Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio della Categoria 'Occimiano'

Giovedì 22 Febbraio 2018

27-feb-presentazione-papa-francesco.jpg

ORESTE PATRUCCO

Mercoledì 21 Febbraio 2018

gp8occi.patrucco
OCCIMIANO - (gpc) - È mancato uno degli ultimi reduci della seconda guerra mondiale, sicuramente l’ultimo originario di Occimiano: è l’alpino Oreste Patrucco, 95 anni (era nato il 3 giugno 1922), di cui quasi due trascorsi nel campo di prigionia di Stendal, in Germania, dopo aver combattuto in Montenegro nel fronte greco albanese con il 3° Reggimento Alpini - Battaglione “Fenestrelle”. Dalla fine degli anni Sessanta risiedeva ad Alessandria con la moglie Maddalena Rabagliati, anche lei nativa del paese monferrino, dove abitano numerosi nipoti di entrambi i coniugi. I funerali sono stati celebrati sabato nella chiesa di Sant’Alessandro, nel capoluogo provinciale, alla presenza dei rappresentanti della sezione ANA cittadina presieduta da Bruno Pavese, che ha ricordato l’apporto di Patrucco alle iniziative dell’associazione, a partire dalla costruzione dell’attuale sede in via Giovanni Lanza. Molto forte anche il legame con le penne nere occimianesi, tanto da essere premiato con una speciale targa dall’allora capogruppo Battista Debernardis in occasione del 50° di fondazione del Gruppo. Dopo le esequie, Oreste Patrucco è stato tumulato nel cimitero di Casalbagliano. Oltre alla moglie, lascia i figli Mariangela e Gianfranco con le rispettive famiglie.
gpc
FOTO: ORESTE PATRUCCO
oreste-patrucco-3.jpg

PRO LOCO OCCIMIANO

Mercoledì 21 Febbraio 2018

OCCIMIANO – (gpc) E’ stato quasi integralmente confermato il direttivo della Pro Loco occimianese nel corso dell’assemblea dei soci, svoltasi venerdì scorso 16 febbraio.
Confermato il presidente Simone Cia, mentre il vicepresidente Franco Delodi per motivi personali ha rassegnato le dimissioni dall’incarico ma che rimarrà comunque come volontario della pro loco,
Il consiglio direttivo, con l’aggiunta di due nuovi membri, è così costituito: Cia Simone (presidente)
Gabriella Boccalatte (vicepresidente), Michela Debernardi (segretario), Monica De Ambrosis, (tesoriere) con i consiglieri Romeo Casarotto, Gian Piero Collot, Matteo Delodi, Emanuela Aceto,
Arianna Delodi, Roberto Bolognesi. Rieletti anche i membri del Collegio Revisori: Giorgio Mazzucco (presidente), Mauro Barbano, Giovanni Sillano.
L’Assemblea ha approvato il bilancio consuntivo 2017 e quello preventivo 2018, le cui singole voci sono state illustrate ai presenti dal tesoriere Monica De Ambrosis. Approvato pure il lavoro svolto dal Consiglio direttivo su cui ha relazionato Matteo evidenziando soprattutto l’attività a favore del paese effettuata dai volontari dell’associazione.
Nel programma annuale, che andrà definendosi poi successivamente, ci sarà (domenica prossima 25 febbraio) il Convegno e cena ” se invito a cena un celiaco” e l’11 marzo il “Pomeriggio donna”.
gpc
FOTO: PRO LOCO OCCIMIANO
cena-pro-loco.jpg

Se invito un celiaco a Cena

Martedì 20 Febbraio 2018

gp8occi.celiaco
OCCIMIANO – (gpc) “Se invito un celiaco a Cena” . E’ il Convegno e cena, nato dalla Consulta e sviluppo del territorio di Occimiano in collaborazione con AIC Piemonte e Valle d’Aosta, Pro-loco Occimiano, Comune di Occimiano, Ristorante “il Melograno” di Terruggia. L’incontro è nato dall’esigenza di alcuni genitori di sapere come comportarsi nel caso in cui, si debba invitare un celiaco a cena o a pranzo.
Infatti sono in netto aumento coloro che soffrono di intolleranza al glutine
Si terrà sabato 24 febbraio, iniziando alle ore 18 (con il convegno) e alla 20 (con la cena) presso l’Antica Corte dei Marchesi Da Passano (via Cavour, 58) ad Occimiano.
Inizialmente alle ore18,00 ci sarà l’incontro con la dott.sa Elsia Strona, Dietista Aic, sulla gestione della cucina senza glutine a casa, dando le basi per una corretta alimentazione e preparazione priva di glutine e la relatrice (già intervenuta all’incontro di alimentazione infantile del 2016), risponderà a dubbi e quesiti.
Seguirà la cena, organizzata dal ristorante AFC “Il Melograno” di Terruggia. Il menu comprende: Flan di erbette con fonduta d’alpeggio, penne ai Carciofi e piccolo verdure gratinate, pollo farcito alle erbe e patate al forno, tortino cioccolato e agrumi con cremoso alle albicocche. Il costo di incontro + cena è di 20 €. La prenotazione è obbligatoria (max 50 persone). Per prenotare: inviare una mail ai seguenti indirizzi di posta elettronica: prolocooccimiano@tiscali.it oppure elisastrona@yahoo.it
gpc
FOTO: ELISA STRONA
elisa-strona.jpg

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Lunedì 11 Dicembre 2017

******** DOMENICA 18 FEBBRAIO 2018

* S. Messe nella settimana:
• Lunedì 19 febbraio: ore 18,00
• Martedì 20 febbraio: ore 17,00
• Mercoledì 21 febbraio: ore 8,30
• Giovedì 22 febbraio: ore 15,30
• Venerdì 23 febbraio: 18,00

* Vespri:
• Lunedì 19 febbraio (ore 17,45) - segue: S. Messa

* Venerdì 23 febbraio:
• Via crucis: ore 17,00
• S. Messa: ore 18,00
• Astinenza (dal 14 anni in su)
• Giornata di preghiera e di digiuno per la pace (accogliendo l’invito del Papa)

* Domenica 25 febbraio:
• Ritiro spiritale Azione Cattolica (Casale, Oratorio del Duomo, ore 15)

* Domenica 4 marzo:
• Pomeriggio di spiritualità al Carmelo Mater Unitatis

Nessuno ne parla (o quasi)

Lunedì 11 Dicembre 2017

ne138news
NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

Un video diffuso dall’ISIS tre anni fa mostrava al mondo la tragedia del brutale assassinio di 21 egiziani decapitati in Libia
A tre anni esatti di distanza, giovedì 15 febbraio, è stata inaugurata ufficialmente nella provincia di Minya, in Egitto, la chiesa dei “martiri copti di Libia”, uccisi dai terroristi legati al sedicente Stato Islamico. La dedicazione ai martiri copti del luogo di culto, costruito nel villaggio di al Our, nei pressi di Samalut, da dove proveniva la maggior parte di queste persone barbaramente uccise in ginocchio sulla riva di una spiaggia libica dai jihadisti, “è un segno molto positivo, - ha detto mons. Botros Fahim Awad Hanna, vescovo di Minya per i copti cattolici - perché rende perenne il loro nome e la loro testimonianza al Vangelo”. Tale evento “incoraggia tutti i cristiani egiziani ad essere fermi nella propria fede” malgrado le avversità, aggiunge.
In quell’occasione anche il Papa, ricevendo una delegazione della Chiesa riformata di Scozia - esprimeva profonda tristezza, ricordando come i fratelli copti ortodossi fossero stati uccisi pronunciando la frase: “Gesù aiutami!” Furono assassinati “per il solo fatto di essere cristiani”; la loro rimane “una testimonianza che grida”, nel segno dell’“ecumenismo del sangue”.
E’ una “testimonianza per la vita e con la vita - ha aggiunto mons. Botros Fahim Awad Hanna, ala Radio Vaticana - Questo è l’approccio più forte alla fede”, perchè “il martirio è qualcosa che è alla portata di tutti, perché queste erano persone semplici, erano andate in Libia per guadagnarsi da vivere”. Si tratta di “una testimonianza con il sangue della propria fede”, come “non solo qualcosa che bisogna subire ma un dono del Signore”.
Ora “per tutti i cristiani egiziani e del Medio Oriente - ma in modo particolare in Egitto - la testimonianza con il sangue è già presente, è attuale, quotidiana. Ed è questa che ci rende sempre uniti, perché nel dolore, nella persecuzione, nella sofferenza e nelle difficoltà i cristiani - ma anche gli uomini, in generale - si sentono molto più vicini rispetto a quando nella vita invece le difficoltà e i problemi non ci sono”.
L’intitolazione della chiesa ai martiri copti di Libia assume un significato particolare nella provincia di Minya, un’area in cui negli ultimi tempi sono stati attaccati luoghi di culto e di aggregazione dei cristiani.
Gian Paolo Cassano

Ringraziamento

Lunedì 11 Dicembre 2017

OCCIMIANO – (gpc)OCCIMIANO - (gpc) Cade lunedì prossimo 22 gennaio la festa del S. Valerio, Patrono della comunità cristiana. La festa inizierà nella vigilia (domenica 21 gennaio) con la Processione dall’edicola di San Valerio presso la Casa di riposo (luogo dove sorgeva un’antica Chiesa intitolata al santo) alle 17,00, e con la seguente celebrazione solenne dei Primi Vespri in Chiesa parrocchiale. Per l’occasione saranno presenti per la nona volta gli “Araldi di san Valerio” come i suoi “dignitari”, a far onore al Santo e che vedranno protagonisti i bambini della Prima Comunione.
Lunedì 22 poi la S. Messa solenne, alle ore 18,00, presieduta da don Franco Zuccarelli (parroco di San Germano M.,) ed animata dal Coro Parrocchiale (diretto dalla prof.ssa Anna Maria Figazzolo) con la partecipazione delle autorità, che vedrà anche la consegna, per il quindicesimo anno consecutivo della “spiga d’argento” che la Parrocchia intende assegnare (il nome sarà conosciuto in questa occasione) ogni anno per mettere in evidenza la disponibilità al servizio ecclesiale e alla testimonianza del Vangelo.
Saranno esposte anche le opere (nell’ambito dell’iniziativa proposta dalla Parrocchia che invita gli artisti ad esprimersi su S. Valerio) nell’ambito dell’iniziativa di “Artisti per san Valerio”. Anche quest’anno poi sarà poi l’offerta dei germi di grano (che hanno ricevuto il giorno dell’Epifania) da parte dei bambini. Si rinnova poi la bella consuetudine delle spighe di San Valerio (piccoli panetti a forma di spiga di grano) che, preparati da mani sapienti, esprimono il segno della vigilanza e che saranno benedette per l’occasione.
La Pro Loco, poi, riprende l’antica consuetudine con la “Cena di San Valerio”, che organizza (a base di polenta e cinghiale, al costo di € 20) nella serata di sabato 27 gennaio, alle ore 20, presso la Villa dei Marchesi Da Passano (info e prenotazioni: Simone Cia 339.6931508, dopo le 18) ed offrendo un piccolo rinfresco al termine della S. Messa solenne di lunedì 22 in Canonica.
gpc
FOTO: 3634 - 3646 (anni scorsi)

Donne

Lunedì 11 Dicembre 2017

OCCIMIANO – (gpc) Per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne lunedì 27 novembre, nel pomeriggio, nello spazio adiacente all’ex peso pubblico, si sono ritrovati gli alunni della primaria e secondaria, insieme all’amministrazione Comunale, al Consiglio Comunale dei ragazzi (CCR nuovo e precedente) e una buona parte della cittadinanza, per inaugurare il giardino dedicato alle donne e la panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza sulle donne.
E’ toccato al consigliere Valentina Marino aprire la piccola cerimonia, con una breve presentazione in cui ha motivato l’importanza dei simboli, che sono stati scoperti e descrivendo il percorso dei ragazzi del CCR. Poi Enrico Ottone, neo eletto presidente del CCR, ha sottolineato la responsabilità dei ragazzi nel gettare le fondamenta dei loro principi, per crescere dome cittadini consapevoli e di sostegno per la comunità. 
Il Sindaco Valeria Olivieri ha quindi sottolineato l’importanza della presenza a queste attività di ogni ragazzo, del senso civico e del rispetto dell’altro, facendo cenno ai gravi episodi di vandalismo accorsi nella notte di sabato 25 novembre.
Gli alunni delle scuole hanno preparato alcuni lavori. I ragazzi di 5° hanno sviluppato in chiave storica il percorso di acquisizione dei diritti delle donne, mentre i ragazzi di terza media, hanno colto il lato più artistico e poetico.
Si è concluso con il taglio del nastro da parte del vice presidente del CCR Niccolò Favretto per poi scoprire la panchina, con la scritta “Rispetto, amore, libertà per ognuna di noi” ed il cartello dei “Giardini Donne di Occimiano”. Durante la conclusione del Sindaco è stato consegnato a tutte le donne un piccolo foglietto con la scritta scoperta in questa occasione, come ricordo e monito.
gpc

donne-e-panchina-rossa.jpg

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Giovedì 9 Novembre 2017

******** DOMENICA 5 novembre 2017

* S. Messe in settimana
• Lunedì 6 novembre: ore 18,00
• Martedì 7 novembre: ore 8,30
• Mercoledì 8 novembre: ore 18,00
• Giovedì 9 novembre: ore 15,30
• Venerdì 10 novembre: ore 18,00

* Domenica 5 novembre: S. Messa ore 11,00: Giornata dell’Unità
d’Italia: segue corteo e commemorazione dei caduti

* Lunedì 6 novembre
• Vespri (ore 17,45) - segue: S. Messa
• Incontro con don Claudio Burgio (Casale, Curia Sala Cavalla, ore 21) su “Non esistono ragazzi cattivi”

* Domenica 12 novembre:
• Festa degli anniversari di Matrimonio
• S. Evasio (Cattedrale, S. Messa solenne, ore 18)

* Indulgenza plenaria per i defunti
• Fino all’8 novembre l’indulgenza per i defunti (1 volta al giorno) è concessa visitando il Cimitero, confessati e comunicati, recitando il Padre nostro e il Credo, pregando secondo le intenzioni del Papa.

* Premio Luisa Minazzi:
• Schede e urna per votare in fondo alla Chiesa

Nessuno ne parla (o quasi)

Giovedì 9 Novembre 2017

NESSUNO NE PARLA (O QUASI)
news quasi sconosciute
a cura di Gian Paolo Cassano

Sono quasi un migliaio i giornalisti nell’ultimo decennio nel compimento del loro dovere informativo. Per la precisione, in dieci anni sono morti assassinati 930 giornalisti, uno ogni quattro giorni; il 90% di questi omicidi resta impunito. Notizia diffuse dalla Radio Vaticana, in occasione Giornata mondiale per mettere fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti indetta dall’Onu. Sono cifre drammatiche, che raccontano una terribile realtà che non riguarda soltanto Paesi in guerra o in cui si vivono violazioni dei diritti umani e intimidazioni, ma qualsiasi luogo. Si pensi solo al recente caso della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, uccisa nei gironi scorsi a Malta, di cui il 3 novembre si sono svolti i funerali e del cui omicidio non sono ancora stati individuati mandanti ed esecutori.
L’Unesco ha quindi invitato 62 Stati membri coinvolti in casi irrisolti, a fornire un report sulla situazione delle indagini giudiziarie. Stando sempre ai dati Unesco, solo nel 2016, i giornalisti  uccisi sono stati 102,. Di questi assassini, metà è avvenuta in Paesi dove non vi era conflitto armato. La maggior parte dei reporter morti invece – ha detto alla Radio Vaticana Enrico Vicenti, Segretario generale della Commissione nazionale italiana per l’Unesco (che ha lo scopo di favorire la promozione, il collegamento, l’informazione, la consultazione e l’ esecuzione dei programmi Unesco in Italia) - pubblicava notizie riguardanti il proprio territorio. 
Afghanistan e Messico, con 13 giornalisti uccisi sono in cima alla lista stilata dei Paesi “più pericolosi per i giornalisti” seguiti dallo Yemen (11 morti), Iraq (9) e Siria (8).
Gian Paolo Cassano