Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio della Categoria 'Occimiano'

Corso per animatori

Mercoledì 18 Aprile 2018

gp20occi.animatori
OCCIMIANO – (gpc) Hanno invaso pacificamente il paese i giovanissimi animatori che stanno partecipando al corso per animatori promosso dall’Ufficio diocesano della pastorale giovanile.
Domenica 15 aprile, nel pomeriggio sono arrivati da un po’ tutte le parti della diocesi. Accolti dai responsabili della pastorale giovanile in piazza Oratorio don Bosco, sono stati coinvolti in un’animazione collettiva. Cercando di capire l’importanza del “fare” nell’essere animatori… dal saper “fare bene” un laboratorio manuale o di espressione corporea al saperlo insegnare e gestire con i bambini.
Si sono infatti poi divisi in diversi laboratori, posti strategicamente nel paese: Origami, Manualità, Videomaker/Fotografia, Costruzioni di cartone per grandi giochi, Radio e animazione musicale, Animatori da palco, Animatore da accoglienza, Truccabimbi, Sculture di palloncini, Giocoleria, Percussioni, Musica in coro, Musica d’animazione con i tubi, Animazione tecnica, Teatro, Tamburello, Acrobatica, Lavoretti con carta di giornale. La conclusione poi è stata in Chiesa parrocchiale.
gpc

dscn7127.JPG
dscn7104.JPG

MARIA UNIA

Mercoledì 18 Aprile 2018

gp20occi.unia
OCCIMIANO – (gpc) Se ne è andata così, improvvisamente, nel suo stile semplice e discreto, ma forte in quella fede che sempre l’ha accompagnata. Parlo di Maria Unia, sorella di don Giuseppe (indimenticabile parroco di Balzola), occimianese doc.
L’ha a sè chiamata il Signore martedì 17 aprile, dopo che nella sera precedente era stata ricoverata per l’insorgere di un’infezione che ha colpito gli organi interni.
Viva è stata la commozione in tutto il paese dove si era abituati a vederla passare con la sua immancabile bicicletta. Per la sua famiglia ha sempre dedicato tutto, caratterizzata da grande forza e generosità, con una fede incrollabile.
Con il fratello don Giuseppe è sempre stata vicina, sia nel suo servizio pastorale ad Ozzano, Casale Popolo e Balzola, sia quando, per la malattia si era ritirato ad Occimiano, accogliendolo in casa con uni stile accogliente che ha accomunato tutti i suoi cari.
Aveva 83 anni; ultima di una famiglia numerosa (6 figli: Gino Carolo, Carolina, Pierino, don Giuseppe), era sposata con Carlo Rolla, da quasi 52 anni. Lascia anche le due figlie Laura (con Paolo) e Francesca (con Fabio) ed i nipoti con i quali era affezionatissima (Paolo, Elena, Benedetta, Angelo, Cecilia).
Dopo i funerali mercoledì 18 aprile nel pomeriggio è stata sepolta nel cimitero di Occimiano.
gpc
FOTO: MARIA UNIA CON IL MARITO CARLO ….. (si potrebbe ritagliarla…)

maria-unia-conil-marito-carlo-alla-grotta-ganora.JPG

XIX Convegno annuale degli amici del “Monastero Invisibile”

Mercoledì 18 Aprile 2018

gp20voca.moninv
CASALE - (gpc) Sono aperte le iscrizioni del pellegrinaggio a Stresa, in occasione del XIX Convegno annuale degli amici del “Monastero Invisibile” che quest’anno si terrà martedì 1 maggio (non più di domenica, per dare maggiore possibilità di partecipazione alle parrocchie). A questa iniziativa che raccoglie adesioni in tutto il Piemonte - Val d’Aosta (in diocesi siamo più di 300, quasi 4.000 in regione) si può aderire semplicemente danno la propria disponibilità di offerta di un’ora di preghiera al mese per le vocazioni segnalandola al CDV.
Una volta all’anno, infatti, gli amici del Monastero invisibile si danno appuntamento ad un santuario mariano del Piemonte; si era iniziato dodici anni fa a Crea, poi a Re, quindi a Fontanelle di Boves, a Pinerolo, Ivrea, Oropa, Vicoforte di Mondovì, Aosta, Valmala, ancora a Vicoforte, a Moncrivello, a Bra, a Castellazzo Bormida, a Tortona, a Colle don Bosco, Varallo, Alba e Cannobio (lo scorso anno).
Il programma comprende la partenza da Ticineto (ore 8,15), con tappa ad Occimiano (8,30) e Casale (ore 8,45). A Stresa al Colle Rosmini (dove c’è la tomba del beato, nella Chiesa del Crocifisso, si parteciperà alla S. Messa (ore 11,00), presieduta da mons. Cristiano Bodo (vescovo di Saluzzo e delegato CEP per le vocazioni), con una presentazione di Rosmini e dei luoghi rosminiani; dopo il pranzo si scenderà sul lungo lago per l’Adorazione per le vocazioni in Chiesa parrocchiale e la vista del Centro Studi Rosminiani, con la camera di Rosini ed il Museo e la visita della città sul lago Maggiore.
Il costo del viaggio è di € 20; si può prenotare il pranzo (€ 17) oppure pranzare al sacco. L’arrivo previsto è per le 19/19,30. Occorre però prenotarsi al più presto presso don Cassano (0142.809120- 348.4501986) o don Marco Durando (tel. 339.5747610)
gpc

LUCIEN BOTOVASOA

Mercoledì 18 Aprile 2018

sb11botovasoa
NUOVI SANTI
a cura di Gian Paolo Cassano

E’ il primo beato del Madagascar, martire (ucciso il 14 aprile 1947 ) perché cristiano nel periodo di persecuzioni che accompagnò l’indipendenza dell’isola. E’ Lucien Botovasoa, maestro elementare, padre di famiglia, terziario francescano, è stato elevato agli onori degli altari nella sua Vohipeno domenica 15 aprile, nella celebrazione presieduta (in rappresentanza del Papa) dal card. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi.
Lucien è stato un frutto dolce e rigoglioso dell’annuncio missionario, iniziato nel 1899, una decina di anni prima della sua nascita. I missionari capiscono subito che è uno speciale, così dopo gli studi dai Gesuiti, mise a disposizione della sua gente e della Chiesa le sua qualità di maestro, ma anche di musicista eccezionale e grande sportivo. Colto, poliglotta, era amato dai suoi allievi che lo soprannominarono “u be pikopiko” (cioè seme rosso), perché lo vedevano sempre intento a sgranare il Rosario. “Lucien insegnava a fare il bene, a vivere in pace con il prossimo, a formare una comunità fraterna, accogliente e rispettosa – ha detto il card. Amato – all’odio rispondeva con la carità, alla divisione con la comunione, alla menzogna con la verità, al male con il bene. Era un autentico maestro di vita buona: buon cittadino, padre affettuoso, sposo premuroso”.
Si riconobbe nella vocazione al matrimonio vivendo con pienezza la sua fede, anticipando di fatto di almeno vent’anni l’apertura al ruolo dei laici e la dimensione di santità nella quotidianità.
Come Terziario Francescano capì di potere vivere all’interno del matrimonio una dimensione di consacrazione, con una povertà ed una pietà straordinarie: “abbandona i bei vestiti - aggiunge il Prefetto - e si accontenta di semplici sandali, della camicia e dei pantaloni, digiuna il mercoledì e il venerdì. Si alza a mezzanotte per pregare in ginocchio, poi si reca in chiesa verso le quattro, restandovi fino all’ora della Messa. Francescano nell’anima, è sempre gioioso, prega continuamente, dovunque vada ha sempre il Rosario in mano”.
Non si interessava di politica, ma al soffiare dei venti indipendentisti, in Madagascar i cattolici vennero visti come conniventi con il colonialismo francese, e perciò perseguitati. Così durante la Settimana Santa del 1947 molte chiese furono date alle fiamme e molti fedeli raggiunti e uccisi. Lucien venne catturato e processato sommariamente; condotto sul greto del fiume Matitanana, dove venivano abbattuti i buoi, chiese: “Perché volete uccidermi?”. “Perché sei cristiano”, fu la risposta. “Allora potete farlo – disse – non mi difenderò. Che il mio sangue su questa terra salvi la mia patria”. Il suo corpo fu gettato nel fiume.
Diciassette anni dopo, uno dei suoi aguzzini, in punto di morte, fece chiamare un sacerdote perché sentiva irrefrenabile il desiderio di essere battezzato prima del trapasso: “Botovasoa mi promise che sarebbe stato con me quando ne avessi avuto bisogno. Ora sento che è presente”.
La testimonianza del giovane maestro malgascio è più forte e dirompente di tutti i suoi insegnamenti a parole: “Egli ci insegna – conclude il card. Amato - a vivere integralmente il Vangelo che è il libro della vita e non della morte, dell’amore e non dell’odio, della fraternità e non della discriminazione; a noi lascia un grande esempio e un’importante eredità: il perdono del prossimo, il perdono anche dei nemici, e l’invito a vivere in fraternità e in pace con tutti”.
Gian Paolo Cassano

lucien-botovasoa.jpg

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Mercoledì 18 Aprile 2018

******** DOMENICA 15 APRILE 2018

* S. Messe nella settimana:
• Lunedì 16 aprile: ore 18,00
• Martedì 17 aprile: ore 18,00
• Mercoledì 18 aprile: ore 8,30
• Giovedì 19 aprile: ore 17,30
• Venerdì 20 aprile: ore 18,00

* Domenica 15 aprile:
• Giornata Università cattolica

* Vespri
• Lunedì 16 aprile (ore 17,45) - segue: S. Messa

* Monastero invisibile:
• 1 maggio a Stresa (partenza: ore 8,30)
• Quota pullman € 20 (pranzo € 17 o al sacco)
• prenotarsi al più presto

* Domenica 22 aprile:
• Giornata Mondiale preghiera per le vocazioni

* Rispondere alle sfide dei migranti e rifugiati:
• 15° punto: PROMUOVERE: Incoraggiare gli Stati ad adottare politiche e pratiche che garantiscano ai migranti, richiedenti asilo e rifugiati con necessità particolari o vulnerabilità le stesse opportunità offerte ai cittadini disabili.

CONSIGLIO COMUNALE

Lunedì 9 Aprile 2018

gp19occi.ccom
OCCIMIANO – (gpc) E’ stato un Consiglio Comunale (quello che si è tenuto lo scorso 21 marzo, presieduto dal sindaco m.a Valeria Olivieri) con 14 punti all’ordine del giorno, molti dei quali di normale routine, tra cui la determinazione di alcune tariffe, che sostanzialmente sono rimaste invariate tranne una leggera riduzione della tassa rifiuti sui negozi di Alimentari ritendo la loro presenza indispensabile in un piccolo paese.
E’ stato poi approvato il Bilancio di previsione 2018. Ci sono due progetti che saranno realizzati solo a fronte di un contributo Regionale/Statale; uno riguarda il salone della Banda (ex chiesa dei Crociferi), l’altro è la pista ciclabile in direzione Casale Monferrato sino al torrente Rotaldo. Le risorse interne per investimenti nel 2018 ammontano a € 25.000, di cui € 10.000 da oneri cimiteriali e € 15.000 da oneri di urbanizzazione. Tali importi finanzieranno manutenzioni straordinarie al patrimonio vario, automezzi e sul settore informatico. Entro fine aprile dovrebbe essere completato il secondo lotto di telecamere per la video sorveglianza con l’installazione di altre 6 di contesto in vari ingressi del paese…. Inizieranno poi i lavori di rifacimento del marciapiede di via Vittorio Emanuele II ed entro l’anno dovrebbe terminare anche l’argine del Rotaldo, la rimozione dell’amianto dalle casette della ex polveriera ed i servizi esterni nella Piazza Grande Torino. Anche il Sito del Comune necessita un adeguamento alle nuove normative; sarà rinnovato completamente con l’inserimento di una web cam puntata su Piazza Carlo Alberto.
Il Sindaco e la Giunta hanno proposto una modifica al regolamento di imposta municipale propria (approvato all’unanimità) nell’intento di dare una scossa alla nostra zona industriale; infatti dopo la realizzazione dell’illuminazione si andrà a ridurre la quota IMU Comunale a chi acquista immobili di categoria D, il 30% il primo anno, il 90 % il secondo e il 70% il terzo. Naturalmente nel caso di un insediamento di un’attività produttiva.
Si è votata una proposta di modifica della Legge Regionale che riguarda l’edilizia sociale, per questo motivo si è impegnata la Giunta ed il Sindaco a farsi portavoce per chiedere che gli assegnatari di case popolari non abbiano “proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili ad uso abitativo ubicati sul territorio nazionale o all’estero”. Inoltre “che non siano titolari di beni mobili registrati il cui valore complessivo sia superiore ad € 25.000,00”.
gpc

ECOLOGIA

Lunedì 9 Aprile 2018

gp19occi.ecologia
Occimiano – (gpc) Si sono ritrovati martedì scorso 3 aprile i giovanissimi del Consiglio comunale dei ragazzi (CCR) per un percorso ecologico, con l’aiuto e la guida del consigliere comunale Gabriele Cia. L’obiettivo era quello di rendere gradevole il proprio comune, educare i futuri cittadini, diffondere l’attenzione ed aver cura per l’ambiente. I ragazzi, che hanno colto con entusiasmo l’invito, si sono impegnati nella raccolta di rifiuti di ogni genere ed hanno partecipato divertendosi.
Il CCR parteciperà poi il 5 maggio al quinto raduno regionale CCR ad Avigliana ed il 10 maggio parteciperà all’apertura del Salone del libro di Torino, facendo una relazione sull’edizione del quarto raduno regionale CCR che è stato tenuto lo scorso anno ad Occimiano.
gpc
FOTO: CCR ECOLOGIA

ccr-ecologia.jpg

Pellegrinaggio a Stresa

Mercoledì 4 Aprile 2018

stresa.jpg

Occimiano, Comune ciclabile

Mercoledì 4 Aprile 2018

gp18occi.ciclo
OCCIMIANO – (gpc) Occimiano Comune ciclabile. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato al comune monferrino, unico in provincia di Alessandria (in Pimonte sono solo 4 i comuni ciclabili), nel corso della cerimonia promossa dalla FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) lo scorso 21 marzo a Bologna nella bellissima Cappella Farnese di palazzo d’Accursio, sede del Comune.
In tale occasione il presidente Fiab Nazionale Giulietta Pagliaccio ha consegnato le 39 nuove bandiere gialle della ciclabilità italiana ad altrettante amministrazioni locali, tra cui Occimiano. La FIAB vanta 140 sedi in Italia e più di 20000 iscritti, opera in collaborazione con il ministero dell’ambiente e dei trasporti, riconosciuta appunto come Onlus e rappresenta l’Italia nella “European Cyclists’ Federation” patrocinata dalla Comunità Europea. Si tratta del progetto “Comuni ciclabili”, lanciato la scorsa estate dalla FIAB per riconoscere gli sforzi di quei comuni che mettono in pratica concrete politiche per la mobilità in bicicletta, rendendo i propri territori bike-friendly e accoglienti per chi si muove sulle due ruote.
Sono 6 gli aspetti fondamentali valutati nel proprio comune di appartenenza per ottenere il riconoscimento, simboleggiato dal “Bike-smile” apposto su una bandiera, sul modello delle stelle per gli alberghi: la motorizzazione (percentuali auto/abitanti rispetto media italiana), il cicloturismo (percorsi atti allo scopo, albergabici, accoglienza), le ciclabili urbane (percorsi cittadini, piste ciclabili), il rapporto moderazione - traffico ( zone pedonabili/zone 30km/h), la governance (piano ciclabile comunale / mobility menager) e la comunicazione (promozione mobilità sostenibile). Occimiano fa parte della categoria 1 bike-smile, molto vicino al secondo, in quanto ha ottenuto il riconoscimento in 5 su 6 categorie, con le basi gettate dalle passate amministrazioni e con il prezioso lavoro e progettazione dell’attuale, conta di passare di categoria nel prossimo anno. Il consigliere Gabriele Cia che molto ha spinto in questa direzione, ringraziando il Sindaco Valeria Olivieri e l’amministrazione per aver creduto in questo progetto, ritira l’attestato e la bandiera, sottolineando che è forte l’intenzione di procedere in questa direzione: è già in fase di progettazione il proseguimento della pista ciclabile per servire la zona industriale, sperando di congiungerci un domani, con quella realizzata fino a San Germano da Casale Monferrato, si inaugurerà un sentiero più avvezzo al passeggio naturalistico e si sta preparando anche un altro più corposo progetto che strizza l’occhio alla mobilità sostenibile e al sano stile di vita, saranno resi più visibili le zone 30 km/h e quelle pedonali, è in corso il progetto bici bus/pedibus per le scuole di Occimiano. In somma l’obiettivo è creare una cultura sostenibile.
gpc

img_2988.JPG

Pioltello

Giovedì 29 Marzo 2018

gp13scuola
PIOLTELLO – (gpc) C’erano i giovani giornalisti (Lorenzo Riggi Moratti, Federica Vecchiattini, Laura Sandron, Chiara Garavelli, Francesca Rota, Laura Pellizari, Nicole Zivian) di Eureka, il giornale studentesco dell’Istituto Leardi (accompagnati dai docenti don Gian Paolo Cassano ed Ilenio Celoria) al 25° Convegno interregionale della stampa studentesca che si è tenuto lo scorso 13 marzo a Pioltello (alla periferia di Milano) lo scorso 13 marzo, presso il l’UCI Cnemas ed organizzato dal Cis (Coordinamento interregionale della stampa studentesca, che vede rappresentate le località di Alessandria, Asti, Brescia, Casalpusterlengo, Piacenza, Racconigi/ Savigliano/ Carmagnola, Torino…), presieduto dal prof. Gian Carlo Schinardi (storico fondatore dell’iniziativa).
Sul tema “Quinto potere e settima arte: giovani, stampa, cinema” si si sono confrontati oltre 400 tra studenti ed insegnanti (con dirigenti scolastici ed amministratori pubblici), in rappresentanza di una cinquantina di redazioni di Istituti secondari provenienti da Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna. Numerosa la rappresentanza della provincia di Alessandria, nell’ambitod el progetto Millerighe. Le autorità intervenute (a cominciare dal sindaco della cittadina lombarda e dal dirigente scolastico) hanno messo in rilievo l’importanza del lavoro delle redazioni studentesche che si sono presentate sia attraverso a filmati ad hoc preparati da parte di alcune, sia confrontandosi in una serie di laboratori, coordinati dagli stessi studenti, affrontando le tematiche relative al convegno.
Non è mancato poi lo scambio di giornali, esperienze e informazioni nel momento denominato “Baratto delle cose e delle idee”. Nel pomeriggio poi la parola è passata agli esperti del settore, tra cui Silvia Motta (di Tv talk su RaiTre), Barbara Sorrentini (di Radio Popolare, di Giovanni Covini regista, sceneggiatore e docente alla Scuola di Cinema) ed Enea Barozzi, (giovane attore pioltellese che ha recitato nei due film della serie “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores) che hanno arricchito ulteriormente la giornata.
Il prossimo convegno si terrà nella primavera del 2019 a Carmagnola
gpc
FOTO: 6476 - 6477

dscn6477.JPGdscn6476.JPG