Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Novembre 2013

La Parola di Papa Francesco

Lunedì 18 Novembre 2013

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

Mercoledì 13 novembre, all’Udienza generale, (ricordando l’attentato di Damasco ed il tifone nelle Filippine) ha affermato come le “vere battaglie da combattere” siano quelle “per la vita, mai per la morte”, poi ha sviluppato l’articolo del Credo (“professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati”), nei suoi tre pilastri. Il primo è il verbo “professo” con cui “affermiamo la nostra vera identità di figli di Dio”, perché “il Battesimo è in un certo senso la carta d’identità del cristiano, il suo atto di nascita, e l’atto di nascita alla Chiesa. Tutti voi conoscete il giorno nel quale siete nati ( … ) Il primo compleanno è quello della nascita alla vita e il secondo compleanno è quello della nascita alla Chiesa”. Se i giorni della nascita sono due, esiste anche la possibilità di rinnovare questa seconda nascita, attraverso il Sacramento della Riconciliazione: “è come festeggiare il giorno del Battesimo in ogni Confessione. Pertanto la Confessione non è una seduta in una sala di tortura, ma è una festa. La Confessione è per i battezzati! Per tenere pulita la veste bianca della nostra dignità cristiana!”. Nel Credo si professa “un solo Battesimo” (ecco il secondo pilastro) che è una “immersione”, un “lavacro di rigenerazione e illuminazione” in quanto “attua quella nascita dall’acqua e dallo Spirito senza la quale nessuno può entrare nel regno dei cieli.” Ed è “illuminazione perché, attraverso il Battesimo, la persona umana viene ricolmata della grazia di Cristo, «luce vera che illumina ogni uomo» e scaccia le tenebre del peccato. Per questo, nella cerimonia del Battesimo, ai genitori si dà una candela accesa, per significare questa illuminazione; il Battesimo ci illumina da dentro con la luce di Gesù”. Ora rammentando come il Battesimo sia “per la remissione dei peccati” (ecco il terzo pilastro) ha osservato come confessandomi sia “come se io facessi un secondo Battesimo”: infatti “il Signore Gesù è tanto buono e mai si stanca di perdonarci. Anche quando la porta che il Battesimo ci ha aperto per entrare nella Chiesa si chiude un po’, a causa delle nostre debolezze e per i nostri peccati, la Confessione la riapre, proprio perché è come un secondo Battesimo che ci perdona tutto e ci illumina per andare avanti con la luce del Signore”.
Domenica 17 novembre, all’Angelus, ha invitato a non lasciarsi ingannare dai “falsi messia” (…) “falsi ‘salvatori’, che tentano di sostituirsi a Gesù: leader di questo mondo, santoni, anche stregoni, personaggi che vogliono attirare a sé le menti e i cuori, specialmente dei giovani. Gesù ci mette in guardia: ‘Non andate dietro a loro!’. E il Signore ci aiuta anche a non avere paura: di fronte alle guerre, alle rivoluzioni, ma anche alle calamità naturali, alle epidemie, Gesù ci libera dal fatalismo e da false visioni apocalittiche”. Occorre “aspettare i frutti sicuri della salvezza, confidando nel senso profondo della vita e della storia”, perché “le prove e le difficoltà fanno parte di un disegno più grande (…) Nonostante i disordini e le sciagure che turbano il mondo, il disegno di bontà e di misericordia di Dio si compirà. E questa è la nostra speranza: andare così, su questa strada, nel disegno di Dio che si compirà. E’ la nostra speranza”. Bisogna vivere il tempo dell’attesa come “tempo della testimonianza e della perseveranza”, pensando ai “tanti fratelli e sorelle cristiani” che soffrono per le persecuzioni religiose: “abbiamo ammirazione per il loro coraggio e la loro testimonianza. Sono i nostri fratelli e sorelle che in tante parti del mondo soffrono a causa di essere fedeli a Gesù Cristo. Li salutiamo dal cuore e con affetto”. Quindi un invito a “concretizzare i frutti dell’Anno della Fede, che volge al termine”, con una “medicina spirituale” (la ‘Misericordina’), contenuta in una scatoletta data ai pellegrini, “una corona del Rosario, con la quale si può pregare anche la ‘coroncina della Divina Misericordia’, aiuto spirituale per la nostra anima e per diffondere ovunque l’amore, il perdono e la fraternità. (….) Fa bene al cuore, all’anima e a tutta la vita”.
Gian Paolo Cassano

Vescovo

Lunedì 18 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) Il Solone parrocchiale era pieno venerdì scorso 15 novembre per l’incontro annuale del Vescovo con l’Unità Pastorale “Madonna dell’argine – san Giovanni Bosco”. Mons. Catella, accompagnato dal pro vicario don Giampio Devasini ha voluto incontrare le famiglie, presenti il Moderatore mons. Danilo Biasibetti ed i parroci dell’UP.
Introdotto da don Simone Viancino, il Vescovo, rifacendosi al magistero del Papa sulla famiglia si è soffermato anche sui sacramenti dell’iniziazione cristiana.
La famiglia infatti è una comunità  di vita che ha una sua consistenza autonoma, che si fonda sul matrimonio, soffermandosi poi a due fasi della vita familiare: l’infanzia e la vecchiaia. Riandando all’incontro con le famiglie nell’anno della fede ha tracciato un ritratto della famiglia cristiana come comunità che prega, che custodisce la fede e vive la gioia.
Nel dialogo coi presenti, anche rifacendosi ad alcuni episodi della sua vita ha incoraggiato a non perdere mai la speranza.
gpc

dscn2478.JPG

dscn2482_r.JPG

Musica

Lunedì 18 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) - Domenica prossima 24 novembre, seguendo una tradizione ormai consolidata, per l’occasione della festa di S. Cecilia (che si celebra il 22 novembre), come negli anni passati, in Chiesa parrocchiale, alle ore 10,00, il Prevosto benedirà ed affiderà il mandato a coloro che abitualmente compiono il servizio liturgico musicale (coro ed altri musicisti) e la Banda Musicale “La Filarmonica” che per l’occasione si unirà per l’animazione musicale con alcuni brani “ad hoc”. Al termine, i bandisti terranno un breve concerto sul sagrato della Chiesa. Si concluderà con il pranzo sociale presso la nuova sede della Pro Loco.
Nell’occasione poi della Virgo Fidelis (patrona dell’Arma dei Carabinieri) si terrà anche la seconda parte della festa (la prima sarà a Casale), promossa dall’Associazione Nazionale Carabinieri. Nel piazzale antistante la Stazione dei Carabinieri, intitolata al magg. Gen. Angelo Morelli di Popolo (distintosi nella battaglia di Pastrengo del 1848 e di cui ricorre il 200° dalla nascita. Qui sarà deposto una corona, ci saranno i discorsi delle autorità e la rievocazione della Carica di Pastrengo da parte del m.lo Marco Viada, storiografo dell’arma ed autore id un libro su Morelli. Seguirà il pranzo al Ristornate del Moro.
gpc

Leva

Lunedì 18 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) Si sono ritrovati i coscritti della leva 1938 per festeggiare i loro 75 anni. Domenica scorsa 17 novembre hanno partecipato alla S. Messa in Chiesa parrocchiale e successivamente al pranzo presso l’agriturismo La Fontana a Lu (frazione Martini).
gpc

dscn2485.JPG

Consiglio Ragazzi

Lunedì 18 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) Ultimo Anche quest’anno, come da statuto (ha infatti scadenza annuale), si è rinnovato il Consiglio dei bambini e dei ragazzi promosso dall’amministrazione comunale e che coinvolge i giovani studenti delle V primaria (Davide Baldasso, Alessandra Castellini, Nicola Corona, Valentina De Faveri, Liridion Djelili, Edoardo Gatto, Luca Guaschino, Nicolas Guzzardo, Artan Kadriji, Egzona Kadriji, Clement Kalondero, Paola Montaldi, Maria Teresa Negri, Alessia Ottone, Andrea Potenza, Alessandro Spedo, Benedetta Vettoretto) e III secondaria di primo grado (Letizia Babando, Luca Baldasso, Camilla Cella, Federica Ciuro, Lorenzo Pugno, Pietro Vola, Argent Kadriji, Arita Osmani) volendo stimolare la partecipazione alla vita del comune ed il senso civico delle istituzioni.
Così nella riunione dello scorso 12 novembre si è formato il decimo consiglio con l’elezione di Letizia Babando (presidente) e di Davide Baldasso (vice presidente).
In precedenza questo ruolo era stato ricoperto da Vittoria Deambrosis ed Elena Montaldi (2012-2013), Andrea Alliverti e Alberto Ottone (2011-2012), Paolo Berra e Luca Baldasso (2010- 2011), Silvia Bellomo e Matteo Barbano (2009-2010), Nicolò Pugno ed Andrea Alliverti (2008-2009), Davide Rabagliati e Paolo Berra (2007-2008), Mazzucco Gabriele e Mazzucco Celeste (2006-2007), Giulia Delodi e Pier Sandro Marchisio (2005-2006) ed Edoardo Mazzucco e Veronica Varzi (2004-2005).
I giovani consiglieri hanno predisposto il loro programma annuale, discutendo alcune idee che intendono realizzare: essi hanno espresso l’utilità di una pista ciclabile, alla continuazione di viaggi ed appuntamenti in occasione dei eventi significativi (per la legalità e lotto contro la mafia….), ma anche di dare vivacità e colore alla scuola media….
gpc

dscn2489_r.JPG

Avvisi PARROCCHIA S. VALERIO OCCIMIANO

Martedì 12 Novembre 2013

******** DOMENICA 10 novembre 2013

* S. Messe in settimana
Lunedì 11 novembre: ore 18,00
Martedì 12 novembre: ore 8,00
Mercoledì 13 novembre: ore 19,00
Giovedì 14 novembre: ore 9,00
Venerdì 15 novembre: ore 18,00

* S. Evasio 2013:
Lunedì 11 novembre: Solenne chiusura Anno della fede (ore 18,30)
Martedì 12 novembre: S. Messa Pontificale (ore 18,00)

* Incontro delle famiglie dell’ UP con il Vescovo:
Venerdì 15 novembre (Salone Parrocchiale, ore 21,00)

* Circolo don Giacomo Alberione
Inizia la campagna tesseramento (Adulti € 10, ragazzi € 8 per tutto l’anno)
prossimo film: “Licenza di matrimonio” (sabato 16 novembre, ore 21,00)

Telecomando

Martedì 12 Novembre 2013

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

In attesa di vedere la nuova serie di DON MATTEO, rimandata all’inizio del 2014 Rai Uno sta riproponendo “UN PASSO DAL CIELO 2” (domenica, ore 21,10). Un telefilm ben realizzato, coretto, nella splendida ambientazione della Dolomiti, che non ah nulla da togliere alle grandi serie americane, anzi …
Lo ZECCHINO D’ORO arriva alla sua 56ª edizione, e torna su Rai1 dal 19 al 23 novembre, in diretta dall’Antoniano di Bologna, dalle 17 alle 18.45 (dal martedì al venerdì) e dalle 17.10 alle 20 il sabato con la finale. Dodici sono le canzoni in gara, 10 italiane e 2 straniere, con le quali il repertorio dello Zecchino d’Oro arriva a 718 brani; 17 sono i piccoli interpreti, di cui 14 provenienti da 7 diverse regioni d’Italia e 3 originari di Svizzera e Venezuela; 50 i bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni;  12 gli ospiti famosi a supporto delle canzoni; 10 gli arrangiatori che si esibiranno dal vivo per accompagnare i piccoli solisti; la co-conduzione dolce ed effervescente di Veronica Maya e Pino Insegno, coppia collaudata dal 2010.
Rai Yoyo, (il Canale tematico più seguito dai bambini italiani) manderà in onda lo Zecchino d’Oro, (dal martedì al venerdì alle ore 20); la puntata del sabato andrà in onda domenica 24 alla stessa ora.
“LA CANZONE DI NOI” (Tv 2000, dal lunedì al venerdì alle 17.30) è una vera e propria novità nel panorama televisivo nazionale, dove i cori di tutta Italia si esibiscono all’interno di “Nel cuore dei giorni – Azzurro”. Ogni giorno gruppi di cantori maschili e femminili, di parrocchia o di montagna, di musica jazz, gospel vengono ospiti in studio oppure si faranno conoscere attraverso i video inviati alla TV. In questo spazio Tv2000 vuole raccontare, con i toni che ormai la contraddistinguono, l’umanità di chi coltiva un talento per passione, non per ambizione; aprire a un intrattenimento “leggero” e divertente impreziosito dalle storie di vita che s’intrecciano nella musica.
Gian Paolo Cassano

La Parola di Papa Francesco

Martedì 12 Novembre 2013

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO
a cura di Gian Paolo Cassano

E’ la carità reciproca a costruire la Chiesa e a rendere i cristiani “sacramento” dell’amore di Dio nel mondo. Lo ha insegnato il Papa (riflettendo sulla comunione ai “beni spirituali”, cioè i Sacramenti, i carismi e la carità) nell’udienza di mercoledì 6 novembre. Il primo bene spirituale è costituito dai Sacramenti che “non sono apparenze, non sono riti; i Sacramenti sono la forza di Cristo, c’è Gesù Cristo, nei Sacramenti. Quando celebriamo la Messa, nell’Eucaristia c’è Gesù vivo, proprio Lui, vivo, che ci raduna, ci fa comunità, ci fa adorare il Padre”.
Essi spingono all’annuncio, fanno stupire “delle meraviglie di Dio, erigono un argine contro “gli idoli del mondo”. Per questo “è importante fare la comunione; è importante che i bambini siano battezzati presto; è importante che siano cresimati. Perché? Perché questa è la presenza di Gesù Cristo in noi, che ci aiuta. E’ importante, quando ci sentiamo peccatori, andare al Sacramento della riconciliazione.” Qui è Gesù che ci aspetta, è “Gesù che ti perdona.” Un secondo bene spirituale è dato dalla “comunione dei carismi”, che “sono i regali che ci fa lo Spirito Santo (…) Sono i regali che dà, ma ce li dà non perché siano nascosti: ci dà questi regali per parteciparli agli altri. Non sono dati a beneficio di chi li riceve, ma per l’utilità del popolo di Dio.”
Ciò conduce al terzo aspetto, “la comunione della carità”, per cui questi doni di Dio sono dei “mezzi” per crescere nell’amore cristiano, che è più grande dei carismi: “senza l’amore, tutti i doni non servono alla Chiesa, perché dove non c’è l’amore c’è un vuoto, un vuoto che viene riempito dall’egoismo. E vi domando: se tutti noi siamo egoisti, solamente egoisti, possiamo vivere in comunità, in pace? (…) Non si può! Per questo, è necessario l’amore che ci unisce; la carità. Il più piccolo dei nostri gesti d’amore ha effetti buoni per tutti!”.
Domenica 10 novembre all’Angelus ha inviato ad una preghiera silenziosa (insieme ad un aiuto concreto) per le vittime del tifone Haiyan nelle Filippine, invitando a guardare alla vita eterna, alla “speranza di una vita ancora più vera di questa” che tutti hanno grazie a Gesù. “E questo è il legame decisivo, l’alleanza fondamentale, l’alleanza con Gesù: Lui stesso è l’Alleanza, Lui stesso è la Vita e la Risurrezione, perché con il suo amore crocifisso ha vinto la morte”. Ciò che “Dio ci prepara non è un semplice abbellimento di questa attuale (…) perché Dio ci stupisce continuamente con il suo amore e con la sua misericordia”. Infatti “è l’eternità a illuminare e dare speranza alla vita terrena di ciascuno di noi”, in quanto “Gesù capovolge” la prospettiva di una vita che faccia da riferimento all’eternità. “Noi siamo in cammino, in pellegrinaggio verso la vita piena e quella vita piena è quella che ci illumina nel nostro cammino! Quindi la morte sta dietro, alle spalle, non davanti a noi. Davanti a noi sta il Dio dei viventi….”
Gian Paolo Cassano

Pro Loco

Martedì 12 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) C’era anche la Pro Loco di Occimiano (con una piccola delegazione di 4 persone) all’evento “Le Pro Loco si incontrano e di si raccontano” che si è tenuta a Roma lo scorso 5 novembre. Ad organizzarlo l’UNPLI, (Unione Nazionale Pro Loco Italiane) ed erano invitati a partecipare tutte le pro loco italiane, anche se in maggior parte del Centro Italia.
Nella splendida cornice dell’Auditorium dell’Augustinianum (di fianco al colonnato di san Pietro) c’è stata anche la premiazione per il Concorso fotografico “La sagra più bella che c’è”. Per questo è stato premiato Edoardo Mazzucco (della Pro Loco occimianese) con una menzione speciale.
Il giovane occimianese, appassionato fotografo, che non manca mai di ritrarre alcuni momenti della vita del paese, aveva partecipato con una foto è intitolata “In cucina” che rappresenta un momento tipico della festa della Pro loco di Occimiano, un cuoco intento a cuocere il polmone del fritto misto.
gpc

mauro-aceto-pro-loco.jpg

edo.jpg

Inaugurazione

Martedì 12 Novembre 2013

OCCIMIANO – (gpc) Già da qualche mese era in uso, ma ora è stata ufficialmente inaugurata. E’ la nuova sede della Pro loco che ha trovato spazio nella parte restaurata della prestigiosa Villa dei Marchesi da Passano, grazie alla disponibilità della Fondazione Ernesto e Carla Rota, proprietaria dell’edificio storico sorto nel XVIII secolo sulla fondamenta del castello di Occimiano. Martedì 12 novembre si è tenuta l’inaugurazione, con la presenza del Sindaco (prof. Ernesto Berra) e della autorità civili, militari e religiose, dei Dirigenti della Fondazione Rota, il presidente (dott.sa Serena Monina), il presidente emerito (rag. Franco Prati) e l’amministratore delegato (dott. Michele Cicogna). Dopo la benedizione dei locali da parte del prevosto, c’è stato l’intervento delle autorità ed un intermezzo musicale.
gpc