sacramenti, e così questa relazione può crescere in noi, può crescere in noi la presenza divina che indirizza il nostro cammino, lo illumina e lo rende sicuro e sereno, anche in mezzo a difficoltà e pericoli”.
All’Angelus di domenica 5 agosto il Papa ha esortato i fedeli a non lasciarsi assorbire dalle preoccupazioni quotidiane, ma ad “aprirsi all’orizzonte di Dio, all’orizzonte della fede”. Il Signore “vuole aprire ad un orizzonte dell’esistenza che non è semplicemente quello delle preoccupazioni quotidiane del mangiare, del vestire, della carriera. Gesù parla di un cibo che non perisce che è importante cercare e accogliere” e che è Lui stesso. Egli “ci invita a non dimenticare che se è necessario preoccuparci per il pane materiale e ritemprare le forze, ancora più fondamentale è far crescere il rapporto con Lui”, pane di vita che “riempie il nostro desiderio di verità e di amore”. Infatti “il centro dell’esistenza, ciò che dà senso e ferma speranza al cammino spesso difficile della vita è la fede in Gesù, è l’incontro con Cristo”.
Nell’Udienza di mercoledì 8 agosto, a Castelgandolfo, ha riflettuto sulla preghiera in San Domenico, uomo di preghiera, innamorato di Dio, imitatore di Cristo. “Il giorno lo dedicava al prossimo – ha ricordato il Pontefice - ma la notte la dava a Dio.” In lui “possiamo vedere un esempio di integrazione armoniosa tra contemplazione dei misteri divini e attività apostolica. Secondo le testimonianze delle persone a lui più vicine, ‘egli parlava sempre con Dio o di Dio’. Tale osservazione indica la sua comunione profonda con il Signore e, allo stesso tempo, il costante impegno di condurre gli altri a questa comunione con Dio”. Benedetto XVI ha poi evidenziato il “modo fisico” di pregare di san Domenico (richiamando l’opera “Le nove maniere di pregare di san Domenico”), poiché “un atteggiamento corporale e spirituale, intimamente compenetrati favoriscono il raccoglimento e il fervore”.
Ha poi posto in rilievo la sua attualità poiché “ci ricorda che all’origine della testimonianza della fede, che ogni cristiano deve dare in famiglia, nel lavoro, nell’impegno sociale, e anche nei momenti di distensione, sta la preghiera, il contatto personale con Dio, solo questo rapporto costante reale con Dio ci dà la forza per vivere intensamente ogni avvenimento, specie i momenti più sofferti”.
Gian Paolo Cassano

Telecomando

Martedì 28 Agosto 2012

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

“PETRUSKA ALL’OPERA”; è il programma dedicato alla lirica in onda su Rai 5 al sabato alle ore 10,15, a partire dall’8 settembre. La bohème, Rigoletto, Don Giovanni e Il barbiere di Siviglia: sono dedicate a questi quattro capolavori del teatro musicale le puntate del programma che è seguita dalla trasmissione dell’opera cui è dedicata. Per cui l’8 settembre si potrà vedere (in prima tv) La bohème diretta da Juraj Valčuha con la regia di Francesco Micheli. Nelle puntate successive sarà la volta del Rigoletto diretto alla Scala da Riccardo Muti con la regia di Gilbert Deflo (15 settembre), della prima visione tv del Don Giovanni con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Antonello Manacorda (22 settembre) e del Barbiere di Siviglia diretto da Riccardo Chailly con la regia di Alfredo Arias (29 settembre).
Ritorna Pippo Baudo con una nuova trasmissione, IL VIAGGIO, al lunedì alle 21,10 su Rai tre. Un giro per l’Italia alla “scoperta” delle bellezze e dei talenti del Belpaese: si parte dalla Toscana, fortino di cultura e arte (anche musicale) invidiabile.
Tra i film segnaliamo venerdì 7 settembre “LA STRADA DI PAOLO” (Rai uno, ore 15,10). Il film, per la regia di Salvatore Nocita (con Marcello Mazzarella, Philippe Leroy, Valentina Valsania) narra la storia di Paolo, camionista che un giorno si trova ad andare in Terra Santa per una consegna. Nonostante il suo profondo scetticismo, il viaggio ben presto si trasforma in un viaggio che inizia a parlare direttamente a lui di Dio, fede, grazia e carità. L’atmosfera della Terra Santa assieme alle parole di Gabrielle aprono a Paolo una nuova via.
Gian Paolo Cassano

Spagna

Martedì 28 Agosto 2012

OCCIMIANO – (gpc) Occimiano sempre più europeo: dalla Spagna all’Italia, da Elche ad Occimiano. Per alcuni giorni infatti, dal 27 al 30 agosto il prof. Dario Martinez Montesinos si è fermato ad Occimiano, con i suoi familiari.
E’ stato ospite del Parroco, in un’amicizia che va consolidandosi negli anni, in ordine all’interscambio culturale tra l’Istituto Leardi di Casale e l’Istituto La Torreta di Elche (di cui il prof. Montesinos è responsabile per gli scambi culturali). E’ stata anche l’occasione per focalizzare i progetti in corso.
gpc

dscn7163.JPG

San Lorenzo

Martedì 28 Agosto 2012

QUADERNI PER S. LORENZO
OCCIMIANO – (gpc) Per il dodicesimo anno consecutivo (è ormai una piccola tradizione) nel cuore dell’estate, nella festa di San Lorenzo, che, dopo san Valerio (ed insieme a san Giorgio) è venerato come patrono del paese, si è colta l’occasione per la presentazione di un nuovo volumetto della serie dei “Quaderni di S Valerio” che (stampati artigianalmente e a tiratura limitata) hanno ormai superato la quarantina.
Così venerdì 10 agosto, la festa di San Lorenzo ha coinciso con la presentazione di un nuovo “Quaderno di San Valerio”, al termine dall’Eucaristia, nel bel coro della Chiesa della Madonna del Rosario.
Per l’occasione era presente il can. Giuseppe Unia che nell’omelia ha evidenziato al figura del santo (siamo nel III secolo d. C.) che seppe presentare i poveri di Roma come i veri tesori della Chiesa.
Nella seconda parte della festa nel bel coro della Chiesa, dopo la recita di un salmo, è stato poi presentato (dal can. Unia) il libretto della “Cronaca di Occimiano nel 2011 attraverso le colonne de La Vita casalese”, che la Parrocchia ha predisposto insieme al Circolo culturale dott. Piero Cassano, costituito dal figlio per onorare il padre, colto letterato, per molti anni medico condotto del paese.
Don Unia ha ricordato la preziosità del luogo per la preghiera dove fino ad alcuni decenni fa si ritrovavano i membri della confraternita del Rosario. Ha evidenziato poi il senso della storia che passa attraverso alla cronaca degli avvenimenti nei suoi aspetti lieti o tristi, una testimonianza cronistica di una comunità in cammino.
E’ infatti anche attraverso al passato che si costruisce il presente; così è per questa sorta di nuovo “Liber chronicus”, raccogliendo gli articoli della cronaca del paese pubblicato sul nostro giornale diocesano.
gpc

dscn7147.JPG

Dal Molin

Martedì 28 Agosto 2012

OCCIMIANO – (gpc) La seconda (e conclusiva) serata di Estate in piazza (con la grigliata preparata dagli abili cuochi della Pro Loco e la musica da ballo e che ha avuto un grande successo con il tutto esaurito) domenica 5 agosto à stata anche l’occasione per festeggiare il campione occimianese Paolo Dal Molin.
L’amministrazione comunale infatti ha voluto rendere merito e ringraziare l’atleta occimianese che per un soffio ha mancato la qualificazione olimpica e che nel corso dell’anno ha conquistato ben due titoli italiana in una specialità difficile ed affascinante com’è l’atletica leggera. E’ infatti campione italiano nei 60 ostacoli indoor e nei 110 ostacoli.
A sorpresa durante la festa sul palco sono saliti due consiglieri comunali (Maurizio Vola e Maria Rosa Scarrone) che hanno ricreato una vera e propria sala consiliare con tanto di gonfalone. Quindi sono saliti sul palco tutti i consiglieri presenti con il vice sindaco Emanuela Aceto (con fascia), Cecilia Bolognini (in rappresentanza del Consiglio comunale dei ragazzi); il presidente della Provincia Paolo Filippi.
Quindi insieme al giovane atleta, la sua famiglia occimianese: Ernesto Berra (sindaco), la moglie Carla, i figli Paolo e Michele con la moglie Laura
Paolo dal Molin, sorpreso ed emozionato ha ascoltato il riassunto dei risultati sportivi (letto da Maria Rosa Scarrone), ricevendo poi una targa ricordo, il gagliardetto ed una simbolica chiave del Comune.
Non poteva mancare l’inno nazionale che con il contributo dell’Orchestra (il complesso “Gli Indimenticabili”), è stato eseguito da tutto il pubblico presente in piazza.
Il Sindaco Berra ha poi ringraziato per la bella serata; ha concluso il giovane campione affermando di avere sempre Occimiano nel cuore, assicurando il suo impegno a continuare nella sua pratica sportiva verso futuri nuovi traguardi !
gpc

img_0137_1_r.jpg

img_0144_1_r.jpg

_mg_0151_ps.jpg

101

Martedì 28 Agosto 2012

OCCIMIANO – (gpc) 101 ! È questo il bel traguardo raggiunto dalla veterana di Occimiano, Carolina Cerrato Perracino e che è stata festeggiata familiarmente, con semplicità lo scorso 14 agosto.
La nostra ultra centenaria vanta un’assoluta invidia una salute invidiabile: qualche acciacco, qualche piccolo problema di deambulazione, ma una mente lucidissima ed una chiara memoria di una vita passata nel lavoro, segnata da tante prove come la morte del marito Evasio e della figlia Piera (sei anni fa) sempre vissute nella fede, forza e sostegno dei credenti. Carolina insieme alla sorella Alda (88 anni) su le superstiti di una famiglia numerosa che comprendeva anche i fratelli Pietro e Francesco e le sorelle Chiarina, Assunta e Maria.
Ad multos annos signora Carolina !
Gian Paolo Cassano

007.JPG