Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio della Categoria 'Occimiano'

ALPINI A VERCELLI

Martedì 16 Ottobre 2018

OCCIMIANO – (gpc) Anche il gruppo alpini di Occimiano, guidato dal capo gruppo prof. Ernesto Berra, insieme alla sezione ANA casalese ha partecipato domenica scorsa 14 ottobre alla sfilata del primo raggruppamento alpini a Vercelli.
E’ stata giornata bella e di forte accoglienza, con la sfilata lunga per le vie di una città a noi vicina del nostro Piemonte e tra le tante bellissime città d’Italia .
Oltre allo striscione di apertura della Sezione, i soci del gruppo hanno sfilato con il blocco della Protezione Civile, tra i sindaci Valeria Olivieri (che non manca mai alle cerimonie degli alpini) e molti altri che hanno marciato con gli alpini sezionali. Tra gli alfieri con il gagliardetto, c’era Marino Massarenti , mentre il capogruppo Ernesto Berra ha sfilato con i rappresentanti degli organismi sezionali.

alpini-a-vercelli.jpeg

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Lunedì 1 Ottobre 2018

PARROCCHIA S. VALERIO
OCCIMIANO
********
DOMENICA 30 settembre 2018

* S. Messe nella settimana:
• Lunedì 1 ottobre: ore 8,30
• Martedì 2 ottobre: ore 8,00
• Mercoledì 3 ottobre: ore 10,00 (esequie)
• Giovedì 4 ottobre: ore 18,00
• Venerdì 5 ottobre: ore 20,45 (Primo venerdì del mese)

* Domenica 30 ottobre: Domenica della Parola
• A Casale (Chiesa S.Caterina) dalle 16,30 alle 19,00

* Giovedì 4 ottobre:
• Consiglio Apostolato della preghiera (Canonica, ore 16,30)

* Festa della Madonna del S. Rosario: Domenica 7 ottobre (ore 20,45):
• La S. Messa non sarà al mattino (ore 11), ma nel pomeriggio (ore 16,30) nella Chiesa della Madonna del Rosario
• Al termine: Processione per le vie del paese
• Conclusione e Affidamento a Maria S.S. nella Chiesa della Madonna del Rosario
• In caso di pioggia tutto nella chiesa della Madonna del Rosario

* A partire da lunedì 8 ottobre:
• La S. Messa feriale sarà in Chiesa Parrocchiale (Cappella dell’Immacolata)

* Apertura dell’anno catechistico
• Sabato 6 ottobre. Inizio catechismo: ore 14,30
• Sabato 6 ottobre. Incontro catechiste (Canonica, ore 18)
• Domenica 7 ottobre. In Oratorio pranzo - segue festa ed attività – S. Messa (mandato e benedizione catechisti e ragazzi) e processione per la Madonna del Rosario.
* Ottobre: mese missionario

TELECOMANDO a cura di Gian Paolo Cassano

Lunedì 1 Ottobre 2018

“ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA” sbarca su Rai Uno (sabato, ore 21,25) ed il 6 ottobre propone una puntata dedicata a Cleopatra che parte dal Colosseo per arrivare al Museo Egizio di Torino. Con l’aiuto dei carabinieri del Ris, ‘Ulisse’ ha cercato di ricostruire il volto della celebre regina, amata da Cesare e poi da Marco Antonio. “Non si sa neppure se Cleopatra fosse bionda o mora - dice Angela - era certamente di origine greca, appartenente alla dinastia dei Tolomei. Non è mai stata ritrovata neppure la sua mummia, ma c’è un busto al Museo Egizio di Torino che potrebbe essere il suo. In ogni caso, abbiamo cercato di ricostruirlo attraverso l’analisi di statue, monete e altri indizi e pensiamo di esserci riusciti”.
Inizia il Sinodo dei giovani ed il Papa si incontra con loro. Sabato 6 ottobre (Tv 2000, ore 17) Francesco insieme ai Padri Sinodali incontra una rappresentanza del mondo giovanile: tra i temi al centro del dialogo ci sono la ricerca della propria identità, le relazioni e la vita come servizio e donazione.
Su Tv 2000 al sabato c’è un ciclo di film dedicato alle avventure di Don Camillo e Peppone interpretati, rispettivamente, da Fernandel e Gino Cervi e liberamente ispirati ai personaggi creati da Giovannino Guareschi in una serie di racconti. Sabato 6 ottobre (ore 21,10) c’è “Don Camillo Monsignore…ma non troppo” un film del 1961 diretto da Carmine Gallone.

NESSUNO NE PARLA (O QUASI) news quasi sconosciute a cura di Gian Paolo Cassano

Lunedì 1 Ottobre 2018

La nomina della prima donna presidente del Vietnam è un’opportunità per “fare di più per i poveri”: lo afferma all’Agenzia Fides Nguyen Thi A, laica cattolica dell’Arcidiocesi di Hanoi, notando che “il Vietnam ha bisogno di un’economia che aiuti i poveri nelle aree rurali con programmi di educazione, assistenza sanitaria, abitazione e welfare, opportunità di lavoro e sicurezza sociale”. Inoltre bisogna fare di più per “la libertà di religione e di parola nella società”.
Il 23 settembre scorso Dang Thi Ngoc Thinh è stata nominata “presidentessa ad interim” dopo la morte del Presidente Tran Dai Quang, ex capo della sicurezza interna, che era alla guida della nazione dal 2016. L’Assemblea nazionale del Vietnam aveva eletto Dang Thi Ngoc Thinh come vice presidente nel 2016, e ora la donna resterà in carica fino a quando il Parlamento non eleggerà il nuovo leader, alla fine di ottobre.
La nomina della prima donna presidente del Vietnam (come ha affermato all’Agenzia Fides Nguyen Thi A, laica cattolica dell’Arcidiocesi di Hanoi), è un’opportunità per “fare di più per i poveri”, notando che “il Vietnam ha bisogno di un’economia che aiuti i poveri nelle aree rurali con programmi di educazione, assistenza sanitaria, abitazione e welfare, opportunità di lavoro e sicurezza sociale”, facendo di più per “la libertà di religione e di parola nella società”.
Secondo un rapporto dell’Unione interparlamentare con sede a Ginevra, il Vietnam si classifica al 61° posto su 193 paesi, per la partecipazione delle donne al Parlamento. Il numero di donne che occupano posizioni decisionali, a tutti i livelli politici, in Vietnam rimane basso e riflette stereotipi di genere radicati sul ruolo delle donne nella società.

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO a cura di Gian Paolo Cassano

Lunedì 1 Ottobre 2018

All’udienza generale di mercoledì 26 settembre il Pontefice ha ripercorso le tappe più salienti del suo recente viaggio nei Paesi baltici, con la missione di “annunciare nuovamente la gioia del Vangelo e la rivoluzione della misericordia, della tenerezza”. Egli ha ricordato che Lituania, Lettonia, Estonia (a 100 anni dall’indipendenza dalla Russia) hanno vissuto questo secolo “per metà sotto il giogo delle occupazioni, quella nazista, prima, e quella sovietica, poi”. Essi “hanno molto sofferto e per questo il Signore li ha guardati con predilezione”. In questi Paesi il contesto, dalla fine del giogo del comunismo, è molto mutato. Ecco perché la missione del Pontefice è stata quella di riannunciare la rivoluzione della misericordia e la gioia del Vangelo “che nel tempo della prova dà forza e anima la lotta per la liberazione, nel tempo della libertà è luce per il quotidiano cammino delle persone delle famiglie, delle società ed è sale che dà sapore alla vita ordinaria e la preserva dalla corruzione della mediocrità e degli egoismi.” In questo momento “la sfida è quella di rafforzare la comunione tra tutti i cristiani, già sviluppatasi durante il duro periodo della persecuzione.”
Ha ricordato i diversi incontri avuti (ecumenici, con i giovani, con le autorità…..), incoraggiando “il dialogo tra la generazione degli anziani e quella dei giovani”, un contatto con le radici che deve “continuare a fecondare il presente e il futuro” e a “coniugare sempre la libertà con la solidarietà e l’accoglienza”. Con gli anziani, a Riga, Francesco ha sottolineato lo stretto legame tra pazienza e speranza: “coloro che sono passati attraverso dure prove sono radici di un popolo, da custodire con la grazia di Dio, perché i nuovi germogli possano attingervi e fiorire e portare frutto. La sfida per chi invecchia è non indurirsi dentro, ma rimanere aperto e tenero di mente e di cuore; e questo è possibile con la ‘linfa’ dello Spirito Santo, nella preghiera e nell’ascolto della Parola.”
Nell’incontro in Lituania con sacerdoti e seminaristi, si è riferito alla speranza, alla “dimensione della costanza, essere centrati in Dio, fermamente radicati nel suo amore”, come coloro che “hanno sofferto calunnie, prigioni, deportazioni…, ma sono rimasti saldi nella fede”. Bisogna non dimenticare e “custodire la memoria dei martiri, per seguire i loro esempi”. A Vilnius poi ha reso omaggio “alle vittime del genocidio ebraico in Lituania, esattamente a 75 anni dalla chiusura del grande Ghetto, che fu anticamera della morte per decine di migliaia di ebrei”, sostando poi in preghiera al Museo delle Occupazioni e delle Lotte per la Libertà, “nelle stanze dove venivano detenuti, torturati e uccisi gli oppositori del regime”. La carità è “segno vivo del Vangelo. (….) Anche dove più forte è la secolarizzazione, Dio parla col linguaggio dell’amore, della cura, del servizio gratuito a chi è nel bisogno. E allora i cuori si aprono, e succedono miracoli: nei deserti germoglia vita nuova.”
Domenica 30 settembre, all’Angelus, il Papa ha esortato a imparare da Cristo che “ci chiama a non pensare secondo le categorie di ‘amico/nemico’, ‘noi/loro’, ‘chi è dentro/chi è fuori’, ma ad andare oltre”. Bisogna imparare da Gesù ad “essere attenti più alla genuinità del bene, del bello e del vero che viene compiuto, che non al nome e alla provenienza di chi lo compie.” Solo Lui è così “pienamente aperto alla libertà dello Spirito di Dio, che nella sua azione non è limitato da alcun confine e da alcun recinto”.
Pur comprendendo l’umanità dell’atteggiamento dei discepoli descritto nell’episodio del Vangelo, Francesco ha messo in guardia dal “timore della concorrenza” in cui “comunità cristiane di tutti i tempi.” E’ quel “perché non è dei nostri” a farci cadere nell’autoreferenzialità: “radice del proselitismo”, perché “la Chiesa (come diceva Papa Benedetto XVI), non cresce per proselitismo ma per la testimonianza agli altri con la forza dello Spirito Santo”. Se rimaniamo ingabbiati in ciò che conosciamo o ci appartiene, saremo spinti a giudicare gli altri. Dobbiamo invece “esaminare noi stessi, e ‘tagliare’ senza compromessi tutto ciò che può scandalizzare le persone più deboli nella fede”.

Voispeed nel Comune

Lunedì 1 Ottobre 2018

OCCIMIANO (gpc) – Dopo essere stato sperimentato nelle scorse settimane, è entrato in funzione in funzione un centralino telefonico ad alto contenuto tecnologico, grazie al progetto “Voispeed nel Comune”.
Infatti tutti coloro che desiderano mettersi in contatto con uffici ed enti pubblici del paese possono usufruire di un unico numero (0142.809131); il risponditore automatico guiderà velocemente al servizio desiderato: tasto 1 per il Palazzo Comunale, tasto 2 per le Scuole (1 infanzia, 2 primaria, 3 secondaria di primo grado), tasto 3 per l’ambulatorio, tasto 4 per la Biblioteca. Il servizio, improntato al risparmio, permette così una maggiore efficienza ed un potenziamento dei servizi alla popolazione.

municipio.jpg

Gruppo Fotografi Monferrini

Lunedì 1 Ottobre 2018

OCCIMIANO – (gpc) E’ stata un bella serata dedicata alla fotografia naturalistica a cura del fotografo Paolo Ravasi (www.naturaphotografica.com) quella che il Gruppo Fotografi Monferrini ha organizzato mercoledì 3 Ottobre presso la sua sede di Occimiano in Piazza Don Bosco.
Una serata aperta a tutti, un viaggio sulle acque dei grandi fiumi, sulle rive di stagni e risaie; dove c’è acqua c’è vita. Durante la serata sono stati proiettati audiovisivi, immagini e c’è stata un’interessante discussione con l’autore.

Madonna del Rosario

Lunedì 1 Ottobre 2018

OCCIMIANO – (gpc) La festa della Madonna del Rosario è particolarmente sentita in pese e la bella Chiesa a lei dedicata è da sempre il santuario mariano locale. Domenica prossima 7 ottobre, coincidendo il giorno della festa con la domenica, la S.Messa festiva sarà celebrata nella Chiesa dedicata alla S. Vergine (in via Garibaldi) alle ore 16,30, cui seguirà la processione per le vie del paese e concludendo con la Supplica in Chiesa. Sarà anche l’occasione per dare inizio all’anno catechistico ed oratoriano.

madonna-del-rosario.jpg

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Martedì 25 Settembre 2018

PARROCCHIA S. VALERIO
OCCIMIANO
********

DOMENICA 23 settembre 2018

* S. Messe nella settimana: (Chiesa Madonna del Rosario)
• Lunedì 24 settembre: ore 8,30
• Martedì 25 settembre: ore 8,00
• Mercoledì 26 settembre: ore 8,30
• Giovedì 27 settembre: ore 18,00
• Venerdì 28 settembre: ore 9,00

* Pellegrinaggio a Crea (con l’UP)
• Domenica 30 settembre, con partenza verso le ore 14
• Prenotarsi al più presto presso don Gian Paolo

* Festa della Madonna del S. Rosario: Domenica 7 ottobre (ore 20,45):
• La S. Messa non sarà al mattino (ore 11), ma nel pomeriggio (ore 16,30) nella Chiesa della Madonna del Rosario
• Al termine: Processione per le vie del paese
• Conclusione e Affidamento a Maria S.S. nella Chiesa della Madonna del Rosario
• In caso di pioggia tutto nella chiesa della Madonna del Rosario

TELECOMANDO a cura di Gian Paolo Cassano

Martedì 25 Settembre 2018

Licia Colò torna in Rai con un nuovo programma “Niagara (Rai due, lunedì, ore 21,20). Un nuovo spettacolo in cui la magnificenza della natura trova spazio nel panorama televisivo, un viaggio alla scoperta della Terra. Licia Colò è la guida che racconta in prima persona i teatri naturali della bellezza del Pianeta. Accompagnata dal drone Eli, che contribuisce a mostrare la bellezza dei luoghi da una prospettiva ancora più spettacolare, la conduttrice affronterà diverse tematiche.
In ogni puntata, infatti, una linea ideale unirà luoghi diversi e distanti tra loro in un unico abbraccio. Tra le tematiche affrontate anche il rapporto tra l’uomo e il Pianeta, i luoghi che rivelano la storia della Terra, la protezione del nostro futuro e le forze della natura che cambiano il mondo. Non mancherà nel corso di Niagara – Quando la Natura fa Spettacolo il contributo scientifico di tre esperti: Valerio Rossi Albertini spiegherà come il nostro mondo e la nostra natura offrono ogni giorno soluzioni tecnologiche, mentre il giornalista Alessio Aversa e il biologo Raffaele di Placido realizzeranno inchieste per mostrare gli spettacoli della natura che stiamo rischiando di perdere. In ogni appuntamento anche il racconto di un Eroe della Terra, un personaggio italiano o straniero che ha combattuto e, talvolta, perso la vita per difendere la natura e gli animali.
Sabato 29 settembre (Rai tre, ore 21,15) torna ULISSE, IL PIACERE DELAL SCOPERTA”, dove Alberto Angela conduce il programma di divulgazione dedicato alla storia, all’arte e alla cultura. Nel programma il conduttore in esterna, in prestigiosi luoghi, sviluppa un racconto storico, archeologico, divulgativo, con la presenza di alcuni protagonisti della scena culturale o artistica italiana. Completano il programma una serie di mini servizi di approfondimento.