Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

Alla vigilia del viaggio del Papa in Africa, continua ad essere problematica la situazione in Burundi, anche se sembra essere tornata la calma nella capitale Bujumbura dopo i combattimenti di mercoledì 18 novembre in diversi quartieri. Lo riferiscono all’agenzia Fides fonti locali che esprimono la speranza di una svolta negoziale: “per la prima volta la Cina, insieme al Kenya e all’Angola, anche parlato della necessità di un dialogo inclusivo, che includa tutti gli attori della crisi burundese, compresa l’opposizione armata che era stata finora escluso dal dialogo intrapreso dal Presidente Pierre Nkurunziza (…) A questo si unisce il fatto che uno degli oppositori che si era unito al governo di Nkurunziza, Aghaton Rwasa, ha espresso la sua preoccupazione per le uccisioni e le violenze che scuotono il Paese.”
Rimangono “dubbi sulla riuscita di un vero dialogo inclusivo” continuano le fonti di Fides, notando come il partito al potere, Conseil National pour la Défense de la Démocratie-Forces de Défense de la Démocratie (Cndd-Fdd) abbia indetto “la settimana del combattente”. Sono celebrazioni che “rischiano di alimentare l’odio perché vengono celebrati solo gli ex guerriglieri delle Cndd-Fdd che da oppositori hanno poi preso il potere con le elezioni del 2005, dopo aver aderito, nel 2003, agli accordi di pace firmati dalle altre parti nel 2000 ad Arusha, in Tanzania”.
​Mentre il partito al potere celebra la “sua giornata del combattente” la Chiesa cattolica ha indetto una Novena per la pace e la riconciliazione in Burundi. “Non si vuole solo chiedere l’intercessione di Maria per la pace nel Paese ma si vuole anche creare una coscienza sul rispetto della dignità umana e della giustizia.”
Gian Paolo Cassano

I commenti sono disabilitati.