Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Anziani

OCCIMIANO – (gpc) La celebrazione delle Nozze d’oro e dei “neo maggiorenni” (i novantenni) è stato il momento culminante della Festa dell’anziano 2011 che si è tenuta domenica scorsa 24 giugno (ultima del mese) nel Parco della Casa di riposo San Camillo, organizzata dal Comune, in collaborazione con la Pro Loco e la Cooperativa BIOS (di Alessandria) che gestisce la struttura (con la coordinatrice Ilaria Saracano), nel Parco della Casa di riposo San Camillo, presso il quale sorge anche una bella “Grotta di Lourdes”. Con grande simpatia e bravura ha condotto tutta la manifestazione Maria Rosa Scarrone Bolognesi (consigliere delegato all’attività Socio Assistenziale), presente il sindaco Ernesto Berra ed il prevosto.
Un primo riconoscimento è andato alle sette coppie che festeggiano i 50 anni di matrimonio: Franco Anarratone e Maria Pia Musso; Francesco Rogato ed Egidia Giugliani, Giovanni Barbano e Renato Borgatta, Vinicio Grassi e Bruna Cappa, Michele Cotoia e Maria De Luca, Ulivo Carraro e Lucia Barbuio, Francesco Avonto e Maria Caprioglio.
Festa poi per tutti gli anziani ed in particolari per i sei neo novantenni occimianesi: Provvido Biscuola, Rosa Borelli, Angelo Collot, Elia Rosa Lombardi, Luigina Rabagliati, Giuseppina Rossi.
E’ stata anche l’occasione per la premiazione dei volontari che si sono messi a disposizione degli anziani della casa di riposo e del paese collaborando nel trasporto (specie a Casale): Luigi Ricaldone, Mario Nano, Natalino Bolognesi, Pier Enrico Scarrone e Gigi Zanarotto (che coordina l’attraversamento alunni), con un simpatico dono di riconoscenza.  
E poi un tuffo nel passato con una simpaticissima e mostra con oggetti della vita quotidiana e della campagna degli anni passati. Erano esposti ricordi di scuola (quaderni di 1° elementare, libri scolastici dell’epoca fascista…), ricordi di guerra (tra cui un quadro fotografico con tutti i soldati occimianesi nella seconda guerra mondiale..), attrezzi per l’agricoltura, attrezzi da cucina, ricordi di Cerimonie e feste religiose (veli, libretti di preghiere, pergamene ed immaginette della Prima Comunione e Cresima, nonché della Prima S. Messa di Mons. Giuseppe Debernardis … ), un grammofono, una radio d’epoca ….
Un lavoro particolarmente bello a testimonianza di un passato che è dietro di noi e che occorre ricuperare.
gpc

dscn6486.JPG

dscn6528.JPG

I commenti sono disabilitati.