Homepage - Scrivi a Don Cassano - Scrivi alla Parrocchia di San Valerio

Archivio di Maggio 2012

Telecomando

Martedì 22 Maggio 2012

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

L’OLIMPIADE NASCOSTA: è questo il titolo della fiction che Rai uno (anche in vista della prossima edizione delle Olimpiadi di Londra 2012), manda in onda domenica 27 e lunedì 28 maggio in prima serata (ore 21,10). La vicenda di questo film è di invenzione, narrando la vicenda di Giochi Olimpici clandestini, svolti, tra il 1940 e nel 1944, in alcuni campi di prigionia tra detenuti di diverse nazionalità, che, a rischio della vita, tennero alta la bandiera dello sport e della civiltà di fronte alla barbarie nazista. Vuole onorare quei fatti e gli uomini che ne furono protagonisti, il loro coraggio e il loro insopprimibile senso sportivo.
Sabato 26 maggio (Rai due, ore 21,10) torna poi l’Eurovision Song Contest, trasmessa da Baku (capitale dell’Azerbaigan) dove 42 paesi europei sono in gara. Per l’Italia c’è Nina Zilli con “Out of Love” (versione inglese di “L’amore è femmina).
Parte su digitale terrestre nazionale, su satellitare e web la tv di FederAnziani, Family Tv (www.familytv.it) che manderà in onda le sue trasmissioni sul digitale terrestre nazionale attraverso Rete Capri Canale (LCN) 20, sui canali satellitari People Tv (Bouquet Sky 825) ed Eos Network (Bouquet Sky 919) e su un network di 71 televisioni locali, dove temi forti sono in particolare il diritto alla salute e il potere d’acquisto dei cittadini.
Gian Paolo Cassano

Unione Apostolica del Clero

Martedì 22 Maggio 2012

OROPA – (gpc) Il Monastero cistercense Dominus Tecum di Prad’Mill e la Cattedrale di Saluzzo (nel V centenario della diocesi) sono le mete della 6° Giornata di amicizia e spiritualità – convegno regionale che l’UAC (Unione Apostolica del Clero) propone ai ministri ordinati (Vescovi, presbiteri e diaconi. L’UAC infatti si propone di vivere la spiritualità del presbiterio diocesano e si pone al servizio dei ministri ordinati per aiutarli a viver la loro vocazione nel seno dell’apostolicità.
L’appuntamento è per lunedì 28 maggio, con il ritrovo al Monastero di Prad’Mill (ore 10). Qui ci sarà la riflessione guidata da padre Cesare Falletti su “La Liturgia delle ore nella vita del presbitero” .
Seguirà l’Eucaristia (ore 11,30) presieduta da mons. Alceste Catella (vescovo di Casale Monferrato) e concelebrata da tutti (portare camice e stola bianca). Dopo il pranzo ci sarà l’incontro a Saluzzo con il Vescovo mons. Giuseppe Guerrini, con la visita della Cattedrale e delle mostra per il V centenario della diocesi, concludendo entro le ore 17,00.
Per informazioni e partecipazione rivolgersi al proprio Direttore diocesano o al Delegato regionale (don Gian Paolo Cassano - tel. 0142.809120 – 348.4501986).
gpc

pradmill.jpg

RDB

Martedì 22 Maggio 2012

OCCIMIANO – (gpc) Prosegue la grave crisi della RDB di Occimiano. In un incontro (avvenuto mercoledì scorso 16 maggio) tra i vertici dell’Azienda con le rappresentanze dei lavoratori è stata formulata la proposta di aprire una procedura di cassa integrazione i deroga per latri 5 mesi.
Potrà attuarsi se almeno il 30 % degli 80 lavoratori accetteranno la mobilità. Avranno tempo entro il 30 luglio per accogliere o meno la proposta.
gpc

dscn3575-rdb.JPG

Legalità

Martedì 22 Maggio 2012

OCCIMIANO – (gpc) Da sempre il Comune di Occimiano è attento ai temi della legalità e alla lotta contro la mafia. Lo scorso anno fu conferita la cittadinanza onoraria alla prof.sa Maria Falcone, sorella del giudice di cui ricorre il 20° anniversario della morte (23 maggio 1992).
Per questo motivo (in continuità con gli anni scorsi) anche quest’anno una delegazione del consiglio comunale e di quello dei ragazzi partecipa a Palermo dal 22 al 24 maggio alle celebrazioni promossa con l’iniziativa della Nave della legalità.
Insieme al sindaco prof. Ernesto Berra (che è anche docente di Matematica alla scuola media don Milani, partecipa la prof.sa Donatella Mutti (docente di lettere) ed il consigliere comunale Francesco Perracino.
Con loro sei ragazzi (di 5° elementare e 3° media): Andrea Alliverti, Cecilia Bolognini, Lara Ferraris, Marta Montaldi, Lorenzo Pippo, Sara Zanarotto.
Mercoledì 23 maggio è stata organizzata una giornata commemorativa per il ventennale della strage di Capaci e di Via D’Amelio e l’assassinio dei giudici Falcone e Borsellino che ha coinvolti tutti gli studenti delle scuole che hanno realizzato, insieme agli insegnanti, cartelloni, lenzuola, canti e poesie aventi come tema quello della legalità, esposti in piazza Carlo Alberto nel pomeriggio di mercoledì 23 (in collaborazione con Libera e gli Scout) ed una merenda equo solidale.
Alle 16.30 si è mosso il corteo in direzione delle Scuole Medie all’Albero Falcone con lettura di poesie e di un brano del Libro Falcone seguito da un canto e da Allocuzione Istituzionale, terminando con la lettura dei nomi delle vittime delle stragi ed il silenzio suonato da un trombettiere.
gpc

Concerto

Martedì 22 Maggio 2012

OCCIMIANO – (gpc) UN concerto internazionale di grande livello che il pubblico presente è evidenziato con grande calore. Parlo del concerto d’organo che venerdì scorso 18 maggio ha visto come protagonista il m.o Roland Muhr Organista titolare dell´Abbazia di Fürstenfeldbruck (vicino a Monaco di Baviera), direttore della “Orgelakademie für süddeutsche Barockmusik” e consulente della commissione per la conservazione e la costruzione degli organi della Germania Meridionale, nonché Direttore di “Solisti Radiofonici di Baviera” e “Solisti di Baviera”.
Il m.o Muhr vanta un’intensa attività musicale in tutta Europa e in America effettuando anche registrazioni radiofoniche e televisive; ha composto musica per organo, coro e per varie formazioni da camera. Apprezzate e numerose le sue incisioni discografiche (Motette, Calig, Teldec, Weltbild) con musiche di diverse epoche.
La Chiesa della Madonna del Rosario, infatti, ha ospitato il quarto appuntamento del 2012 di ‘Arte Organistica in Monferrato’, rassegna giunta alla settima edizione e promossa dall’associazione musicale ‘Concentus’ in collaborazione con la Fondazione CRT, con la direzione artistica di Massimo Gabba e Roberto Stirone.
Le eccezionali qualità dell’Organo Serassi del 1837, ripristinato lo scorso anno dall’organaro valenzano Fabio Stocco, sono state valorizzate dalla straordinaria abilità dell’organista tedesco (giunto ad Occimiano solo per questo Concerto) proponendo autori del Settecento e dell’Ottocento quali Isfried Kayser, Johann Georg Albrechtsberger, Giuseppe Gherardeschi, Padre Davide Da Bergamo, fino alle applauditissime ‘Polka marziale’ e ‘Marcia dopo la Messa’ di Giovanni Quirici e Vincenzo Petrali. Al termine è stato consegnato un omaggio floreale all’esecutore da parte della Parrocchia.
gpc

roland-muhr.jpg

Centenario

Martedì 22 Maggio 2012

OCCIMIANO – (gpc) Le cento candeline di Pietro Patrucco sono state spente lo scorso giovedì 17 maggio, in occasione del suo compleanno.
A festeggiare il secolo di vita c’erano in tanti; insieme alla moglie Maria Teresa Trisoglio, alle quattro figlie (Antonietta, Anna, Silvana, Renata) con mariti e nipoti (compreso l’ultimo arrivato, il piccolo Samuele), c’erano il sindaco Ernesto Berra, il consigliere comunale Maria Rosa Scarrone Bolognesi, Alissa Coppola e Marta Montaldi (in rappresentanza del CCR) e la ragioniera comunale Luisa Casalone …. Il Parroco (in Spagna per motivi di impegno scolastico) è passato poi al suo ritorno per fare gli auguri all’arzillo centenario.
Il sindaco ha offerto il gagliardetto del comune ed una pergamena augurale (letta dalla nipote Giuditta) prima del classico taglio delle torta.
Pietro, molto vivace nonostante l’età, ha ricordato con piacere alcuni episodi della sua vita, in specie del servizio militare nella Cavalleria con alcuni episodi della Seconda Guerra Mondiale nei territori della Ex Jugoslavia. In particolare a Fiume, attraverso varie peripezie è riuscito a fare ritorno a casa in seguito alla firma dell’Armistizio, anche grazie all’aiuto di connazionali incontrati sulla via del ritorno. Poco dopo esser giunto a casa ha dovuto affrontare due gravi lutti, per primo la perdita del fratello minore Luigi tornato gravemente malato dalla prigionia in campo di concentramento, in seguito, dopo pochi mesi, la morte dell’amatissima mamma.
Di carattere mite e solare è un padre affettuoso e un magnifico nonno e bisnonno, ha dedicato la sua vita ed il suo lavoro alla famiglia. Dopo la guerra è sempre rimasto ad Occimiano, dove, con il fratello, ha svolto l’attività di agricoltore. È stato sempre operoso, e fino a circa novanta anni ha continuato a coltivare la sua terra.
Ad multos annos !
gpc

pietro-patrucco-con-moglie-e-sindaco.jpg

pietro-patrucco-con-moglie-e-sindaco-3.jpg

La Parola di Papa Benedetto

Martedì 15 Maggio 2012

LA PAROLA DI PAPA BENEDETTO
a cura di Gian Paolo Cassano

Arezzo e Sansepolcro; queste le mete del viaggio apostolico di Benedetto XVI domenica 13 maggio. In mattinata ad Arezzo, accolto da migliaia di persone, dal premier italiano Monti, dall’arcivescovo mons. Riccardo Fontana, il Papa ha incoraggiato l’Italia a reagire alla tentazione dello scoraggiamento e, forte della sua tradizione umanistica, a riprendere, con decisione, la via del rinnovamento spirituale ed etico, che sola può condurre ad un autentico miglioramento della vita sociale e civile. “Ognuno è chiamato a dare il proprio contributo, – ha esortato il Papa – ognuno può svolgere la sua parte per il bene comune rispondendo alla chiamata di Dio: al sacerdozio, alla vita consacrata, alla vita coniugale, all’impegno nel mondo”.
Di qui l’invito agli aretini: “questa Chiesa diocesana, arricchita dalla testimonianza luminosa del Poverello di Assisi, continui ad essere attenta e solidale verso chi si trova nel bisogno, ma sappia anche educare al superamento di logiche puramente materialistiche, che spesso segnano il nostro tempo, e finiscono per annebbiare proprio il senso della solidarietà e della carità”.
Indicando in San Donato patrono della città, apostolo della Tuscia, e nel papa Beato Gregorio X, sepolto nella Cattedrale due esempi di santità con cui confrontarsi ha spronato ad essere “autentici testimoni dell’amore di Dio verso tutti”, in uno stile di accoglienza verso chi è venuto in cerca di libertà e lavoro. “Testimoniare l’Amore di Dio verso gli ultimi – ha detto Benedetto XVI – si coniuga anche con la difesa della vita dal suo sorgere al suo termine naturale, con la difesa della famiglia, attraverso leggi giuste e capaci di tutelare anche i più deboli”.
Dopo una visita in privato alla Cattedrale ed il pranzo con i vescovi della Toscana, a causa del maltempo non ha potuto recarsi al Santuario de La Verna. Nel discorso (che comunque è stato pubblicato) il Papa riflette sul Mistero della Croce e sulla conformazione a Cristo che deve portare ad una profonda trasformazione del proprio essere. Si sofferma dunque sulla straordinaria esperienza del Poverello d’Assisi che unì la “contemplazione del Crocifisso con la carità verso gli ultimi”. E osserva che la “contemplazione del Crocifisso è opera della mente, ma non riesce a librarsi in alto senza il supporto, senza la forza dell’amore”.
La visita si è conclusa nell’antica città di Sansepolcro, con un nuovo richiamo all’ impegno dei cristiani per una nuova etica pubblica. “Oggi vi è particolare bisogno che il servizio della Chiesa al mondo si esprima con fedeli laici illuminati, capaci di operare dentro la città dell’uomo, con la volontà di servire al di là dell’interesse privato, al di là delle visioni di parte. Il bene comune conta di più del bene del singolo, e tocca anche ai cristiani contribuire alla nascita di una nuova etica pubblica”.
Alla sfiducia verso l’impegno politico e nel sociale i cristiani sono chiamati a contrapporre l’impegno e l’amore per la responsabilità, animati dalla carità evangelica rivolgendosi in particolare ai giovani “a saper pensare in grande: abbiate il coraggio di osare! Siate pronti a dare nuovo sapore all’intera società civile, con il sale dell’onestà e dell’altruismo disinteressato. E’ necessario ritrovare solide motivazioni per servire il bene dei cittadini”. E’ “un richiamo a guardare in alto, a sollevarsi dalla quotidianità, per dirigere gli occhi al Cielo, in una continua tensione verso i valori spirituali e verso la comunione con Dio che non aliena dal quotidiano, ma lo orienta e lo fa vivere in modo ancora più intenso”.
E’ la sfida a cui è chiamata Sansepolcro: conciliare passato, presente e futuro, “armonizzare la riscoperta della propria millenaria identità con l’accoglienza e l’incorporazione di culture e sensibilità diverse”.
Gian Paolo Cassano

La Parola di Papa Benedetto

Martedì 15 Maggio 2012

LA PAROLA DI PAPA BENEDETTO
a cura di Gian Paolo Cassano

La prodigiosa liberazione di San Pietro a Gerusalemme, narrata negli Atti degli Apostoli è stato il tema della catechesi di Benedetto XVI nel corso dell’Udienza generale di mercoledì 9 maggio.
Il Papa ha sottolineato l’atteggiamento di Pietro, che “si fida di Dio” e sa di poter contare sulla preghiera della sua comunità. Esperienza che anche oggi rivive Benedetto XVI che “fin dal primo momento” dell’elezione come Successore di San Pietro, si è “sempre sentito sorretto dalla preghiera della Chiesa, dalla vostra preghiera, soprattutto nei momenti più difficili […] Con la preghiera costante e fiduciosa, il Signore ci libera dalle catene, ci guida per attraversare qualsiasi notte di prigionia che può attanagliare il nostro cuore, ci dona la serenità del cuore per affrontare le difficoltà della vita, anche il rifiuto, l’opposizione, la persecuzione”.
Pietro si sente “circondato dalla solidarietà e dalla preghiera dei suoi”; così “si abbandona totalmente nelle mani del Signore”. Questa “deve essere la nostra preghiera: assidua, solidale con gli altri, pienamente fiduciosa verso Dio che ci conosce nell’intimo e si prende cura di noi al punto che – dice Gesù – ‘perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati’”.
E’ l’esperienza della prima comunità di Gerusalemme, sorretta e accompagnata dalla preghiera, “dalla continuità di un dialogo vivente con il Signore”, richiamo “importante anche per noi, per le nostre comunità, sia quelle piccole come la famiglia, sia quelle più vaste come la parrocchia, la diocesi, la Chiesa intera”.
Di qui l’invito a non lasciarsi dominare dalle passioni, “dalla dittatura delle proprie voglie, dall’egoismo”, ma imparare a pregare bene il Signore. Nell’’episodio di Pietro cogliamo la “forza della preghiera” come “un prezioso strumento anche per superare le prove che possono sorgere nel cammino della vita, perché è l’essere profondamente uniti a Dio che ci permette di essere anche profondamente uniti agli altri”.
Gian Paolo Cassano

Telecomando

Martedì 15 Maggio 2012

TELECOMANDO
a cura di Gian Paolo Cassano

Un nuovo canale digitale: è GIALLO (n. 38 del digitale terrestre) con una programmazione dedicata interamente a film e telefilm che in qualche modo hanno a che fare con il genere giallo. Spazio quindi a polizieschi, detective story, thriller, noir, legal drama e quant’altro. Nella programmazione serie note come Matlock, Ellery Queen ed altre di successo come Jusitice, Nel nome delle Legge
Torna CIAK JUNIOR, la XXIII edizione del festival cinematografico internazionale per ragazzi, in onda alla domenica, alle ore 10,00 su Canale 5, il cinema che trasforma i ragazzi da semplici spettatori a veri e propri protagonisti.
Domenica 20 maggio, il secondo cortometraggio, “Amici per sempre”, realizzato dalla II A Media Istituto Comprensivo “Mario Pagano” di Bella (PZ), racconta l’effetto della crisi economica sulla vita delle famiglie. L’ultimo progetto (dal titolo “In futuro ci sarà”) domenica 27 maggio, vede protagonisti gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Marconi” di Castelnovo di Sotto (RE), parlando dell’amicizia nell’era della comunicazione virtuale. Domenica 3 giugno, Canale 5 trasmetterà la finale del Festival Internazionale Ciak Junior (a Treviso dal 21 al 26 maggio 2012).
Segnaliamo poi il film evento a 20 anni dalla strage di Capaci “Vi perdono, ma inginocchiatevi”, venerdì 18 maggio su La 7 (ore 21,10), preceduto e seguito da uno speciale condotto da Enrico Mentana.
Gian Paolo Cassano

Un libro per te

Martedì 15 Maggio 2012

UN LIBRO PER TE
a cura di Gian Paolo Cassano

1) Un’EDITRICE CATTOLICA.
Continuiamo a parlare dell’editrice LAS espressione della Pontificia Università Salesiana (piazza dell’Ateneo Salesiano, 1 – 00139 Roma – 06.87290626 – htpp:/las.unisal.it)
L’Editrice LAS svolge la sua attività editoriale primariamente in funzione dell’UPS (Università Pontificia Salesiana) promuovendo le pubblicazioni scientifiche delle Facoltà in essa operanti. Cura anche le edizioni dell’Istituto Storico Salesiano di Roma e della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium» delle Figlie di Maria Ausiliatrice di Roma. Inoltre, pubblica due riviste: «Salesianum» (trimestrale) e «Ricerche storiche salesiane» (semestrale) e una rivista online: «Rivista di Pedagogia Religiosa».
Le pubblicazioni della Editrice LAS sono orientate in due direzioni: una con dimensioni più strettamente scientifiche tipiche della Università; l’altra a dimensione più divul­gativa per portare a conoscenza di un pubblico più vasto i risultati significativi dell’attività accademica. La duplice attenzione colloca l’editrice in posizione complementare con l’opera didattica universitaria ed è indispensabile alla mis­sione salesiana da essa perseguita. (2 – continua)

2) IL LIBRO
CARLO NESTI, Anche la fede ha il suo alfabeto, Cinisello Balsamo (MI), San Paolo, 2012, pp. 144 (€ 10,00)
Un noto giornalista sportivo molto noto che è anche uno scrittore di temi legati alla fede e alla vita cristiana. Volto noto della televisione italiana, Carlo Nesti è ormai da qualche anno un apprezzato autore di volumi di spiritualità destinati al grande pubblico; dal 2002 produce il sito “Nesti Channel” (www.carlonesti.it) dando vita ad una sorte di “oratorio virtuale” dove discutere di sport e di fede. E’ stato presentato al recente Salone del libro di Torino il suo ultimo volume in cui, dalla A alla Z, Carlo Nesti declina un alfabeto della felicità per comprendere i segnali con cui la Bibbia ci indica il Paradiso.
In questo suo nuovo libro, Nesti affronta il tema della fede proponendo al lettore un vero e proprio alfabeto che, dalla A alla Z, si propone di mettere in evidenza i segnali che la Bibbia offre a credenti e non credenti e tramite i quali indica la strada per il paradiso. La stessa Bibbia infatti può essere letta come un “Alfabeto della Felicità”, una sorta di navigatore satellitare che dall’alto guida l’uomo nel suo cammino a volte incerto.
“Dio – scrive l’autore nell’Introduzione – mediante i testi di tipo differente, non vuole spiegare il ‘come’ e il ‘quando’ della storia del mondo e dell’umanità, ma il ‘perché’. I fatti raccontati non valgono tanto per ciò che sono, ma per il ‘messaggio’ che contengono.”
Ne nasce così una specie di manuale una chiave di lettura per accostarsi alla Bibbia e credere.

3) CLASSIFICA del libro cattolico così come emerge dai dati elaborati da www.rebeccalibri.it, dedicato all’editoria cattolica e pubblicati su Avvenire.
1. BENEDETTO XVI, La gioia delle fede, Cinisello Balsamo (MI), San Paolo, pp. 192 (€ 9,90)
2. TERESA D’AVILA, Libro della mia vita, Milano, Paoline, pp. 400 (€ 10,50)
3. GIULIA GABRIELI, Un gancio in mezzo al cielo, Milano, Paoline, pp. 128 (€ 12,00)
4. GABRIELE AMORTH – PAOLO RODARI, L’ultimo esorcista, Milano, Piemme, pp. 266 (€ 16,50)
5. ENZO BIANCHI, Una lotta per la vita, Cinisello Balsamo (MI), San Paolo, pp. 246 (€ 16,00)
Gian Paolo Cassano

nesti.jpg