Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Consiglio Comunale dei Ragazzi

OCCIMIANO – (gpc) Hanno pacificamente invaso il paese. Sono i 700 ragazzi ed accompagnatori dei Consigli comunali dei ragazzi (Ccr) del Piemonte che sabato scorso 27 maggio hanno tenuto il loro IV incontro annuale.
Provenivano da una cinquantina di comuni: Cartosio, Conzano, Giarole, Mirabello Monferrato, Occimiano, Pozzolo Formigaro, Terruggia, Villanova Monferrato (in provincia di Alessandria), Cellarengo, Monale, Mombercelli, Monastero Bormida, Montegrosso d’Asti, Unione dei Comuni Alto Astigiano (in provincia di Asti), Ronco Biellese (in provincia di Biella), Corneliano d’Alba, Costigliole Saluzzo, Grinzane Cavour, Monticello d’Alba, Rifreddo, Saluzzo, Vicoforte, Villanova Mondovì (in provincia di Cuneo), Armeno, Castelletto Sopra Ticino, Gozzano, Novara, Orta San Giulio (in provincia di Novara), Avigliana, Bruino, Brusasco, Casalborgone, Cavagnolo, Fiano, Ivrea, Mattie, Nichelino, Pino Torinese, Rivalba, Rondissone, Rubiana, Rueglio, San Raffaele Cimena, San Sebastiano da Po, Scalenghe, Sciolze, Verrua Savoia (in provincia di Torino), Baveno, Varzo (dal VCO), Rive (in provincia di Vercelli).
Nel corso dell’incontro hanno approvato un documento (coordinato dal Corecom) in cui s’impegnano a rispettare e a diffondere le buone pratiche per prevenire e combattere lo spreco alimentare, a farsi parte attiva presso le istituzioni pubbliche affinché siano adottati provvedimenti volti a promuovere tali pratiche e a coinvolgere le associazioni di categoria e le scuole favorendo percorsi formativi e didattici sul tema degli sprechi e dell’educazione alimentare e ambientale.
L’iniziativa, realizzata dall’Assemblea legislativa piemontese - che custodisce il Registro regionale dei Consigli comunali dei Ragazzi - ha avuto come parola d’ordine l’hastag #nessunosiperda. Erano presenti la dirigente responsabile Daniela Bartoli con i funzionari Vincenzo Cutri e Marisa Radofile.
Dopo i saluti del consigliere delegato dal presidente dell’Assemblea regionale, che ha sottolineato “l’innegabile merito dei Ccr nell’offrire stimoli e nell’ideare iniziative in grado di migliorare le città”, la garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza Rita Turino, ha definito l’evento “un esercizio di cittadinanza attiva e responsabile”. Il presidente del Corecom Piemonte Alessandro De Cillis,  ha evidenziato l’importanza “per i giovani e per gli educatori di trovarsi insieme per incontrarsi e confrontarsi” ed Il sindaco di Occimiano Valeria Olivieri ha espresso la propria soddisfazione di ospitare il raduno ed ha richiamato il proficuo lavoro sul territorio (con i CCR dei paesi vicini).
Al termine di questo ampio preambolo è stato illustrato il tema della giornata: mettersi in gioco affinché Nessuno si perda perché emarginato a causa del bullismo o costretto a rinunciare al diritto allo studio e al dovere di sviluppare i propri talenti per il bene della società, il tutto coordinato da Carlo ed Emanuele De Giacomi (di Eco Officina).
Dopo aver ascoltato la testimonianza di Amin, venticinquenne giunto in Italia a otto anni dal Marocco senza conoscere una sola parola d’italiano che, grazie all’aiuto degli insegnanti, dei compagni e di alcuni benefattori che si sono presi cura della sua formazione, si è recentemente laureato in Scienze infermieristiche, i ragazzi si sono divisi in gruppi per prendere parte alle attività formative e didattiche di approfondimento.
Nel pomeriggio il presidente del Corecom De Cillis e il commissario Vittorio Del Monte hanno svolto, alla presenza dell’assessore regionale all’Istruzione, un intervento per illustrare ai giovani e agli educatori la “dieta” digitale ideale per navigare su Internet in maniera sicura e metterli in guardia sui danni del cyberbullismo e hanno dichiarato la disponibilità del Corecom a svolgere nelle scuole dei Comuni sede di Ccr incontri ad hoc per approfondire tali tematiche.
Per far sì che davvero Nessuno si perda e sottolineare - nel contempo - l’importanza del valore della solidarietà, il raduno è terminato con una prima raccolta di ricevute delle donazioni effettuate dai Ccr a favore delle popolazioni terremotate, depositate sull’apposito conto corrente attivato nei mesi scorsi dall’Assemblea regionale.
I ragazzi hanno potuto poi gustare l’ospitalità della Pro loco (presso l’Antica corte della Villa dei Marchesi) per il pranzo e la perfetta organizzazione da parte dell’amministrazione comunale.
gpc

dscn4455_new.JPG

dscn4459.JPG

ccr.jpg

I commenti sono disabilitati.