Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Palermo

OCCIMIANO - (gpc) Hanno ancora nel cuore la bella esperienza fatta in occasione dell’anniversario della strage di Capaci a Palermo dal 22 al 24 maggio scorsi. Sono i quattro ragazzi del Consiglio Comunale dei Ragazzi (Giulia Varzi, vicepresidente, Fiorenzo Aceto, Clelia Babando, Alessio Arenare), accompagnati dal Sindaco Valeria Olivieri e del consigliere comunale Gabriele Cia consigliere comunale, che insieme alla delegazione monferrina hanno partecipato ad un momento intenso di valore civile e di impegno per la legalità. Come non rimanere colpiti da ciò che qui è avvenuto oltre ad ammirare le bellezze di Palermo e di Monreale ?
Toccante è stato l’incontro con la prof.sa Maria Falcoien (sorella del giudice assassinato dalla Mafia) che è cittadina onoraria di Occimiano nella Chiesa di San Domenico per un’installazione artistica. “Si trattava – racconta il consigliere Cia - di far accendere dai ragazzi circa mille lumini, in determinate posizioni e in determinati momenti, per creare due lunghissimi corridoi luminosi, nelle navate laterali, che portavano a due striscioni verticali con tutti i nomi delle vittime della mafia.”
Indimenticabile la giornata del 23 maggio, nel 24° anniversario della strage, sia nell’aula bunker con molti interventi da parte di Grasso, Orlando, Gelmini… sia nel corteo del poemriggio
“E’ stata un’emozione – confidano - aprire il corteo il prima fila, cantare e ripetere gli slogan proposti dall’ottima organizzazione. A fine corteo, all’albero simbolo della lotta alla mafia, abbiamo assistito ad alcuni brani di artisti usciti da Xfactor come Shorty, Josaba e Lorenzo Fragola e un intenso e profondo monologo del comico Lipari, che di comico aveva poco ma comunicava schiettamente la condizione siciliana.
“E’ stata un’esperienza forte – conclude Gabriele Cia, a nome anche dei ragazzi - un’ottima occasione di crescita, di condivisione e senso di giustizia. mi auguro tanto che abbia spronato nell’animo dei nostri ragazzi e tutti i presenti alla manifestazione, una consapevole e onesta base per la propria formazione.”
gpc

palermo4.JPG

I commenti sono disabilitati.