Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Giornata Mondiale della Gioventù

Domenica prossima 21 novembre, nella solennità di Cristo Re, si celebra per la prima volta, la Giornata Mondiale della Gioventù a livello diocesano; finora infatti la cadenza a livello locale cadeva nella domenica delle Palme.
Per l’occasione viene lanciata un’applicazione per correre insieme verso Lisbona (dove si terrà nel 2023 la giornata mondiale a livello universale). Infatti scaricando l’applicazione WYD Global Race ciascun giovane potrà partecipare a una gara mondiale, condividendo la strada con tutti gli altri giovani pronti a mettersi in gioco. Dal 21 al 30 novembre 2021, sarà possibile scegliere una distanza di 2, 5 o 10 km da percorrere nell’arco di questa settimana. Tutte le info sono sul sito https://wyd.virace.app.
Il Messaggio per questa Giornata del Papa si iscrive nel ciclo dei tre messaggi che accompagnano i giovani nel cammino tra la GMG di Panama 2019 e la GMG di Lisbona 2023, tutti incentrati sul verbo “alzarsi”.
Quest’anno, Papa Francesco invita i giovani a meditare sulla conversione di San Paolo, che da “persecutore giustiziere” diventa “discepolo testimone”. Rileggendo l’episodio di Damasco, punto di svolta nella storia dell’Apostolo delle Nazioni, il Papa guida i giovani alla scoperta dell’amore incondizionato di Dio per ogni uomo. “Il Signore – scrive Francesco – sceglie uno che addirittura lo perseguita, completamente ostile a Lui e ai suoi. Ma non esiste persona che per Dio sia irrecuperabile. Attraverso l’incontro personale con Lui è sempre possibile ricominciare. Nessun giovane è fuori della portata della grazia e della misericordia di Dio”.
Papa Francesco offre ai giovani anche alcune indicazioni concrete su come “alzarsi” e “diventare testimoni” nei confronti dei tanti coetanei che incontrano “sulle ‘vie di Damasco’ del nostro tempo”, tra le quali: “Alzati e testimonia l’amore e il rispetto che è possibile instaurare nelle relazioni umane”; “Alzati e testimonia che le esistenze fallite possono essere ricostruite, che le persone già morte nello spirito possono risorgere”.
L’auspicio è che la Giornata dei giovani sia pertanto una “festa della fede”, una “esperienza di Chiesa”, una “esperienza missionaria”, una “occasione di discernimento vocazionale” e una “chiamata alla santità”.

croce-gmg.jpeg

I commenti sono disabilitati.