Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

NESSUNO NE PARLA (O QUASI) news quasi sconosciute a cura di Gian Paolo Cassano

Si è tenuta (dal 10 al 12 settembre) a Parigi la Conferenza internazionale di pace indetta dalla Cec (Conferenza delle Chiese europee, che raggruppa 114 Chiese di tradizioni ortodosse, protestanti e anglicane europee), a 100 anni dal trattato di pace di Versailles che pose ufficialmente fine alla prima guerra mondiale. Ne riferisce l’Agenzia Sir. Nella conferenza di pace si è riflettuto sul passato e si è fornita una maggiore comprensione del contesto in cui viviamo oggi. Il pastore Christian Krieger, presidente della Conferenza delle Chiese europee, aprendo l’assemblea ha ricordato - che il contesto storico in cui 60 anni fa nacque la Cec (1959), era “un’Europa frammentata e divisa dopo la Seconda Guerra mondiale. A quel tempo c’era una reale necessità di superare le divisioni politiche e lavorare per la guarigione e la pace”. Di qui la missione che le Chiese cristiane del continente svolgono ancora oggi per far emergere “un’Europa umana, sociale e sostenibile in pace con sè stessa e con i suoi vicini, in cui prevalgono i diritti umani e la solidarietà”. I rappresentanti delle Chiese aiutati da esperti e politici hanno esplorato “le dure lezioni del nostro passato europeo e globale”, identificando quali sono oggi “le minacce alla pace in Europa e nel mondo”.
Sono intervenuti il metropolita Emmanuel di Francia, insieme a Sylvain Waserman, vicepresidente dell’Assemblea nazionale francese, e Claudia Roth, vicepresidente del Bundestag tedesco. Si è parlato di Medio Oriente con la crisi in Siria, Iraq e in altre regioni dell’area e della costante instabilità dei rapporti Israele/Palestina, di populismo, sostenibilità ed economia, di dialogo tra le religioni abramitiche e il loro ruolo per la costruzione della pace nella convinzione. Infine si è riflettuto sulla “vocazione alla pace dell’Europa” e sul suo “ruolo per la sicurezza”. Alla Conferenza ha partecipato anche mons. Youssef Soueif, arcivescovo per i maroniti di Cipro, in rappresentanza della Comece, la Commissione degli episcopati cattolici dell’Unione europea.

I commenti sono disabilitati.