Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Giugno 2016

Telecomando

Sabato 25 Giugno 2016

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

Torna su Rai 3 “Visionari” (lunedì, ore 23,15), il programma condotto da Corrado Augias alla sua terza edizione. Visionari sono quelle donne e quegli uomini che, con le loro opere o il loro pensiero, hanno cambiato il mondo. Che hanno visto il futuro in anticipo nei tempi disegnando il confine tra un “prima” e un “dopo”. Galileo Galilei, Steve Jobs, Virginia Woolf, Caravaggio, i Beatles. La scienza, la letteratura, l’arte, la musica e la società con loro hanno subito decisive trasformazioni.
Roberto Battiston, Nadia Fusini, Vittorio Sgarbi, Michela Murgia, Gino Castaldo ed Ernesto Assante sono alcuni degli ospiti che da appassionati conoscitori di questi visionari che aiutano il conduttore nella costruzione del racconto, collocando il personaggio nel suo contesto storico.
E’ all’insegna del cinema, dei viaggi, della musica e dell’attualità la proposta estiva di Tv2000 per la prima serata di giugno.  Ampia la gamma dei film in palinsesto, selezione di pellicole che spaziano dal thriller al religioso passando per i classici dedicati a grandi e piccoli.  Il lunedì, a partire dal 6 giugno, l’appuntamento di prima serata è con “Le avventure di Pinocchio”, storica serie in cinque puntate firmata da Luigi Comencini. “Il giardino segreto” di Agnieszka Holland (martedì 14 giugno).    A intrattenere il pubblico durante le serate estive ci sono anche tre programmi. Il martedì,, lo spazio di prima serata è quello dedicato agli approfondimenti di “Siamo noi”, condotto da Gabriella Facondo e Massimiliano Niccoli, sulle opere di misericordia in Italia e nel mondo.
Tv2000, in collaborazione con il Centro Televisivo Vaticano, seguirà a partire dal 24 giugno il viaggio di Papa Francesco in Armenia.  Gli studi di Tv2000 si apriranno dalle 6.30 fino a sera per seguire questo importante appuntamento insieme alla redazione de “Il diario di Papa Francesco” condotto da Gennaro Ferrara.
Gian Paolo Cassano

La Parola di Papa Francesco

Sabato 25 Giugno 2016

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

E’ una tentazione comune  quella di provare fastidio nei confronti di profughi e rifugiati. Lo ha constatato il Papa all’udienza generale mercoledì 15 giugno, dedicata al tema: “La misericordia è luce”. L’indifferenza e l’ostilità “rendono ciechi e sordi”, verso quegli “uomini che, per diverse cause, sono stati spinti ai margini sociali” e “spesso senza parole” gridano “la salvezza, l’aiuto, un po’ di interesse, di compassione, un gesto di solidarietà e di inclusione nella vita della società”.
Commentando il brano del cieco di Gerico, Francesco ha esortato ad avere “la sensibilità e il desiderio” di venire incontro a chi ha bisogno: seguendo Cristo, possiamo porre “al centro” della nostra strada “colui che ne era escluso”.
Gesù “obbliga” tutti a prendere coscienza che “il buon annuncio implica porre al centro della propria strada colui che ne era escluso”: il passaggio del Signore è un “incontro di misericordia che tutti unisce intorno a Lui” per permettere di riconoscere chi ha bisogno “di aiuto e di consolazione”. Ora “anche nella nostra vita Gesù passa; e quando passa Gesù, e io me ne accorgo, è un invito ad avvicinarmi a Lui, a essere più buono, a essere un cristiano migliore, a seguire Gesù”.
Ciò che è accaduto al cieco, aggiunge, fa sì che anche la gente finalmente veda, perché Gesù “effonde la sua misericordia su tutti coloro che incontra”: li chiama, “li fa venire da sé, li raduna, li guarisce e li illumina”, creando un nuovo popolo che celebra “le meraviglie del suo amore misericordioso”. Di qui l’invito: “lasciamoci anche noi chiamare da Gesù, e lasciamoci guarire da Gesù, perdonare da Gesù, e andiamo dietro Gesù lodando Dio”.
Gian Paolo Cassano

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)

Sabato 25 Giugno 2016

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

Un incendio ha distrutto all’alba venerdì 17 giugno una chiesa situata nel comune di Collipulli, nella regione di Araucania. I fatti - riferisce l’agenzia Fides - sono molto gravi perché nella zona c’è stato uno scontro a fuoco dopo l’arrivo della polizia sul posto. Un agente di polizia è stato ferito al volto da schegge di vetro, mentre si trovava a bordo del veicolo della polizia, attaccato da sconosciuti, che stava recandosi sul luogo dell’incendio.
Il ministro dell’interno ha annunciato ieri sera che il governo sta elaborando un piano contro la violenza nella regione di Araucania per i prossimi giorni. “Quello che si è verificato la scorsa notte a Collipulli è un fatto deplorabile e grave, non solo per l’incendio, ma anche perché la polizia è stata attaccata”, afferma una nota , “considerando che queste azioni violente sono atti terroristici a cui bisogna reagire”.
Gli incendi di chiese nella regione sono riconducibili allo stesso gruppo: anche a Collipulli sono state trovate scritte a favore della causa Mapuche, fatto che si è ripetuto ultimamente in diverse parti della regione. “Dispiace molto - ha commentato parroco, padre Enrique Catalan - perché questo fatto colpisce tutta la comunità”; il fuoco, infatti, ha distrutto la cappella di San Jose e i locali della sede sociale dove si riuniva la parrocchia. Ormai sono 14 gli incendi nella Araucania e i vescovi hanno chiesto una risposta politica adeguata per la zona.
Gian Paolo Cassano

Estate

Sabato 25 Giugno 2016

OCCIMIANO – (gpc) “Io faccio la differenza !” È questo lo slogan del Centro Estivo Comunale di Occimiano, giunto alla seconda edizione e che si svolge presso i locali della scuola primaria dal 13 giugno al 1 luglio e dal 1 al 9 settembre, organizzato dall’Amministrazione Comunale, presso i locali della Scuola Primaria.
Oltre 40 bambini, guidati da Martina Arenare, Giuditta Garavello e Laura Gasparolo stanno affrontando il tema della raccolta differenziata e dello spreco alimentare per comprendere meglio l’importanza della salvaguardia dell’ambiente e della cura del proprio paese.
Nel corso della giornata non mancano giochi e attività creative, oltre a passeggiate e gite in bicicletta alla scoperta del territorio occimianese.
Venerdì 17 giugno, alle 11.30 presso la casetta dell’acqua è stato inoltre inaugurato il pannello decorato con tappi riciclati realizzato durante il centro estivo dello scorso anno.
I bambini parteciperanno poi a Estate Ragazzi presso l’oratorio Maria Ausiliatrice, per tutto il mese di luglio con varie iniziative.
gpc

Defibrillatori

Sabato 25 Giugno 2016

OCCIMIANO (gpc) - Un dono salvavita, con l’ovvia speranza di non essere mai costretti a farne uso. Si può riassumere così la cerimonia di consegna dei defibrillatori - obbligatori dal prossimo 1 luglio presso la sede di ogni società praticante sport a livello agonistico, anche dilettantistica - ai sodalizi sportivi del paese, PGS Fortitudo (pallavolo e ginnastica ritmica) e ASD Fortitudo F.O. (calcio). Una rappresentanza dei settori giovanili dei due club, con allenatori, dirigenti e i presidenti Maria Rosa Scarrone ed Ettore Borlini, è stata ricevuta domenica mattina in sala consigliare dal sindaco Valeria Olivieri, occasione per ribadire l’orgoglio della comunità per il lavoro di entrambi i gruppi sportivi e sottolineare quanto sia importante fare sport sin da bambini per la salute fisica, favorire lo sviluppo di valori quali solidarietà e rispetto delle regole, aumentare l’autostima e la capacità di sopportare lo stress nella routine quotidiana, ma sempre nella massima sicurezza, motivo dello speciale appuntamento. Dopo il saluto di Elena Montaldi, presidente del Consiglio Comunale dei Ragazzi (e pallavolista nella squadra locale), è intervenuto Gabriele Cia, consigliere comunale con delega allo sport, ringraziando le società per il preziosissimo impegno e l’impiego di energie, i volontari che hanno preso parte al corso per gestire l’eventuale emergenza, e ricordando che l’acquisto dei defibrillatori è avvenuto con i fondi recuperati dal progetto “Sport Insieme”, bando regionale seguito con il consigliere comunale Valentina Marino coinvolgendo i Comuni limitrofi per creare una brochure informativa sulla proposta sportiva del territorio interessato, comprendente Occimiano, Mirabello, Conzano, Borgo San Martino e Giarole con varie attività quali ippica, cicloturismo, podistica, mountain bike, tennis, walking (camminata veloce), calcio femminile, ritmica, e, naturalmente, calcio e volley.
gpc

consegna-defribillatori-alle-societa-sportive.JPG

Cresima

Sabato 25 Giugno 2016

OCCIMIANO - (gpc) E’ stato un giorno di festa domenica scorsa 19 ottobre con la celebrazione del Sacramento della Cresima, presieduta da mons. Vescovo, che, arrivando ha ammirato la piccola mostra dei cartelloni che i ragazzi avevano preparato nella Cappella dell’Immacolata. Protagonisti 26 ragazzi, accompagnati dalle catechiste Anna Maria Figazzolo, Eleonora Volta, Maria Tonetti e Silvia Bellomo. Li ricordiamo: Alessandra Castellini, Alessandro Spedo, Alessia Ottone, Alice De Simone, Angelo Montaldi, Benedetta Vettoretto, Christian Battaglia, Clement Kalondero, Davide Baldasso, Edoardo Gatto, Enrico Ottone, Francesca Musso, Francesco Kalondero, Gabriele Ciuro, Luca Guaschino, Luca Nardiello, Maria Teresa Negri, Martina Favretto, Nicola Corona, Paola Montaldi, Sara Cavalli, Sofia Pasquali, Valentina Cuppari, Valentina De Faveri, Veronica Vigliano, Vittorio Rabagliati. Nell’omelia il Vescovo ha invitato a cogliere il senso del sacramento della Confermazione, commentando alcuni dei cartelloni che i ragazzi gli avevano illustrato all’arrivo e, parlando dell’apostolo Paolo, a seguire Cristo.
gpc

dscn2035.JPG

Avvisi PARROCCHIA S.VALERIO OCCIMIANO

Sabato 25 Giugno 2016

******** DOMENICA 12 giugno 2016

* S. Messe nella settimana: (Chiesa Madonna del Rosario)
Lunedì 13 giugno: ore 9,00
Martedì 14 giugno: ore 18,00
Mercoledì 15 giugno: ore 18,00
Giovedì 16 giugno: ore 18,00
Venerdì 17 giugno: ore 18,00

* Domenica 12 giugno :
Festa Arma dei Carabinieri (S. Messa ore 11,30)
Giornata Lourdiana diocesana a S. Salvatore M.

* Domenica 19 giugno :
Cresima (ore 11,00)

* Per i cresimandi :
Incontro mercoledì 15 giugno: ore 16,30
Preghiera venerdì 17 giugno: ore 18,30

Telecomando

Sabato 25 Giugno 2016

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

TG 1 DIALOGO: è la rubrica del TG 1 che va in onda ogni sabato, dopo il Tg1 delle 8. E’ a cura di Piero Damosso, con il commento di padre Enzo Fortunato, direttore della rivista di San Francesco, ed affronto temi importanti a carattere sociale.
Su Rai tre, al venerdì è ripartita LA GRANDE STORIA per la sua ventesima stagione. Un lungo viaggio attraverso la storia del ‘900 raccontato da oltre 200 appuntamenti sempre in prima serata (ore 21,10). Venerdì 17  giugno  si parlerà delle illusioni, delle sofferenze e dei compromessi che ogni conquista richiede. Ecco allora Montecassino, il prezzo della libertà; Campioni in camicia nera, il prezzo della vittoria e 1936, il prezzo dell’Impero.
Americana, in onda il 24 giugno, sarà un modo per raccontare alcuni aspetti della storia recente degli Stati Uniti, storia politica, storia del costume ma anche cronaca. Venerdì 1 luglio la sesta puntata è dedicata alle Donne!. Donne famose, donne coronate ma anche donne straordinariamente comuni. Puntata Rotocalco quella dell’8 luglio, con tre  storie italiane un po’ dimenticate. La puntata del 15 luglio sarà dedicata a uno degli italiani più conosciuti al mondo, compositore di musiche immortali, Giuseppe Verdi.
Venerdì 22 luglio l’ultimo appuntamento è con Hitler e Mussolini a colori, il racconto della loro storia pubblica e privata, dalla salita sulla scena pubblica, al consolidamento al potere, alla caduta fino alla morte. Tutto attraverso straordinarie immagini a colori.
Alla vita dei Santi sono dedicate le prime serate della domenica su Tv 2000. In programma la storia dei due fratelli venerati come Santi della Chiesa “Cirillo e Metodio”, un film diretto dal regista ceco Petr Nikolaev, in onda il 19 giugno (prima e seconda puntata) e il 26 giugno (terza e quarta puntata).  
Gian Paolo Cassano

La Parola di Papa Francesco

Sabato 25 Giugno 2016

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

Mercoledì 8 giugno, all’Udienza generale, il Pontefice ha parlato del miracolo alle nozze di Cana, svelando come, al di là del racconto, ogni parola ed espressione svelino l’intero mistero di Cristo, il suo legame e la missione affidata ai cristiani. Dopo le parabole, il Papa ha iniziato a parlare dei miracoli come segni della misericordia divina. Così Gesù si manifesta come lo “sposo del popolo di Dio” e “rivela la profondità della relazione che ci unisce a Lui”, (…) una nuova Alleanza di amore”.
Infatti “a fondamento della nostra fede” c’è “un atto di misericordia con cui Gesù ci ha legati a sé. E la vita cristiana è la risposta a questo amore, è come la storia di due innamorati. Dio e l’uomo si incontrano, si cercano, si trovano, si celebrano e si amano: proprio come l’amato e l’amata nel Cantico dei Cantici”.
Allora “tutto il resto viene come conseguenza di questa relazione”, a partire dalla Chiesa, “la famiglia di Gesù in cui si riversa questo amore”, da custodire e donare. Così Gesù, trasformando in vino l’acqua delle anfore, “compie un gesto eloquente: trasforma la Legge di Mosè in Vangelo, portatore di gioia”. E la missione della Chiesa si può cogliere in quello che Maria dice ai servi (“Qualsiasi cosa vi dica fatela!”). Così per la Chiesa “servire il Signore significa ascoltare e mettere in pratica la sua Parola. E’ la raccomandazione semplice ma essenziale della Madre di Gesù ed è il programma di vita del cristiano. Per ognuno di noi, attingere dall’anfora equivale ad affidarsi alla Parola di Dio per sperimentare la sua efficacia nella vita.”
Così “in queste nozze Gesù lega a sé i suoi discepoli con una Alleanza nuova e definitiva. A Cana i discepoli di Gesù diventano la sua famiglia e a Cana nasce la fede della Chiesa. A quelle nozze tutti noi siamo invitati, perché il vino nuovo non viene più a mancare“.
Domenica 12 giugno, celebrando il Giubileo dei disabili, il Pontefice ha messo in guardia la società dal ghettizzare i malati perché la vera strada per essere felici è amare. Il tutto con un linguaggio di gesti e parole che Francesco riserva sempre a malati, bimbi, adulti o anziani che esprime la misericordia per il Papa: abbracciare, sorridere, in una parola accogliere. “La vera sfida è quella di chi ama di più. Quante persone disabili e sofferenti si riaprono alla vita appena scoprono di essere amate! E quanto amore può sgorgare da un cuore anche solo per un sorriso! La terapia del sorriso…” Il Papa ha mostrato un’estrema comprensione per la realtà umana: tutti prima o poi  ci scontriamo con “le malattie nostre o altrui”, “esperienze drammaticamente umane”. E’ un’epoca la nostra “in cui una certa cura del corpo è divenuta mito di massa e dunque affare economico, ciò che è imperfetto deve essere oscurato, perché attenta alla felicità e alla serenità dei privilegiati e mette in crisi il modello dominante”. E’ la grande illusione dell’uomo di oggi “quando chiude gli occhi davanti alla malattia e alla disabilità! Egli non comprende il vero senso della vita, che comporta anche l’accettazione della sofferenza e del limite. Il mondo non diventa migliore perché composto soltanto da persone apparentemente ‘perfette’, per non dire ‘truccate’ ma quando crescono la solidarietà tra gli esseri umani, l’accettazione reciproca e il rispetto”. Ora “la tentazione di rinchiudersi in sé stessi si fa molto forte, e si rischia di perdere l’occasione della vita: amare nonostante tutto. Amare nonostante tutto …” perché “il modo in cui viviamo la malattia e la disabilità è indice dell’amore che siamo disposti a offrire”.
All’Angelus, nella Giornata mondiale contro il lavoro minorile, ha invitato tutti a rinnovare “lo sforzo per rimuovere le cause di questa schiavitù moderna, che priva milioni di bambini di alcuni diritti fondamentali e li espone a gravi pericoli. Oggi ci sono nel mondo tanti bambini schiavi”!
Ha poi esortato ad un “fruttuoso impegno” nella lotta contro la lebbra, ed ha ricordato i due nuovi Beati della Chiesa. Sono il sacerdote Giacomo Abbondo, “vissuto nel Settecento, innamorato di Dio, colto, sempre disponibile per i suoi parrocchiani”, beatificato sabato 11 a Vercelli e suor Carolina Santocanale, fondatrice delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes, che “si fece povera tra i poveri” abbandonando le comodità di una vita agiata, beatificata domenica 12 pomeriggio a Monreale che “da Cristo, specialmente nell’Eucaristia, attinse la forza per la sua maternità spirituale e la sua tenerezza con i più deboli”.
Gian Paolo Cassano

Lavoro

Sabato 25 Giugno 2016

OCCIMIANO (gpc) - Una panoramica completa sul lavoro interinale nella Pubblica Amministrazione, comprese le aziende partecipate e municipalizzate. E’ quanto è emerso giovedì scorso 9 giugno nella sala dell’Infopoint, grazie all’evento organizzato da Monferrato 2020 (rete di amministratori e cittadini del Monferrato casalese). Sono intervenuti Rocco Giuliano Digilio e Roberto Forte, manager nazionali di Gi Gruop (agenzia per il lavoro operante dal 1998), spaziando dai tempi di durata della somministrazione del lavoratore ai profili professionali maggiormente richiesti dalla Pubblica Amministrazione, dalle differenze con i servizi appaltati a ditte esterne all’analisi del nuovo decreto sugli appalti (introdotto ad aprile), per chiudere con le modalità di supporto agli enti locali in fase di preselezione dei candidati nei concorsi per le assunzioni dirette. I relatori hanno inoltre risposto ad alcuni interrogativi posti dai presenti, chiarendo aspetti di una normativa modificata più volte dalla sua introduzione, avvenuta nel dicembre 1997.
gpc

tavolo-dei-relatori.jpg