Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio della Categoria 'Occimiano'

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Giovedì 21 Marzo 2019

PARROCCHIA S. VALERIO
OCCIMIANO
********
DOMENICA 17 marzo 2019

* S. Messe nella settimana:
• Lunedì 18 marzo: ore 18,00
• Martedì 19 marzo: ore 18,00 (solennità di San Giuseppe)
• Mercoledì 20 marzo: ore 18,00
• Giovedì 21 marzo: ore 18,00
• Venerdì 22 marzo: ore 11,10

* Vespri:
• Lunedì 18 febbraio (ore 17,45) - segue: S. Messa

* Venerdì 22 marzo:
• S. Messa: ore 11,10
• Via crucis: ore 17,00
• Astinenza (dal 14 anni in su)

* Domenica 17 marzo:
• Festa del papà: banchetto benefico ex allieve: auguri a tutti i papà !
• Testimonianza della GMG di Panama (Salone parrocchiale, ore 16)

* Book crossing
• Iniziativa per lo scambio dei libri in fondo alla Chiesa. Ciascuno può prendere e lasciare liberamente un libro
• Buona lettura !

TELECOMANDO a cura di Gian Paolo Cassano

Giovedì 21 Marzo 2019

Mercoledì 27 marzo si terrà la cerimonia di premiazione della 64° edizione dei Premi David di Donatello, in diretta in prima serata su Rai1 (ore 21,10). La conduzione dell’edizione 2019 è nuovamente affidata a Carlo Conti. Nel corso della cerimonia, numerosi protagonisti del cinema italiano e internazionale consegneranno venticinque Premi David di Donatello e i David Speciali. Rai Movie, il canale di cinema del servizio pubblico, accompagnerà il pubblico al David 2019 con un ciclo di film dedicati e mercoledì 20 febbraio, in seconda serata, manderà in onda il cortometraggio vincitore di quest’anno. Nella serata di premiazione Rai Movie trasmetterà la diretta dal red carpet con le interviste ai protagonisti dell’evento.
Al sabato su Rai tre torna SAPIENS (ore 21,45), condotto dal divulgatore Mario Tozzi, nato «dall’idea di approfondire lo studio del rapporto dell’uomo con la natura e l’ambiente”. L’obiettivo del programma può essere riassunto da “una frase – spiega Tozzi (intervistato da Tv Sorrisi e Canzoni) - dello scrittore francese Raymond Queneau: ‘la scimmia senza sforzo diventò l’uomo, che un po’ più tardi disgregò l’atomo’. Una considerazione che fa riflettere sui nostri comportamenti. Ecco questo sarà anche il messaggio di Sapiens”.
Una bella sfida visto ai varietà del sabato sera: “ma la nostra – aggiunge il conduttore -è un’offerta televisiva alternativa, rivolta a un pubblico curioso che vuole scoprire cose nuove. Non è un programma descrittivo, ma di spettacolo, aiutato anche da una grafica moderna di grande impatto emozionale. Per esempio, siamo stati sul punto più alto dell’Etna, in Sicilia, per simulare come viene vista la Terra dalla Luna. E avremo ospite il giovane cantautore Lorenzo Baglioni, che ha scritto per noi un brano dedicato appunto alla Luna”.

NESSUNO NE PARLA (O QUASI) news quasi sconosciute a cura di Gian Paolo Cassano

Giovedì 21 Marzo 2019

E’ stato pubblicato lo scorso 19 marzo a Ginevra il Rapporto 2019 sullo sviluppo idrico nel mondo, in vista della Giornata mondiale dell’Acqua, celebrata il 22 marzo. Si parla di diritti umani riconosciuti dalle Nazioni Unite dal 2010: acqua potabile e servizi igienico-sanitari: a tutt’oggi, però, 2 miliardi e 100 milioni di persone non hanno acceso all’acqua potabile e 4 miliardi e mezzo non dispongono di strutture sanitarie gestite in sicurezza. L’Onu ha inserito nell’Agenda per lo sviluppo sostenibile l’ambizioso obiettivo di garantire a tutta la popolazione mondiale acqua e servizi sicuri entro il 2030. “Il mondo è ancora fuori strada per raggiungere questo importante traguardo”. A denunciarlo è il Rapporto 2019 sullo sviluppo idrico, pubblicato a cura dell’Unesco, in collaborazione con le 32 istituzioni dell’Onu e i 41 enti internazionali che compongono l’agenzia UnWater, fondata nel 2003, a 10 anni dalla proclamazione della Giornata mondiale dell’Acqua per coordinare le attività di tutela di questo bene primario e i programmi igienico sanitari.
“L’accesso all’acqua - sottolinea il direttore generale dell’Unesco Audrey Azoulay -è un diritto vitale per la dignità di ogni persona”; per questo sollecita nella comunità internazionale “una determinazione collettiva” per includere “quanti sono stati lasciati indietro nei processi decisionali, che potrebbero rendere questo diritto una realtà” per tutti.
L’Onu stima che 1 milione e 400 milioni di persone, in gran parte bambini, perdano la vita ogni anno per patologie contratte a causa di acqua contaminata, come documentato nella recente Conferenza sull’Ambiente, a Nairobi, dall’11 al 15 marzo scorso. La disparità di accesso all’acqua colpisce i più poveri tra gli Stati e tra gli abitanti negli stessi Paesi, oltre che le categorie socialmente più deboli, come le donne, i bambini, gli anziani e soprattutto i profughi, a significare che il diritto all’acqua non è separato dal godimento di altri diritti umani’, cosicché, ad esempio, nei centri urbani – sottolinea il Rapporto – gli abitanti delle periferie più degradate arrivano a pagare l’acqua potabile dai venditori ad un prezzo 10/20 volte superiore al costo sostenuto dagli abitanti nelle zone più ricche. Il Rapporto dimostra infine che investire nell’approvvigionamento idrico e nei servizi igienico-sanitari ha un’ottima resa economica; il ritorno è stimato globalmente doppio per gli investimenti per l’acqua potabile ed oltre cinque volte per i servizi igienico-sanitari.

LA PAROLA DI PAPA FRANCESCO a cura di Gian Paolo Cassano

Giovedì 21 Marzo 2019

Nella prima settimana di Quaresima il Papa ha partecipato (con la curia romana) agli esercizi spirituali ad Ariccia (Casa del Divin Maestro), predicati dal monaco benedettino Bernardo Francesco Maria Gianni. E’ stata perciò sospesa l’udienza settimanale del mercoledì.
All’Angelus domenica 17 marzo, traendo spunto dalla liturgia domenicale, si è soffermato sulla Trasfigurazione spiegandone il significato evangelico per calarla poi nella vita quotidiana del cristiano. Il Pontefice ha sottolineato come Gesù voglia preparare i suoi “a sopportare lo scandalo della passione e della morte di croce, perché sappiano che questa è la via attraverso la quale il Padre celeste farà giungere alla gloria il suo Figlio eletto, risuscitandolo dai morti. E questa sarà anche la via dei discepoli: nessuno arriva alla vita eterna se non seguendo Gesù, portando la propria croce nella vita terrena. Ognuno di noi, ha la propria croce. Il Signore ci fa vedere la fine di questo percorso che è la Risurrezione, la bellezza, portando la propria croce.” La Trasfigurazione ci mostra la “prospettiva della sofferenza cristiana”, che non è un “sadomasochimo”, bensì un “passaggio necessario ma transitorio”, perché più grande è la meta a cui siamo chiamati, “luminoso” è il nostro “punto di arrivo”, come luminoso è il “volto di Cristo trasfigurato” che ha in sé “salvezza”, ma anche “beatitudine” e “luce” ed “amore senza limiti”. Infatti, “mostrando così la sua gloria, Gesù ci assicura che la croce, le prove, le difficoltà nelle quali ci dibattiamo hanno la loro soluzione e il loro superamento nella Pasqua. Perciò, in questa Quaresima, saliamo anche noi sul monte con Gesù (…) con la preghiera (…) silenziosa, la preghiera del cuore, la preghiera … Sempre cercando il Signore. Rimaniamo qualche momento in raccoglimento, ogni giorno un pochettino, fissiamo lo sguardo interiore sul suo volto e lasciamo che la sua luce ci pervada e si irradi nella nostra vita.” Ha messo quindi in rilievo un altro aspetto della Trasfigurazione: il potere trasformante della preghiera sull’uomo e, attraverso l’uomo, sul mondo. Quante volte “abbiamo trovato persone con lo sguardo luminoso. La preghiera fa questo: ci fa luminosi”. Da qui l’incoraggiamento a proseguire “con gioia il nostro itinerario quaresimale (…), perché solo rimanendo con Lui vedremo la sua gloria.”

Giornata Mondiale della Gioventù a Panama

Giovedì 21 Marzo 2019

OCCIMIANO - (gpc) Si sono ritrovati in molti nel Salone parrocchiale per ascoltare il racconto della bella esperienza della Giornata Mondiale della Gioventù che la piccola delegazione casalese (d. Simone Viancino e le occimianesi Veronica Varzi ed Alice Fiotti) hanno fatto lo scorso gennaio a Panama. E’ ciò che ha avvenuto domenica scorsa 17 marzo, per un bel pomeriggio organizzata da Parrocchia, Oratorio ed exallieve. Il prevosto all’inizio ed il sindaco al termine hanno portato il suo saluto e ringraziamento.
Attraverso il filmato e le fotografie è scaturito il racconto di un’avventura condivisa che ha segnato al loro vita. Il confronto con le altre GMG vissute da don Simene (da Roma a Cracovia, dall’Australia a Panama…) è emerso nel suo racconto che ha saputo contestualizzare quanto è stato vissuto e l’esperienza pastorale di un giovane prete con tanti giovani di tutto il mondo. Il tutto vissuto con il centinaio di piemontesi ed il migliaio di italiani
Veronica ha poi messo in rilievo alcune parole chiave, a cominciare dall’accoglienza così festosa e generosa all’esperienza piena di un cammino. Panama è terra di contrasti, tra poveri e ricchi, tra campagna e città, ma sempre caratterizzata da un grande affetto e da una generosa accoglienza. E’ stato sentirsi accolti, amati, con porte e cuori aperti. E che dire dell’incoraggiamento forte e chiaro del Papa che ha invitato i giovani ad essere maestri ed artigiani della cultura dell’incontro.
L’esperienza di Panama li ha portati a non avere paura di amare e di servire, piuttosto di non saper sentire e riconoscere Dio.
Alice ha poi parlato di un viaggio con emozioni indicibili, sapendo che non si si smette mai di crescere nella fede. E’ lo stile di Maria che il Papa ha indicato, parlando di Lei come “influencer” di Dio, per il sì all’amore divino. Si è messa in gioco lasciando spazio a Lui. E’ sentirsi “followers” di Dio, nell’incontro con giovani di tutto il mondo, magari ritrovandosi a km di distanza (come la ragazze messicana diventata amica a Torino, nell’occasione di un erasmus !)
Attraverso anche alle immagini i presenti hanno potuto conoscere e capire la realtà di un piccolo paese nel cuore dell’America, stretto dall’Atlantico al Pacifico, gustandone le bellezze e le caratteristiche, dalla grande città alla periferia, dal Canale all’Oceano, alla foresta…
E allora, pronti per Lisbona 2022 per la prossima GMG !

dscn4835.JPG
dscn4838.JPG
dscn4840.JPG
dscn4845.JPG

“Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”.

Giovedì 21 Marzo 2019

OCCIMIANO (gpc) - Ogni anno, il 21 marzo, primo giorno di primavera, Libera celebra la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Anche Occimiano da sempre aderisce all’iniziativa; per questo il Consiglio Comunale dei Ragazzi e le scuole del paese si mobilitano per dire no a tutte le mafie. Giovedì 21 marzo, alle 14,30, il salone parrocchiale di Piazza Marconi (di fronte al ristorante “Del Moro”), vedrà coinvolti gli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia, della classe quinta della primaria e delle classi terze della secondaria di primo grado per testimoniare ancora una volta l’impegno della comunità occimianese nella lotta contro la criminalità organizzata. Verrà presentato il video “Follow the money”, realizzato dalle classi terze della scuola media (in collaborazione con Andrea Girino e il consigliere comunale Gabriele Cia) per la partecipazione al concorso indetto dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione in occasione del 27° anniversario delle stragi del 1992, in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, personalità simbolo della lotta alla mafia in Italia e a livello internazionale. La Giornata che si celebra dal 1996, ogni 21 marzo, primo giorno di primavera, dal 2017 è stata riconosciuta “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. La manifestazione occimianese si tiene in concomitanza della marcia nazionale che nella XXIV edizione si tiene a Padova.

giornata-mafie-2019.png

“Il treno dei desideri”

Giovedì 21 Marzo 2019

OCCIMIANO – (gpc) “Il treno dei desideri”. E’ questo il titolo dello “spettacolo” che alle ore 18,30 di venerdì 22 marzo, presso il Salone parrocchiale, la scuola Primaria preparerà, concludendo il percorso “Una scuola a regola d’arte” finanziato dall’Associazione Marcegaglia e dal Comune di Occimiano e realizzato dall’Associazione Passi di Vita Onlus.
Sono state coinvolte tutte le classi in attività condotte da Marzia Righetti, Marco Lotti e Lello Pecoraro.
L’obiettivo del progetto è quello di promuovere la creazione di un contesto di classe e scuola costruttivo, vivace e creativo che possa avere ricadute positive sui singoli bambini, sulle classi e sull’intera scuola. Attraverso a diverse attività che sono state proposte si è voluto promuovere lo sviluppo dei potenziali e delle risorse dei bambini al fine di creare relazioni accoglienti e facilitanti in classe, grazie ad un clima di integrazione, collaborazione, cooperazione del singolo nel sistema classe. Così, attraverso a proposte che hanno portato a fare esperienza dei “mettersi nei panni altrui”, si sono sviluppati empatia e rispetto, riducendo così atti di violenza e di bullismo.

Avvisi della Parrocchia S. Valerio Occimiano

Lunedì 11 Marzo 2019

PARROCCHIA S. VALERIO
OCCIMIANO
********

DOMENICA 10 marzo 2019

* S. Messe nella settimana:
• Lunedì 11 marzo: ore 18,00
• Martedì 12 marzo: ore 18,00
• Mercoledì 13 marzo: ore 18,00
• Giovedì 14 marzo: ore 18,00
• Venerdì 15 marzo: 18,00

* Venerdì 15 marzo:
• Via crucis: ore 17,00
• S. Messa: ore 18,00
• Astinenza (dal 14 anni in su)

* Domenica 17 marzo:
• Festa del papà: banchetto benefico ex allieve
• Testimonianza della GMG di Panama (Salone parrocchiale, ore 16)

* Book crossing
• Iniziativa per lo scambio dei libri in fondo alla Chiesa. Ciascuno può prendere e lasciare liberamente un libro
• Buona lettura !

TELECOMANDO a cura di Gian Paolo Cassano

Lunedì 11 Marzo 2019

A SOUL (Tv 2000, sabato, ore 20,45) il 16 marzo interviene Mario Primicerio, fisico di fama, protagonista di una stagione politica che ha segnato la storia del nostro pese ed il mondo cattolico a fianco del servo di Dio Giorgio La Pira, di cui è stato allievo.
Primicerio lo seguì nel cammino profetico di pacificazione di opposte ideologie, in un altro modo di fare politica, a servizio della giustizia e della verità. Primicerio che come La Pira è stato sindaco di Firenze, oggi è presidente della Fondazione La Pira che ne mantiene il ricordo e ne fa conoscere l’insegnamento e l’opera attraverso iniziativa culturali e politiche.
JAMS, in onda su Rai Gulp (da lunedì 11 marzo alle 21.00 e su RaiPlay) è la prima serie per ragazzi che parla di molestie sui minori. Prodotta da Rai Ragazzi e Stand by Me con la consulenza dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, racconta le vicende di quattro ragazzi, amici inseparabili e compagni di scuola in prima media, che, mentre partecipano a un contest di cucina, si trovano ad affrontare un problema che mina la loro spensieratezza. Guest star è Alessandro Borghese nel ruolo di sé stesso. Il lancio della serie è collegato alla campagna #meglio parlarne.
PAESE CHE VAI (domenica, Rai uno, ore 9,40) è un programma culturale e di servizio ideato, scritto e condotto da Livio Leonardo. Il programma, realizzato completamente in esterni, racconta e promuove il territorio italiano e la sua storia, occupandosi di molteplici aspetti: dall’arte all’architettura, dall’archeologia ai monumenti, dalle tradizioni alle leggende popolari, dagli usi e i costumi alle specialità enogastronomiche, dall’ambiente alle risorse naturali, dalla popolazione alle genialità che promuovono il Made in Italy in tutto il mondo.

NESSUNO NE PARLA (O QUASI) news quasi sconosciute a cura di Gian Paolo Cassano

Lunedì 11 Marzo 2019

Sono state pubblicati le nuove edizioni dell’Annuario Pontificio 2019 e l’Annnuarium statisticum ecclesiae 2017 che presentano indici positivi di crescita dei cattolici nel 2017 rispetto all’anno precedente. Infatti nel 2017 i cattolici battezzati sono 1 miliardo e 313 milioni pari al 17,7% della popolazione mondiale, costituita da 7 miliardi e 408 milioni di persone. Nel rapporto tra il 2017 e il 2016, indici positivi del tasso di crescita dei cattolici caratterizzano tutte le ripartizioni territoriali: rispetto al dato mondiale dell’1,1%, i tassi di variazione di Africa e di Asia raggiungono rispettivamente il +2,5% e il +1,5%, in America un +0,96%, e quindi il tasso è al di sotto di quello mondiale, mentre l’Europa è il solo continente ad avere un trend quasi nullo, un +0,1%.
Dai dati dell’Annuarium Statisticum, riferiti appunto all’anno 2017, emerge che il miliardo e 313 milioni di cattolici sono così distribuiti per continente: 48,5% in America, 21,8% in Europa, 17,8% in Africa, 11,1% in Asia e 0,8% in Oceania.
Nel 2017, rispetto all’anno precedente, aumentano complessivamente di 0,5% “le forze di apostolato” che ammontano a 4.666.073 unità. Si rileva anche come la ripartizione tra le diverse componenti sia “abbastanza difforme da continente a continente”. “Nella media mondiale, il rapporto percentuale tra l’insieme dei chierici e il totale degli operatori pastorali risulta alla fine del 2017 del 10,4%, con i valori inferiori in Africa e in America mentre con i valori superiori in Oceania e soprattutto in Europa (19,3%). In Asia la percentuale è prossima a quella mondiale.
Dal confronto con il 2016, “risalta, perché è la prima volta che si verifica dal 2010, la diminuzione di sacerdoti” passati da 414.969 nel 2016 a 414.582 nel 2017. Risultano, invece, in crescita i vescovi, i diaconi permanenti, i missionari laici e i catechisti. Diminuiti, sempre nell’arco di tempo 2016 e 2017, i candidati al sacerdozio, che passano da 116.160 a 115.328, con un calo dello 0,7%.
Dalla lettura dei dati riportati nell’Annuario Pontificio 2019 si possono desumere alcune novità relative alla vita della Chiesa Cattolica nel mondo, a partire dal 2018: sono state erette 4 nuove Sedi vescovili, sono stati elevati una diocesi a Sede Metropolitana, 4 Esarcati Apostolici a Eparchie e 1 Amministrazione Apostolica a Diocesi.